-2°

Il piatto forte

La gara delle chiacchiere

La gara delle chiacchiere
2

di Chichibìo

Degustazione con la scossa e poi una decina di secondi di oscillazioni: eravamo al sesto piano, nella sala più grande della «Gazzetta», quando venerdì scorso ha tirato i suoi botti poco carnevaleschi questo terremoto che sembra non volerci abbandonare. Panico per qualcuno, sangue freddo e consapevolezza di essere in un edificio sicuro e antisismico per gli altri. Per stare tranquilli, mentre le luci continuavano ad oscillare, è stato prudente scendere le scale di sicurezza e ritrovarsi, tra impiegati e giornalisti, all’aperto nel parcheggio del giornale. Qualche battuta, qualche sigaretta per riprendere colore e allontanare la paura, poi la risalita per cominciare la nostra prevista degustazione di chiacchiere. Queste sì carnevalesche: leggere, friabili e perfette a fine pranzo con un goccio di moscato frizzante o di malvasia dolce.

Il nostro scopo, come sempre quando si organizzano cose simili, è quello di fotografare una realtà, di analizzarla insieme a persone variamente competenti e di renderne pubblicamente conto per stimolare il desiderio di migliorare e di dare impulso alla cultura del cibo che nel nostro territorio ha salde radici, ma che spesso sembra essersi seduta su facili allori. Seguendo un percorso ormai rodato, abbiamo scelto dieci luoghi dove acquistarle: sette tra le più note pasticcerie, due gastronomie e una panetteria dove in passato abbiamo avuto buone sensazioni. Come sempre accade, si tratta di scelte arbitrarie che certo dimenticheranno qualche ottimo facitore di chiacchiere: siamo pronti ad accoglierlo in una prossima occasione se vorrà segnalarsi.

Abbiamo acquistato i nostri dolci pacchetti in forma anonima, dunque senza specificare che sarebbero serviti per una degustazione, nella tarda mattinata di venerdì 27 gennaio: la degustazione si è poi tenuta nel primo pomeriggio dello stesso giorno nella sede del giornale. Tanti pacchetti (otto rispetto ai dieci previsti: in alcuni casi le chiacchiere non erano disponibili) resi anonimi e numerati da Paolo Micheli (dell’«Accademia italiana della cucina») e da me, che non abbiamo espresso giudizi o voti, e che eravamo gli unici a conoscerne la provenienza. I degustatori hanno successivamente assaggiato «alla cieca» le chiacchiere fritte e le hanno valutate utilizzando i voti «scolastici» da 1 a 10, dove la sufficienza è fissata a 6: il voto finale ha tenuto conto di aspetto, friabilità, leggerezza e sapore.

Nel fare la media dei voti si è escluso, per ogni concorrente, il punteggio più alto e quello più basso. Il gruppo dei degustatori era composto da sei cuochi di trattorie e ristoranti parmigiani dove i dolci tradizionali sono tenuti in particolare conto e molti dei quali non avevano mai partecipato alle nostre degustazioni. Si tratta di Catia Affanni della trattoria «Milla» di Sala Baganza, di Lucetta Campanini della «Trattoria del Ducato» di Parma, di Davide Censi degli «Antichi sapori» di Gaione, di Antonio Di Vita di «Parma rotta», di Matteo Ugolotti dei «Due platani» di Coloreto, di Giuliano «Ciccio» Zerbini della «Porta di Felino» di Viarolo.
La classifica premia le chiacchiere della Gastronomia Poletti (voto 7.38), che avevano (nei commenti dei degustatori) forma classica e regolare, friabilità, intenso e buon sapore. Seguono, a pari merito (voto 6.50), Pasticceria Cocconi (friabili e discreto sapore) e Pasticceria Santa Cristina (bella forma, croccanti). Le altre chiacchiere (una sufficiente, le restanti al di sotto della sufficienza), per la giuria avevano, in genere, sapore piatto, alcune erano fatte male e dunque poi difficili da friggere, altre risultavano unte e lo zucchero a velo era come incollato alla pasta; si è notato qualche nota ossidata e sentore chimico, odore di olio non freschissimo, poca ricerca e nessun tentativo di migliorare lo standard corrente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ILARIA

    08 Febbraio @ 09.37

    x me le piu buone sono quelle che faccio in casa e sono anche le piu economiche , visto che costano come l'oro.

    Rispondi

  • Pasquale

    05 Febbraio @ 16.11

    Non fumate che non c'azzecca con le degustazioni

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

3commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

6commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

Parma

Incendio di canna fumaria a Porporano

Sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

13commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

10commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017