-2°

Il piatto forte

Ristorante arrivederci. Ora si va a cena a casa

Ristorante arrivederci. Ora si va a cena a casa
0

di Chichibìo

Sembrava facile, e bello, negli illusori anni '70/'80 aprire un ristorante. Qualche soldo a disposizione, la presuntuosa certezza che la ristorazione fosse insufficiente e semplice a farsi, la convinzione d’esser capaci di cucinare meglio: così molti decisero di lasciare il lavoro (i più prudenti optarono per un, ancora possibile, part-time) e aprire un locale. Un posto in campagna, un buco in città e via a fare l’osteria, a preparare menu scritti a mano, a metter su cantine coi vini conosciuti. I pochi più accorti hanno retto, fatto pratica, tenuto duro - gli altri, esaurito l’entusiasmo, hanno smesso e sono tornati dall’altra parte dei fornelli. Ma l’idea del ristorante in cui si ricreano l’aria e i sapori di casa è vecchia come il mondo, è una formula difficile e vincente, usata e abusata, ripresa dalla pubblicità, utilizzata nella comunicazione - la innerva, infatti, l’illusoria speranza di poter godere di piatti casalinghi fatti da altri e dunque spendendo solo denari e non quei pensieri, tempo, cura che il cibo domestico richiede. Anche nel migliore dei casi, però, si resterà inevitabilmente un po' delusi e sempre qualcuno dirà che quello della mamma, zia, nonna è migliore. E tuttavia il desiderio di trovare quel cibo, quell'atmosfera calorosa spinge a cercare, oggi soprattutto sul web, indirizzi inconsueti, a correre il rischio dello sconosciuto, dell’incontro inatteso. Per pagare meno che al ristorante, per averne maggiore soddisfazione. Dall’altra parte un sottobosco fitto di cuochi amatoriali, di chef incompresi è pronto ad aprire le porte di case, per lo stesso piacere dell’incontro e/o per riceverne un guadagno concreto. All’inizio fu così: nelle case dei pescatori greci, sulle coste bretoni, nelle baracche cubane, in Puglia o in Calabria s'assaggiarono, durante le vacanze, teglie di piatti unici, pesci e verdure che giovinezza e ricordo indorano per sempre. Al tempo della scuola e prima degli agriturismo, appetiti sempre intatti vennero saziati da tegami fumanti di tagliatelle, da zuppiere di trippa, da monumentali stinchi e costine al forno e chi, come me, stava fuori poté conoscere l’impagabile ribollita della signora Lia, il suo infiammato peposo. Si mangiava molto, si pagava poco. Non poco, invece, costavano quelle bravissime cuoche a domicilio che andavano, e ancora vanno, nelle case a preparare cene impegnative, pranzi significativi. Oggi, tra i tavolini e le chiacchiere di via Farini, circola il nome di qualche bar che cucina fuori orario, qualche indirizzo privato riservato agli amici: garantita è la semplicità del cibo, l’accoglienza amichevole, la piacevolezza festiva della serata - senza dimenticare il pagamento in contanti.

-Cosa accade
Cosa lo rende molto differente  rispetto a un locale normale
Ciò che occorre è una casa accogliente, una sala spaziosa o un giardino per la stagione estiva, un cuoco/a capace di cucinare per 6-10 persone. Il menu è fisso, ma si può concordare pur restando nel ventaglio di possibilità che la casa sa offrire; il prezzo è deciso prima, oscilla tra i 25 e i 30 euro, e dipende dalle materie prime utilizzate (il tartufo, il pesce per esempio, fanno salire il conto). Il vino è corrente, scelto tra le etichette nostrane di miglior rapporto prezzo/qualità, ma anche qui si può variare: chi vuole portare bottiglie proprie lascerà un «diritto di tappo», come accade anche in locali blasonati.
Essere puntuali, non troppo noiosi, non rinunciare all’ultimo momento, accettare lo spirito amichevole con cui il tutto nasce, adattarsi ad un servizio volenteroso e collaborare per la riuscita della serata. Non sono vietate le chitarre, né le canzoni da intonare in coro, il caffè è quello della moka, il nocino fatto in casa. Fare festa non è obbligatorio, ma rende la sera nel «ristorante undergroud» più piacevole. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

8commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

11commenti

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

14commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Parmense

Breve blackout a Salsomaggiore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017