21°

Il piatto forte

Due secoli di conserve

Due secoli di conserve
0

di Andrea Grignaffini
All’inizio fu il tappo di sughero a chiudere una bottiglia dal collo molto largo. Vennero poi la latta e altri successivi miglioramenti per sigillare in modo ermetico recipienti di vetro.
La storia del pomodoro in scatola ha inizio ufficialmente nel 1810, quando il cuoco e pasticcere francese Nicolas Appert viene premiato da Napoleone Bonaparte in persona per aver risolto l’annoso quesito: è possibile allungare la vita alle derrate alimentari fresche dell’esercito? Il cuciniere di Châlons en Champagne ottenne il riconoscimento imperiale dopo numerosi esperimenti sulla passata di pomodoro. Dai suoi studi, poi riportati nel libro Art de conserver, aveva concluso che i cibi deteriorabili si mantengono a lungo in bottiglie trattate in acqua bollente. E aveva codificato il processo: 1. introdurre gli alimenti già lavorati nelle bottiglie; 2. chiudere con tappi di sughero; 3. immergere in acqua bollente, per tempi variabili in base al tipo di alimento; 4. raffreddare.
Semplice a dirsi, col senno di poi, ovviamente. Ce lo conferma Eleonora Cozzella, responsabile del sito Espresso Food&wine, nonché esperta del mondo vegetale per Unomattina Estate che sul pomodoro ha dedicato, vista l’importanza dell’argomento, più di un servizio: «L'invenzione che ha rivoluzionato la possibilità di far vivere più a lungo il cibo (per secoli gli unici prodotti a lunga conservazione erano solo salati, affumicati o essiccati) si fondava sulla semplice constatazione che l’alta temperatura ne rallenta i processi decompositivi. Appert è stato geniale ma non fortunato: cadde in disgrazia perché molto legato a Napoleone, di lì a poco sconfitto, e morì povero. Ma ormai le sue nozioni iniziavano a diffondersi.
Se le idee nacquero all’estero, il perfezionamento è stato però assolutamente made in Italy. Al torinese Francesco Cirio spetta, infatti, il titolo di primo imprenditore del cibo in scatola. La sua fabbrica, aperta nel 1856, divenne famosa dopo la partecipazione all’Exposition Universelle de Paris. Tutti parlavano della passata di pomodoro e dei piselli conservati nella loro acqua di cottura. Ancora a un italiano, l’ufficiale Stanislao Solari della marina militare del Regno di Sardegna, spetta invece la paternità del pomodoro concentrato al cui perfezionamento si dedicò dopo essersi ritirato in pensione nel 1868».
Se questa è la storia vediamo le tipologie di questo prodotto che ha reso Parma così famosa: «Il concentrato di pomodoro a livello domestico si ottiene semplicemente addensando la salsa, anche cuocendola al forno. Il prodotto industriale prevede la cottura del pomodoro in recipienti speciali dai quali vengono continuamente aspirati i vapori prodotti, per ottenere una bollitura a temperatura minore e scarso contatto con l’ossigeno dell’aria (che è un agente alterante). Il concentrato è venduto in scatola o in tubetti d’alluminio (questi ultimi assicurano una migliore protezione una volta aperti). Esistono il semi-concentrato, il concentrato e i concentrati: doppio, triplo e sestuplo. Si tratta tecnicamente di succo di pomodoro sottoposto a processo di concentrazione con residuo secco, al netto di sale aggiunto, non inferiore rispettivamente al 12 per cento, al 18% al 28% al 36% e al 55%.» Quando si dice la potenza del pomodoro.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Emergenza furti spaccata al Centro Cittadella dello Spip

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

3commenti

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

1commento

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

elezioni 2017

Cavandoli, la Lega: "Aspettiamo il suo sì alla candidatura"

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

5commenti

TRAFFICO

Baganzola, accesso alle fiere al rallentatore. Code per chi arriva dall'A1

Formaggio

La grana del grana

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Sentenza

Multa ingiusta, Equitalia condannata

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

PARMA

Suonava in Pilotta: multato per la terza volta il fisarmonicista Giovanni 

19commenti

gazzareporter

Fontanini o.... Corcagnano?

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

2commenti

WEEKEND

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

tv parma

La ricetta di D'Aversa "Dobbiamo metterci più cattiveria" Video

tg parma

Festa tra gli albanesi di Parma nonostante il ko con l'Italia Video

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery