17°

Il piatto forte

Ristorante arrivederci. Ora si va a cena a casa

Ristorante arrivederci. Ora si va a cena a casa
0

di Chichibìo

Sembrava facile, e bello, negli illusori anni '70/'80 aprire un ristorante. Qualche soldo a disposizione, la presuntuosa certezza che la ristorazione fosse insufficiente e semplice a farsi, la convinzione d’esser capaci di cucinare meglio: così molti decisero di lasciare il lavoro (i più prudenti optarono per un, ancora possibile, part-time) e aprire un locale. Un posto in campagna, un buco in città e via a fare l’osteria, a preparare menu scritti a mano, a metter su cantine coi vini conosciuti. I pochi più accorti hanno retto, fatto pratica, tenuto duro - gli altri, esaurito l’entusiasmo, hanno smesso e sono tornati dall’altra parte dei fornelli. Ma l’idea del ristorante in cui si ricreano l’aria e i sapori di casa è vecchia come il mondo, è una formula difficile e vincente, usata e abusata, ripresa dalla pubblicità, utilizzata nella comunicazione - la innerva, infatti, l’illusoria speranza di poter godere di piatti casalinghi fatti da altri e dunque spendendo solo denari e non quei pensieri, tempo, cura che il cibo domestico richiede. Anche nel migliore dei casi, però, si resterà inevitabilmente un po' delusi e sempre qualcuno dirà che quello della mamma, zia, nonna è migliore. E tuttavia il desiderio di trovare quel cibo, quell'atmosfera calorosa spinge a cercare, oggi soprattutto sul web, indirizzi inconsueti, a correre il rischio dello sconosciuto, dell’incontro inatteso. Per pagare meno che al ristorante, per averne maggiore soddisfazione. Dall’altra parte un sottobosco fitto di cuochi amatoriali, di chef incompresi è pronto ad aprire le porte di case, per lo stesso piacere dell’incontro e/o per riceverne un guadagno concreto. All’inizio fu così: nelle case dei pescatori greci, sulle coste bretoni, nelle baracche cubane, in Puglia o in Calabria s'assaggiarono, durante le vacanze, teglie di piatti unici, pesci e verdure che giovinezza e ricordo indorano per sempre. Al tempo della scuola e prima degli agriturismo, appetiti sempre intatti vennero saziati da tegami fumanti di tagliatelle, da zuppiere di trippa, da monumentali stinchi e costine al forno e chi, come me, stava fuori poté conoscere l’impagabile ribollita della signora Lia, il suo infiammato peposo. Si mangiava molto, si pagava poco. Non poco, invece, costavano quelle bravissime cuoche a domicilio che andavano, e ancora vanno, nelle case a preparare cene impegnative, pranzi significativi. Oggi, tra i tavolini e le chiacchiere di via Farini, circola il nome di qualche bar che cucina fuori orario, qualche indirizzo privato riservato agli amici: garantita è la semplicità del cibo, l’accoglienza amichevole, la piacevolezza festiva della serata - senza dimenticare il pagamento in contanti.

-Cosa accade
Cosa lo rende molto differente  rispetto a un locale normale
Ciò che occorre è una casa accogliente, una sala spaziosa o un giardino per la stagione estiva, un cuoco/a capace di cucinare per 6-10 persone. Il menu è fisso, ma si può concordare pur restando nel ventaglio di possibilità che la casa sa offrire; il prezzo è deciso prima, oscilla tra i 25 e i 30 euro, e dipende dalle materie prime utilizzate (il tartufo, il pesce per esempio, fanno salire il conto). Il vino è corrente, scelto tra le etichette nostrane di miglior rapporto prezzo/qualità, ma anche qui si può variare: chi vuole portare bottiglie proprie lascerà un «diritto di tappo», come accade anche in locali blasonati.
Essere puntuali, non troppo noiosi, non rinunciare all’ultimo momento, accettare lo spirito amichevole con cui il tutto nasce, adattarsi ad un servizio volenteroso e collaborare per la riuscita della serata. Non sono vietate le chitarre, né le canzoni da intonare in coro, il caffè è quello della moka, il nocino fatto in casa. Fare festa non è obbligatorio, ma rende la sera nel «ristorante undergroud» più piacevole. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Fotografia Europea, 400 mostre "off": anche Parma fra gli eventi

Reggio

Fotografia Europea, 400 mostre "off": anche Parma fra gli eventi Foto

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Scompare un 55enne: la zona di Diolo setacciata da cinofili ed elicottero

soragna

Scompare un 55enne: la zona di Diolo setacciata da cinofili ed elicottero Foto

Interrogazione

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento

Fidenza

Anestesista muore a 37 anni

agenda

Street food, primavera in tavola e... tattoo: l'agenda del sabato

Allarme

Un'altra truffa del gas, occhio ai falsi lettori di contatori

Noceto

Noceto senza tangenziale, Fecci alza il tiro

Trasporto pubblico

Addio Tep: i prossimi 9 anni saranno targati Busitalia

Tep ha 30 giorni per un eventuale ricorso al tribunale amministrativo

5commenti

Viabilità

Troppi camion in paese, allarme a Vicofertile

Incidente

Bimbo investito da un'auto a Fontanellato

Scontro auto-scooter a Sanguinaro: un ferito

PENSIONI

Ape social, al via le domande

RUGBY

L'addio al campo di Pulli

Le grandi firme

Ubaldo Bertoli e la Parma del secondo dopoguerra

Inflazione

A Parma i prezzi corrono più della media nazionale: +2,5% ad aprile, pesano i carburanti

Aumentano alimentari, ristorazione e servizi per la casa, calano i prezzi dei settori Comunicazioni e Istruzione

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

9commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

IL FATTO DEL GIORNO

L'omicidio di Alessia Della Pia: Jella è libero in Tunisia, interrogazione in Parlamento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

2commenti

ITALIA/MONDO

Piacenza

A processo capo scout: avrebbe toccato il seno a una 16enne

FERRARA

I carabinieri cercano il killer Igor e trovano gli spacciatori

SOCIETA'

Fisco

"Amazon ha evaso 130 milioni"

USA

A Los Angeles un luogo per gli amanti del gelato Video

SPORT

TENNIS

La Sharapova continua a vincere

Formula 1

Gp di Russia, prove libere: le Ferrari davanti a tutti

MOTORI

IL TEST

Al volante di Infiniti QX30. Ecco come va Foto

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche