11°

27°

Il piatto forte

Ha un cuore dolcissimo. E in tavola perde le spine

Ha un cuore dolcissimo. E in tavola perde le spine
0

 Un cuore dolce in una scorza ostica, la succulenza interna resa croccante da mille grumi: la doppia anima del fico d’India. Frutto tra i più scomodi ma golosi come ben sanno in Sicilia dove la sua coltivazione si concentra soprattutto tra Piazza Armerina, Caltagirone e San Cono, di cui è diventato l’emblema tanto da dedicargli una sagra in ottobre. Un frutto particolare che cresce spontaneamente in terreni aridi o semiaridi in tutto il bacino del Mediterraneo, e che proprio in Sicilia e in Sardegna ha coltivazione elettiva e che origina nell’altopiano del Messico dove gli Atzechi la consideravano sacra.  Attorno al 1500, portata dagli spagnoli, arriverà in Europa dove si diffonde facilmente. Il nome gli fu dato da Cristoforo Colombo in onore di quell’India che voleva raggiungere. Il nome scientifico è Opuntia ficus-indica: una pianta erbacea le cui radici sono formate da foglie carnose; le pale, che si sovrappongono danno vita alla caratteristica forma di albero senza tronchi e senza rami. E’ dotata di rami articolati in cladodi (sono pale che immagazzinano acqua per i periodi siccitosi), carnosi e ricoperti da piccoli nodi spinosi, i fiori nascono sui bordi dei cladodi, i petali sono di un bellissimo colore giallo arancio, i frutti hanno forma ovoidale di colore che virano dal giallo al violetto la cui superficie è ricoperta di spine, buccia spessa e polpa dello stesso colore della parte esterna, ed è ricca di semi all’interno. E’ una pianta che si adatta a terreni rocciosi e siccitosi, dove vive molto a lungo, crescendo facilmente fino ai 5 metri d’altezza. Fruttifica da agosto all’autunno inoltrato, i primi frutti sono abbondanti, piccoli e dolci e vengono diradati per lasciare spazio alla seconda produzione autunnale, gli scozzolati, i migliori in assoluto. In Italia abbiamo alcune cultivar: la gialla o surfarina, la più diffusa, la rossa o sanguigna e la bianca o muscaredda. Il fico d’India non necessita di cure particolari dall’uomo e neppure di aiuti chimici per fruttificare e vivere. Spesso questo frutto è poco sfruttato dai mercati lontani dai luoghi di produzione per le abbondanti spine che lo ricoprono necessitando pertanto molta attenzione a maneggiarlo. Oggi, in Sicilia viene effettuata la despinatura con macchinari che attraverso la spazzolatura e l’aspirazione tolgono le  spine dal frutto, diventando così più appetibile per il mercato. 

Il fico d’India si mangia semplicemente: è dolce, saporito, succoso; ma trova largo impiego anche in gelateria e in liquoreria, inoltre si presta ad essere trasformato in sciroppo, in confettura, in candito, in mostarda. In Sardegna si prepara anche una buonissima sapa di fico d’India, tanto da avere ottenuto il riconoscimento di Prodotto Tradizionale.  Andrea Grignaffini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Furti all'Esselunga

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

3commenti

Anteprima Gazzetta

Inchiesta Pasimafi: spariti due computer, giallo all'ospedale Video

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

2commenti

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

8commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

7commenti

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

5commenti

gazzareporter

Boccone avvelenato? Allarme in Cittadella Le foto

L'INIZIATIVA

Parma città creativa dell'Unesco: nasce la Fondazione

L'organismo è aperto. Per ora ne fanno parte Comune, Fiere, Upi, Cciaa e Università

tardini

Al via la prevendita per Parma-Lucchese

sondaggio

Dall'anno prossimo torna la Serie C (addio Lega Pro): siete d'accordo?

4commenti

Elezioni 2017

Cattabiani denuncia un attacco hacker al suo sito e parla di atti intimidatori

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

1commento

WEEKEND

Cantine aperte, moto, maschere: 5 eventi da non perdere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

TAORMINA

G7, bozza finale: sì alla difesa dei confini Video

torino

Con la fionda riforniva di droga il figlio in carcere: condannata

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima