Il piatto forte

Crudo è certamente buono. Ma è altrettanto sano?

Crudo è certamente buono. Ma è altrettanto sano?
Ricevi gratis le news
0

di Andrea Grignaffini

Sushi, tartare, crudité, una presenza ormai fissa e quasi ossessiva sulle tavole modaiole e non solo. Il crudo è leggero, delicato, si adatta alle diete delle modelle  - altrimenti «un’insalata e una bottiglietta d’acqua» -  permette di sostenere un pranzo d’affari e soprattutto il dopo pranzo senza rischi di pericolosi cali di tensione. E fin qui nulla più di una banale osservazione quasi sociologica di un fenomeno di costume alimentare – e non solo, visto il proliferare di sushi bar e ristoranti giapponesi, più o meno doc - ; ma un tema come quello del cibo, e in particolare delle carni e dei pesci crudi, affonda le sue radici a un livello addirittura antropologico, in cui è in gioco l’Uomo e il suo rapporto con il suo nutrimento. Il grande antropologo Claude Lèvi-Strauss che ha dedicato nel 1964 al tema il classico «il crudo e il cotto», individua nel passaggio dal cibo crudo a quello cotto, una transizione fondamentale nell’evoluzione della specie umana che attraverso l’uso del fuoco per preparare il proprio nutrimento, segna una tappa decisiva nel passare dallo stato di Natura a una prima forma di Cultura. Attraverso la cottura dei cibi e in particolare della carne, si evita che il crudo, stadio naturale di acquisizione del cibo, si trasformi in «putrido»: il cotto, nelle sue due modalità principali, arrosto e bollito, è una tecnica che appartiene solo alla cultura umana, di trasformazione del crudo, in opposizione proprio al suo deperimento naturale. Parma sul crudo ha tradizione consolidata: prima ancora di carpacci e tartare da noi il crudo (di cavallo) impera da sempre. Ma è tutto oro quello che luccica? Ci sono controindicazioni all’uso di questa prassi? Lo chiediamo a un docente di Alma di sicurezza alimentare, nonché delegato dell’Accademia Italiana della Cucina, Massimo Gelati: «Consumare del cibo crudo ha diversi vantaggi da un punto di vista strettamente nutrizionale, in quanto conserva intatto il contenuto di sali minerali, sostanze antiossidanti, enzimi ed oligoelementi che potrebbero essere alterati o persi se sottoposti a cotture elevate. Mangiare cibi crudi esalta inoltre il sapore degli alimenti. Chi ama mangiare cibo crudo, deve prestare attenzione però a rischi e svantaggi legati alle tossinfezioni e contaminazioni dovuti a batteri patogeni come Listeria; Escherichiacoli, Salmonella. I rischi del cibo crudo sono maggiori quando non si sa la provenienza della carne, se è conservata male e non c'è stata giusta igiene nella conservazione degli alimenti.
Per non correre rischi con il «crudo» questo deve essere conservato in modo tale da evitare il contatto con altro cibo, magari cotto,  avendo la premura di prepararlo al momento di servire per evitare ossidazione e deterioramento». 

-I consigli degli esperti
La marinatura non basta, molto meglio arrivare a venti gradi sotto lo zero
Se fino a qualche tempo fa un vanto dei ristoranti di pesce al momento di servire un crudo era quello di presentarlo fresco ora dovrebbe cambiare, almeno per legge, in «abbattuto».
L’anisakis è dietro l’angolo.Il primo caso di anisakiasi fu osservato in Olanda nel 1955. Si trattava di un soggetto mangiatore di aringhe affumicate «verdi», tanto che questa malattia viene anche detta «malattia del verme dell’aringa». Una volta ingerito il pesce infestato dalla larva, capita che muoia o non dia sintomi. Altre volte, invece, le larve possono invadere la mucosa gastrica o intestinale dell’uomo e causare dolori addominali, nausea, dissenteria, vomito e febbre, generalmente entro la settimana successiva. Le larve, una volta poi penetrate nelle mucose gastriche e intestinali, danno luogo ad una infiammazione con possibilità di ulcere, fino alla perforazione della parete. I prodotti ittici dei mari italiani più frequentemente intaccati dall’Anisakis sono: le sardine et similia (aringhe, acciughe…), gli sgombri, il pesce San Pietro, il pesce sciabola (allarme rosso!), calamari e totani. Nei pesci le larve, che misurano circa quattro-cinque millimetri, si localizzano dalle parti del fegato, dello stomaco e dell’intestino, dove tendono a incistarsi e assumere una caratteristica forma a spirale. Una pronta e completa eviscerazione permette l'allontanamento del parassita, che potrebbe migrare nelle masse muscolari del pesce. Pratica, invero, ben poco diffusa. Completamente sicura invece, l’abbattitura per 24 ore a meno 20°C. Così problemi non ce ne sono e il pesce è ottimo lo stesso considerando che la pratica è differente dal congelamento. Nonostante ancora qualcuno si ostini pervicacemente di asserire che con la marinatura si possano evitare guai, va detto che questa tecnica nulla serve se non ad apportare un piacevole gusto acidulo. Infatti, è stato dimostrato che la marinatura, con limone e aceto, utilizzata per molti pesci non è in grado di uccidere i parassiti.
 Le larve muoiono soltanto a temperature elevate (60° C per dieci minuti) o come prima detto con il congelamento. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

1commento

capodanno

Ecco le locandine: Fedez si fa. Ma dove? Domani la risposta

1commento

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

solidarietà

"Parma facciamo squadra" in campo per i bimbi poveri

Campagna fondi al via: Barilla, Chiesi, Fondazione Cariparma e Forum Solidarietà in prima linea

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS