Il piatto forte

Era il dolce dei Turchi. Ora è il simbolo del Tirolo

Era il dolce dei Turchi. Ora è il simbolo del Tirolo
0

di Andrea Grignaffini

La storia dello strudel parte da lontano nel tempo e nei luoghi. L’Ungheria nel periodo a cavallo tra il 1500 e il 1600, subì la dominazione turca per circa duecento anni, incamerandone gli usi, i costumi, la religione, le tradizioni: non potevano mancare ovviamente le influenze culinarie. I turchi, fra i dolci più comuni, consumavano la famosa Baclava, nata a Bisanzio, capitale dell’Impero Ottomano: un impasto preparato con noci tritate, frutta secca, pane, il tutto mescolato con un liquore ad alta gradazione alcolica, e avvolto in una sfoglia di pasta da cuocere in forno. Naturalmente questa preparazione sulla scia dei conquistatori turchi arrivò nella penisola balcanica e da qui in Ungheria, dove fu da subito molto gradita e apprezzata, ma in seguito subì alcune varianti fra cui l’aggiunta delle mele che era un ingrediente molto rilevante nell’alimentazione magiara. Il 1699 fu l’anno della conquista dell’Ungheria da parte dell’Impero Asburgico e il dolce entrò così a far parte dell’Europa prendendo il nome di strudel, ovvero in tedesco, «vortice». L’Austria ne fece una preparazione molto golosa tanto da varcare i confini altoatesini di madre lingua tedesca in quanto ricchi produttori di ottime mele, diventandone nel tempo uno dei dolci più conosciuti e apprezzati in tutte le valli alpine del Sud-Tirolo e del Friuli Venezia Giulia, Oggi lo strudel preparato con mele, zucchero, uvetta sultanina, pangrattato, pinoli, cannella in polvere, scorza di limone e Rum, viene servito nelle pasticcerie accompagnato da soffice panna, latte, caffè, o cioccolata calda ed è conosciutissimo in tutti Paesi del mondo pur avendo subito diverse varianti passando dalla preparazione dolce con tante varietà di frutta fresca, in particolare ciliegie, pere, albicocche, alla frutta secca, a farciture anche salate, come il bork turco a base di carne, o con formaggi e verdure. Essenziale è la pasta detta appunto «pasta strudel» che può essere diversa secondo le usanze: pasta matta, pasta sfoglia, pasta frolla; importante che sia una sfoglia sottilissima quasi trasparente ma elastica, si dice in Austria che deve risultare tirata talmente sottile da porla sopra una lettera d’amore e poterne leggere le parole. Caratteristica, diciamo la verità, sempre più rara a trovarsi. La sfoglia classica preparata con sola farina, acqua tiepida, uovo e olio, è la più indicata in quanto risulta croccante e leggera. Lo strudel deve presentarsi ricco di ripieno e povero di impasto, avvolto in tante pieghe.
 Una curiosità, nei paesi del bacino del Mediterraneo, in primis in Grecia, nella preparazione della Baklava, utilizzano la pasta phyllo dalle mille foglie sottilissime, croccanti e quasi impalpabili.

-La ricetta

La pasta dello strudel nasce da un impasto morbido

Per la pasta strudel: 250 g farina bianca; 1 cucchiaio di zucchero; alcuni cucchiai di acqua tiepida; 1 uovo; 100 g di burro; 1 pizzico di sale fino. Più farina per infarinare la tovaglia e burro per pennellare la pasta. Setacciare la farina, fare la fontana, unire lo zucchero, in mezzo sgusciare l’uovo intero, aggiungere il burro fuso, il pizzico di sale e l’acqua tiepida, amalgamare fino a ottenere un impasto molto morbido, lavorarla con forza sbattendola sul tagliere fino a farla diventare una massa compatta ma elastica. Lasciarla riposare coprendola con un recipiente ben caldo, fino a quando saranno pronti gli ingredienti del ripieno.
A questo punto accendere il forno a 180°. Allargare sulla tavola un telo, infarinarlo e stendere la pasta il più sottile possibile con il mattarello formando un grande rettangolo. Allungare il dorso delle mani infarinate chiuse leggermente a pugno sotto il centro della pasta stendendola il più possibile verso i bordi esterni fino a diventare quasi trasparente. Ora è il momento di distribuire la farcia.

Un ripieno di mele e una spruzzata di zucchero

Ingredienti per il ripieno di mele: 1 kg di mele preferibilmente renette; 130 g di zucchero semolato; 100 g di pane grattugiato; 120 g di burro; 60 g di uva sultanina; 50 g di pinoli; cannella in polvere; scorza di limone, rum.

Procedimento: mettere a bagno l’uvetta sultanina nel rum, lavare, sbucciare e tagliare a fettine le mele, tostare il pane grattugiato in metà porzione di burro. Accendere il forno a 180°, ritorniamo ora sulla ricetta precedente, imburrare la pasta stesa con il restante burro sciolto usando un pennello alimentare, distribuire il pane tostato sulla superficie della sfoglia, ricoprire con le mele, l’uvetta asciugata, i pinoli, la scorza grattugiata del limone, lo zucchero. Prendere i lembi del telo e lentamente avvolgere la pasta su se stessa senza toccarla con le mani e capovolgerla sulla placca dopo aver molto accuratamente sigillato le estremità. Cuocere per circa un’ora, a piacere spolverizzare con zucchero a velo.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Un coro di no per la chiusura del supermercato di via D'Azeglio

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

2commenti

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti