Il vino

Evviva il Sangiovese, anche quando è "anziano"

Evviva il Sangiovese, anche quando è "anziano"
Ricevi gratis le news
0

di Andrea Grignaffini

Riserva. Sia che si eserciti nel senso di tutela o di accumulo, questo termine sottende comunque un momento di riflessione.
Per questo la Riserva Storica dei Sangiovese di Romagna ha raffigurato un momento di confronto sul vitigno simbolo di questa regione. Innanzitutto il caveau di Bertinoro ha cominciato a ospitare una selezione, curata da Giorgio Melandri, di bottiglie prodotte in Romagna che per una qualche precisa peculiarità hanno rappresentato o rappresentano un fattore di unicità. Annata, terroir, tecniche di allevamento e di cantina descrivono le variabili che tra alcuni anni forniranno alcune indicazioni su quali possano essere i terreni reali o progettuali su cui il Sangiovese sia in grado di esprimersi meglio. Nell’immediato la degustazione di 25 bottiglie della riserva non solo ha rappresentato la riprova immediata dell’espressività e della longevità varietale, ma al tempo stesso è riuscita a mostrare la crescita di un territorio e dei propri vignaioli. L’apertura della degustazione ha visto il Vigna Lepri 1970 di Fattoria Paradiso, il 1975 in versione Rocca di Ribano di Spalletti, in quella prodotta da Giuseppe Nicolucci e infine il 1979 Sangiovese Riserva prodotto da Cesari. Il fil rouge che ha legato questi vini è indubbiamente quello di aver mal sopportato tanti anni di bottiglia, pur riuscendo a denotare tra le fitte evidenze di ossidazione, anche cromatiche, una materia comunque individuabile. Frutto di anni in cui si considerava ancora d’annata o poco più il Sangiovese anni ’70 non godeva certo di tecniche di cantina che facessero risaltare le doti di longevità. La nascita di aziende come Castelluccio portò in Romagna non solo Gian Vittorio Baldi e Veronelli ma soprattutto un’idea di una viticoltura in grado di dare vita ad un territorio nel suo complesso. Questo permise tra l’altro di godere di una lungimiranza che non si limitò ad affidare al baronato degli enologi di grido ma trascinò nella novità del progetto talenti nuovi come Bordini e Fiore. La visione di vinificazioni separate e l’utilizzo di barrique ha dato il via a numerosi produttori che da questo punto in poi hanno preso coraggio e consapevolezza di cosa fosse in grado di produrre la viticoltura romagnola. Ad oggi Il Castelluccio Ronco delle Ginestre ’82 presenta un frutto arrostito con accenni di vulcanizzazione ma anche una beva abbastanza snella con toni fruttati e di macchia mediterranea.
Ma gli anni ’80 oltre a portare una ventata progettuale del tutto nuova, hanno contraddistinto una compiutezza produttiva per alcuni produttori come Giuseppe Nicolucci. La riprova liquida assaggiata con i suoi Sangiovese Superiore Dlà Pré 1981 presenta ancora una bocca contraddistinta da acidità ancora ben affilata. Il periodo a cavallo degli anni ’80-’90 ha avuto come protagonisti il Borgo Guidi 1983 del Podere dal Nespoli e il Cà di Berta 1999 dell’azienda La Berta oggi di proprietà della famiglia Poggiali. Il periodo coincise con un progressivo decremento della quota di Sangiovese che veniva addomesticato, talvolta in maniera maldestra, con altri vitigni come Merlot, Alicante, Incrocio Manzoni ed altro. In Romagna di fatto non si era adeguatamente sviluppata la consapevolezza delle proprie qualità e di conseguenza la sopravvivenza di vigne e vigneron poteva, come accade, essere garantita dal tentativo di assecondare il grande pubblico. Con la degustazione della successiva batteria – la migliore- degli anni ’90 ha permesso di osservare come questa tanto agognata consapevolezza sia stata conquistata non rimanendo per giunta appannaggio di realtà storiche o consolidate. Lo hanno dimostrato i vini di nuovi, per l’epoca, produttori come Drei Donà, Giovanna Madonia, Fattoria Zerbina. In particolare il Pruno 1994 con le note di tabacco, creta, legno
di sandalo ha convinto della longevità del vitigno. Senza dimenticare il Marzeno ’98 prodotto dalla Fattoria Zerbina che attorno alle austerità di terra, san-
gue e inchiostro ha mostrato comunque un frutto scuro di grande turgore. Per chi cercasse conferme della validità dell’unione tra Romagna e Sangiovese ha potuto trarre importanti conferme nella seconda batteria di anni ’90 che tra le altre cose ha mostrato anche la precisione diffusa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Grazie la collaborazione di un commerciante straniero denunciato ladro d’auto italiano

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

14commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

7commenti

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

6commenti

PARMA

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

1commento

modena

'Ndrangheta: fermato il presunto nuovo reggente della cosca emiliana

Carmine Sarcone, provvedimento della Dda e dei Carabinieri

SALUTE

In calo l'incidenza dei tumori a Parma, Piacenza, Reggio e Modena

Presentati i dati dell'Area Vasta Emilia Nord

economia

Rapporto Ismea, Parma nettamente in vetta per l'agroalimentare

DILETTANTI

Clamoroso a Felino: si dimette Pioli

GAZZAREPORTER

Un lettore: "Via Bassano del Grappa buia da più di una settimana" Foto

1commento

Lutto

Millo Caffagnini, una vita intensa con Bardi nel cuore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

salso

Addio alla maestra Angela Bonassera, in cattedra per 35 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

1commento

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

Salute

Le sigarette elettroniche pericolose per gli adolescenti

ALTO ADIGE

Slavine in Vallelunga: travolta una casa, evacuato anche un albergo Foto

SPORT

Tuffi

Tania Cagnotto è diventata mamma

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

2commenti

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video