11°

26°

Il piatto forte

Autunno, tempo di mangiare. L'importante è scegliere bene

Autunno, tempo di mangiare. L'importante è scegliere bene
0

Finite le vacanze, ecco la stagione dei bilanci e delle Guide: sei pronto a un giudizio sulla situazione di Parma?
Pronto piuttosto a dare uno sguardo, però ricorda che l’anagramma di guida è giuda e che, se non di falsità, sempre di opinioni soggettive si tratta: frutto d’esperienza, d’attenzione, ma sempre opinioni...
Va bene, ti lascio questo piccolo alibi, ma allora c'è grande ristorazione a Parma?
«Sempre la stessa domanda: no, non c'è, non c'è più dopo che ha chiuso Cantarelli. A quel livello nessuno, ma qualche posto buono sì, dove magari non sempre tutto fila liscio, qualcosa s'inceppa, ma dove trovi prodotti di qualità, tensione professionale, piatti e spunti interessanti. Qualche rappresentante di categoria dirà che quando vengono gli stranieri sono sempre entusiasti e che noi a fare 'sti discorsi si rema contro. In realtà nella ristorazione è ancora possibile vivere di rendita, appoggiandosi magari ai nostri famosi prodotti».
Già, i prodotti Dop: non avrai da ridire anche su quelli?
Solo qualcosa e scusa se mi cito, ma quando quasi vent'anni fa scrivevo che bisognava dare più qualità al Parmigiano e al prosciutto e che i nostri vini erano scarsi, allora mi guardavano male. Oggi vedo che si trova sul mercato Parmigiano di collina, di pianura, di vacche brune, di varie stagionature (anche troppo lunghe a volte) e lo stesso vale per il prosciutto di 36, 48 mesi - e si è recuperato il maiale nero, con cui c'è ancora molto da fare. I vini poi hanno fatto un grande salto, come spesso ci racconta Andrea Grignaffini: «Nabucco» di Monte delle Vigne ha mosso le acque, Lamoretti ha affinato la qualità, i Ceci hanno inventato con grande successo un lambrusco più dolcino, ruffiano (non mi piace molto). Bergamaschi ha salvato la fortana che ora sono in molti a produrre, Donati fa buone cose e un’ottima barbera, come è anche il «Sia lodato» di Palazzo e «Argille» di Monte delle Vigne: sono i nostri «superparmesan». Migliorate  le malvasie, sempre snobbato il moscato che meriterebbe invece di più. E altri produttori crescono».
Non hai parlato del culatello..
Merita un discorso a parte, perché era quasi sparito e lo hanno salvato i produttori del Consorzio col loro tenace lavoro e l’Arciconfraternita che ha tenuto sveglia l’attenzione con suggerimenti critici e pungenti. Resta un salume difficile ed è raro trovarlo eccellente, ma allora diventa una delle cose più buone che si possano mangiare».
Andiamo però ai ristoranti...
Sì, e per dire subito che pochi sono i casi in cui questi prodotti sono presentati come meriterebbero: si contano sulle dita di una mano i posti dove tagliano il prosciutto anche al coltello, dove trovi diverse tipologie di Parmigiano, diverse stagionature di culatello».
Ma, insomma, quali sono i migliori?
«Non chiedermi, per una volta, di fare una classifica: non mi sottraggo al giudizio, ma lasciami un po' di libertà. Tra i migliori penso subito alla «Stella d’oro» di Soragna, al talento maturo del suo cuoco che deve solo non cercare avventure e restare «sul pezzo». Lì intorno, nella Bassa, c'è il «nuovo» Massimo Spigaroli della «Corte Pallavicina» che dà grande risalto al culatello e che crescerà ancora se saprà esaltare appieno le materie del suo orto, del cortile, dei suoi pascoli. Indirizzi sicuri sono la «Buca» di Zibello, i «Due Foscari» di Busseto, «Ivan» a Fontanelle. Restando in provincia, il «Castello» di Varano Melegari fa cucina moderna e di ricerca con piatti leggeri, «da morosi» dice un mio amico, ma anche di grande intensità come il piedino di maiale; da «Masticabrodo» a Pilastro e alla «Brace» di Maiatico si va sul sicuro; alla «Trattoria di Cafragna», in un ambiente di grande piacevolezza, c'è un cuoco modesto e ricco di bravura che spazia, senza tradire, dalla tradizione alla modernità».
Stai parlando della provincia, e in città?
Qui c'è forse la più felice sorpresa di questi ultimi anni: i «Due platani» hanno mantenuto le promesse degli esordi ed ora coi loro piatti solidi, ben fatti, pieni di gusto e prezzi onesti sono di certo tra i primi. Poi ci sono i valori consolidati di «Cocchi», imbattibile nella parte «parmigiana» della sua lista, «Greppia» nella sua classicità, «Parizzi» moderno nel locale e nell’impronta di cucina. Buone sorprese vengono anche dalla «Gatta matta», dal «Piccolo Principe», dagli «Antichi sapori», dal «Tramezzo» che ha virato sul pesce».
La novità più significativa, qualche indirizzo da non perdere?
«Galù di San Secondo è la novità: giovane cuoco e cucina fresca, intelligente, moderna che, per esempio, rilegge le mezze maniche ripiene in modo magistrale. Per un pranzo come a casa direi «Antonia» a Parma, «Rosa» a Selva stazione, «Capelli» a Rivalta, «Tarasconi» a Paderna, "Milla" a Sala. «Mariella» a Fragno ha cucina semplice, cantina stellare e accoglienza, gentilezza; le sorelle dello «Scalocchio» a Castione Baratti declinano entusiasmo e amore per i prodotti del territorio; «Podere San Faustino» a Fidenza, se non si distrae troppo, sa guardare alla tradizione e al tempo presente».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

2commenti

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

La denuncia

Asili e materne, graduatorie col «trucco»

2commenti

Intervista al dG

Fabi: «Così rilancerò il Maggiore»

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

2commenti

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

Sport Paralimpici

Giulia, pesce combattente

Lega Pro

Parma, e adesso la Lucchese

1commento

MEDESANO

Pellegrini 2.0: una app sulla via Francigena

Busseto

Addio a Scrivani: ha insegnato a guidare a  generazioni

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

4commenti

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

12commenti

lega pro

Paolo Grossi: "Lucchese, sorteggio benigno" Video

Il Parma verso la Lucchese, guidata in panchina l'ex laziale Lopez, che ha sostituito Galderisi

2commenti

VERSO IL VOTO

Legalità, Alfieri lancia la sfida del certificato 335

E' il documento nel quale sono trascritti gli eventuali carichi pendenti

3commenti

TRAVERSETOLO

I ragazzini fanno i vandali, il sindaco: "Pagheranno le famiglie"

1commento

VIA COSTITUENTE

Colpiscono il gestore del supermercato con una catena: due donne arrestate per rapina

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

ISLANDA

Turista italiano 20enne muore in un incidente in bici

LONDRA

Voto Gb: dopo Manchester Labour rimonta ancora, -5% da Tory

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

Moto

Rossi, notte serena all'ospedale

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

1commento

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima