Il piatto forte

Dalla vigna alla bottiglia. Et voilà, il vino è naturale

Dalla vigna alla bottiglia. Et voilà, il vino è naturale
0

Chichibìo

Compie nove anni questo unico, impagabile appuntamento per amanti del vino che è «Vini di vignaioli» (Fornovo, 31 ottobre-1 novembre). E’ nato e ha da subito potuto contare sulla competenza, la passione, l’entusiasmo di Christine Cogez che, divisa per ragioni familiari tra Parigi, Bardi e Fornovo, l’ha fortemente voluto, difeso, fatto crescere (insieme a Pro-loco e Comune, Amministrazione provinciale) mettendo a confronto vignaioli italiani e francesi uniti sotto la bandiera del vino «naturale».
Ma cos'è il vino «naturale»? Sembra quasi una dottrina? «No - risponde Christine Cogez - è un ideale, l’ideale di vinificare seguendo il territorio e il millesimo, perché il vino nasce nella vigna, dove bisogna applicare tecniche naturali vale a dire estrema attenzione per il suolo e i prodotti organici. Così si rispetta la vita della terra, della vigna, dell’uva e questo richiede lavoro artigianale, sincero, autentico: il vignaiolo accompagna, dirige, non trasforma. Compie operazioni indispensabili come la follatura, rifiuta di usare lieviti non presenti in cantina, interviene, certo, ma in modo giusto, pulito, vero». Il vignaiolo è dunque indispensabile?. «Certo, vignaioli che, come si può leggere in molte pubblicazioni, dicono ciò che fanno e fanno ciò che dicono: c'è un aspetto umano molto forte che li unisce e, tra loro, non c'è spirito competitivo, ma rispetto del suolo, senza uso di molecole di sintesi, vendemmie manuali, vinificazione senza modificatori di carattere e di millesimo, maturazione, affinamento e imbottigliamento senza cambiare il vino. Per i vignaioli che praticano l’agricoltura biologica o biodinamica è un punto d’onore fare un vino senza aiuti esterni»

Spesso però non è facile apprezzare questi vini «Il giudice è sempre il consumatore: bere un vino “naturale” è una filosofia, un piacere che porta a trovare l’espressione fedele e immediata dell’uva nella bottiglia. Non solo dell’uva, ma del territorio, del produttore: Gino Veronelli disse che preferiva bere, piuttosto che un vino industriale, un vino del contadino anche non perfetto, purché fatto da un uomo. Nel vino “naturale” si cerca digeribilità,  ricchezza del frutto, autenticità: qui è la differenza».
E come si può conoscere la produzione di questi vignaioli? «I vignaioli che producono vino “naturale” hanno come sostegno da diversi saloni  come questo: qui, da nove anni, si è riusciti a dare ai vignaioli la possibilità di incontrare il pubblico, dal consumatore che viene per scoprire un nuovo vino, al ristoratore o all’enotecario che assaggia e sceglie un certo cru, agli importatori stranieri. E su questra strada vorremmo   continuare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

Gara a Bologna, "Scrivi un film per Ambra Angiolini"

cinema

Gara a Bologna: "Scrivi un film per Ambra Angiolini" Video

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

1commento

nuovo allenatore?

D'Aversa in tribuna al Tardini. Annuncio in serata?

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

2commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

12commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

8commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

1commento

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

4commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

tg parma

Referendum costituzionale: domani urne aperte dalle 7 alle 23 Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

cesenatico

Insegnante mortifica e minaccia un alunno, denunciata dai carabinieri

bologna

Agente si spara al pronto soccorso, è gravissimo

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

Bis Jansrud

Sci, per l'Italia un altro podio: Fill è secondo

SOCIETA'

sesso

E' italiano il primo strumento che misura l'intensità dell'orgasmo

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

1commento