-2°

Il piatto forte

E' come i giacinti e i gigli: ma ama più i piatti dei vasi

E' come i giacinti e i gigli: ma ama più i piatti dei vasi
0

L’appartenenza alla nobile famiglia delle liliacee, quella che annovera fiori splendidi come i gigli, i giacinti e i gladioli, di certo non basta a levare il velo del pregiudizio che adombra le qualità del porro. 
Un ortaggio, tipico del periodo invernale, che spesso viene snobbato o relegato a comparsa, insieme ad altre verdure, nei minestroni di casa. Peccato perché il porro è davvero versatile e, benché abbia parentele con aglio, cipolla e scalogno, ha un profumo più fine e un insospettabile sapore delicato e dolce che si accompagna a una grande digeribilità. 

Niente «su e giù»
Insomma niente su e giù come capita invece con aglio e cipolla. Coltivato in tutta Europa, il porro ha una storia antichissima: era conosciuto e coltivato nell’antico Egitto già 2.000 anni prima di Cristo. 
Del porro, che raggiunge altezze anche di 80 cm, si usa il fusto, un bulbo cilindrico appena rigonfio, composto da una serie di guaine fogliari, avviluppate le une sulle altre: una sorta di gigantesco sigaro. La parte bianca e tenera è la più pregiata in cucina, mentre quella verde, un po’ più sostenuta e dal sapore appena più accentuato, trova comunque impiego, in frittate, flan, zuppe e soffritti. 
Quando lo si compra, la scelta deve cadere su un esemplare con gambo dritto, sodo, con foglie turgide e di un bel verde. Mentre le foglie sciupate e appassite denunciano un’improbabile freschezza e un conseguente calo di dolcezza a favore di un gusto più acre. Lo si pulisce eliminando la parte dotata di radicine, la barba, e levando le foglie più esterne. 
La parte bianca tagliata a rondelle fini e saltata in padella con un goccio di olio o di burro, insieme a pancetta affumicata o a un po’ di salsiccia rosolata riesce a creare un sugo non banale e appetitoso con cui condire una pasta. 
Celebre quello di Cervere
Tra le più celebri varietà di porri c’è quella di Cervere, paese del Cuneese, il cui «terroir» garantisce un ortaggio dal sapore particolarmente fine e dolce. 
Ed è proprio il consorzio di tutela di questo porro speciale che suggerisce ricette semplici, di casa, dove questi ortaggi sono protagonisti assoluti. È il caso dei porri gratinati: una volta privati delle radici e delle foglie verdi, si tagliano le parti bianche. Queste vengono fatte scottare in acqua bollente per quindici minuti. 
Poi si scolano e si mettono in una teglia imburrata, si ricoprono con emmenthal, prosciutto cotto, panna liquida e fiocchi di burro e si infornano fino a quando non si forma una bella crosticina (20 minuti). Ma i porri si rivelano ingredienti non solo per una cucina rustica, ma anche per quelle firmate da importanti chef. Gian Piero e Lorenzo Vivalda dell’«Antica Corona Reale» di Cervere, tra le varie proposte in cui figurano i cilindri aromatici, hanno messo a punto piatti come i ravioli ai porri e patate, al burro di montagna e le lumache di Cherasco ai porri e mele della Val Bronda. 
Nel succo estratto da porri cotti alla brace e pressati, unito a pancetta affumicata, peperoncino e vino bianco Niko Romito del ristorante «Reale» di Rivisondoli (AQ), fa cuocere e al tempo stesso anche glassare degli spaghettini.  Errica Tamani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

4commenti

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

7commenti

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Traffico

Pericolo nebbia questa mattina nel Parmense Traffico in tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

9commenti

Intervista

Rocco Hunt: «Sono un po' meno buono»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

7commenti

Solidarietà

Il pranzo per i poveri raddoppia

cinema

Il DomAtoRe di RaNe al cinema Astra

La proiezione del documentario su Lorenzo Dondi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti