18°

Il piatto forte

Tonda, dolce e simpatica. E non si butta via nulla

Tonda, dolce e simpatica. E non si butta via nulla
0

di Errica Tamani

Protagonista delle campagne padane già nel Settecento, regina dell’agricoltura e della cucina reggiana, mantovana e parmigiana, la zucca è stata un elemento fondamentale del sistema alimentare delle comunità rurali di gran parte del mondo. La zucca per eccellenza, la «cucurbita maxima», è quella tra l’altro più diffusa nel Nord Italia: ha grandi frutti rotondeggianti, schiacciati ai poli, foglie altrettanto rotonde, pelose e di colore verde chiaro. Il gambo è morbido e i fiori a forma di trombetta sono profumati.
La generosità alimentare della zucca è indiscutibile. Di essa infatti si può mangiare tutto: fiori, germogli, polpa e semi. I fiori della pianta, farciti  e cotti in forno, ma anche intinti nella pastella e fritti sono sfiziosi e perfetti come antipasto o contorno. I germogli e le foglie più tenere, una volta cotti, possono essere la base per  minestre o appetitose frittate. I semi asciutti e salati sono uno snack che non perdona. Certo, la protagonista delle preparazioni culinarie è la polpa: lessa, fritta, al vapore, al forno, sta bene con rosmarino, salvia, noce moscata.
A giustificar il grande e diffuso apprezzamento della zucca, vanno anche considerate la rusticità della pianta e la sua facile coltivazione in terreni scarsamente fertili o non irrigabili e la grande conservabilità che le consente di restare commestibile fino a primavera inoltrata. Non dimentichiamo che all’afa della stagione estiva in pianura, la zucca risponde con una grande capacità di dare ombra. La «cucurbita maxima», originaria del Sud America, comprende le migliori varietà dal punto di vista gastronomico. Queste zucche raccolte sul finire dell’estate, o nel primo autunno, sono le protagoniste dei leggendari tortelli che dominano, con minime varianti da zona a zona, la Bassa del triangolo Parma, Reggio Emilia e  Mantova. In particolare,  con la sua polpa pastosa e farinosa e il suo sapore dolce, la  zucca più nota nelle terre che hanno fatto da sfondo alle vicende di Don Camillo e Peppone è, ironia della sorte, quella denominata «cappello di prete». Ovviamente il nome non è casuale: tale zucca ricorda, per la sua forma, la calotta di un sacerdote. Si tratta di un grosso frutto costoluto costituito da una cupola di colore grigio-verde che sovrasta a mo’ di calotta una parte semisferica
similmente colorata. Ha una polpa densa, molto zuccherina e può raggiungere livelli di eccellenza. E’ ideale per fare  paste ripiene e se ben conservata,  dura sino a primavera inoltrata. L’amore per questo frutto, capace di dare sazietà pur essendo poco calorico, ha spinto i Mantovani a dare il via a una manifestazione «Di zucca in zucca«, che da più di 10 anni valorizza l’ortaggio simbolo della città d’acqua.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47 Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

polizia municipale

Tre minorenni sorpresi con alcolici: multa al locale che glieli ha venduti

1commento

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

1commento

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

2commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

14commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Stretta sui visti, controlli anche sui social Video

IRAQ

Gli Usa ammettono responsabilità nel raid su Mosul Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa