13°

31°

Il piatto forte

Quella candida spuma che piace a tutti i golosi

Quella candida spuma che piace a tutti i golosi
0

 In tempi in cui si possedeva nei cromosomi il senso più compiuto del riciclo domestico alimentare, erano in voga preparazioni che mettevano mano a fantasia e savoir faire, a volte anche piuttosto semplici. Come nel caso delle meringhe: un modo per valorizzare quell’albume che tante volte è d’impiccio e viene inopinatamente gettato. Il termine sembra derivi dal nome della cittadina svizzera Meiringen in cui lavorava un valente pasticcere che alla fine del Settecento la esportò in Francia con grande successo. Infatti, i francesi furono i primi a trasformare gli albumi montati con l’aggiunta di zucchero in una massa spumosa dolce dalla quale ricavare tante specialità, come i dischi base per torte, ma anche semplici, leggere e golose meringhe, magari intercalate a due a due con ottima panna fresca, gli eterei spumini bianchi candidi o colorati (in questo caso si utilizzano coloranti alimentari oppure ricoperti di caffè o cioccolato), le fragranti dita di dama o da sbriciolare come decorazione di dolci, nei gelati, dalle cassate ai semifreddi e agli spumoni. Le meringhe si possono definire di tre tipi: francesi, italiane e svizzere, ma non mancano altre tipologie come le spagnole e le giapponesi. Altra diversità è la preparazione a caldo o a freddo pur utilizzando tutte gli stessi ingredienti. Per la classica meringa francese lavorata a freddo si usano albumi montati a neve aggiungendo zucchero a velo o semolato a freddo secondo le proporzioni e cotte al forno a temperatura bassissima non superiore agli 85°/100° lasciando socchiuso lo sportello del forno per eliminare qualsiasi traccia di umidità fino a competa asciugatura. Un particolare fondamentale questo per la riuscita di un dolce altrimenti risultante di texture troppo elastica, o peggio «tiramollosa». Per ottenere biscotti e basi per torte occorre una meringa a caldo riscaldando lo zucchero sui 60°/80° aggiungendolo agli albumi montati a neve fino a formare una massa ben ferma. A questo punto occorre stenderla con una sacca a poche su una placca da forno e cuocere sempre a calore bassissimo fino a che diventi secca. La meringa italiana, termine usato soprattutto in Francia, è l’unica che non prevede la cottura, essendo stabilizzata dallo zucchero cotto. 
Prevede uno sciroppo di zucchero caldo a 121° versato a filo sugli albumi montati a neve continuando a lavorare il tutto, finché la meringa non risulti ben ferma. 
A questo punto occorre asportare la meringa con un raschietto in plastica e sistemarla su una placca e ricoprire con un leggero strato di pellicola. Altro fattore molto importante è la proporzione fra il peso  degli albumi e lo  zucchero impiegato per ottenere una massa leggera o pesante.  Andrea Grignaffini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

Incidente anche a Casaltone: auto ribaltata, ferita una donna

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover