19°

Il vino

Evviva il Sangiovese, anche quando è "anziano"

Evviva il Sangiovese, anche quando è "anziano"
0

di Andrea Grignaffini

Riserva. Sia che si eserciti nel senso di tutela o di accumulo, questo termine sottende comunque un momento di riflessione.
Per questo la Riserva Storica dei Sangiovese di Romagna ha raffigurato un momento di confronto sul vitigno simbolo di questa regione. Innanzitutto il caveau di Bertinoro ha cominciato a ospitare una selezione, curata da Giorgio Melandri, di bottiglie prodotte in Romagna che per una qualche precisa peculiarità hanno rappresentato o rappresentano un fattore di unicità. Annata, terroir, tecniche di allevamento e di cantina descrivono le variabili che tra alcuni anni forniranno alcune indicazioni su quali possano essere i terreni reali o progettuali su cui il Sangiovese sia in grado di esprimersi meglio. Nell’immediato la degustazione di 25 bottiglie della riserva non solo ha rappresentato la riprova immediata dell’espressività e della longevità varietale, ma al tempo stesso è riuscita a mostrare la crescita di un territorio e dei propri vignaioli. L’apertura della degustazione ha visto il Vigna Lepri 1970 di Fattoria Paradiso, il 1975 in versione Rocca di Ribano di Spalletti, in quella prodotta da Giuseppe Nicolucci e infine il 1979 Sangiovese Riserva prodotto da Cesari. Il fil rouge che ha legato questi vini è indubbiamente quello di aver mal sopportato tanti anni di bottiglia, pur riuscendo a denotare tra le fitte evidenze di ossidazione, anche cromatiche, una materia comunque individuabile. Frutto di anni in cui si considerava ancora d’annata o poco più il Sangiovese anni ’70 non godeva certo di tecniche di cantina che facessero risaltare le doti di longevità. La nascita di aziende come Castelluccio portò in Romagna non solo Gian Vittorio Baldi e Veronelli ma soprattutto un’idea di una viticoltura in grado di dare vita ad un territorio nel suo complesso. Questo permise tra l’altro di godere di una lungimiranza che non si limitò ad affidare al baronato degli enologi di grido ma trascinò nella novità del progetto talenti nuovi come Bordini e Fiore. La visione di vinificazioni separate e l’utilizzo di barrique ha dato il via a numerosi produttori che da questo punto in poi hanno preso coraggio e consapevolezza di cosa fosse in grado di produrre la viticoltura romagnola. Ad oggi Il Castelluccio Ronco delle Ginestre ’82 presenta un frutto arrostito con accenni di vulcanizzazione ma anche una beva abbastanza snella con toni fruttati e di macchia mediterranea.
Ma gli anni ’80 oltre a portare una ventata progettuale del tutto nuova, hanno contraddistinto una compiutezza produttiva per alcuni produttori come Giuseppe Nicolucci. La riprova liquida assaggiata con i suoi Sangiovese Superiore Dlà Pré 1981 presenta ancora una bocca contraddistinta da acidità ancora ben affilata. Il periodo a cavallo degli anni ’80-’90 ha avuto come protagonisti il Borgo Guidi 1983 del Podere dal Nespoli e il Cà di Berta 1999 dell’azienda La Berta oggi di proprietà della famiglia Poggiali. Il periodo coincise con un progressivo decremento della quota di Sangiovese che veniva addomesticato, talvolta in maniera maldestra, con altri vitigni come Merlot, Alicante, Incrocio Manzoni ed altro. In Romagna di fatto non si era adeguatamente sviluppata la consapevolezza delle proprie qualità e di conseguenza la sopravvivenza di vigne e vigneron poteva, come accade, essere garantita dal tentativo di assecondare il grande pubblico. Con la degustazione della successiva batteria – la migliore- degli anni ’90 ha permesso di osservare come questa tanto agognata consapevolezza sia stata conquistata non rimanendo per giunta appannaggio di realtà storiche o consolidate. Lo hanno dimostrato i vini di nuovi, per l’epoca, produttori come Drei Donà, Giovanna Madonia, Fattoria Zerbina. In particolare il Pruno 1994 con le note di tabacco, creta, legno
di sandalo ha convinto della longevità del vitigno. Senza dimenticare il Marzeno ’98 prodotto dalla Fattoria Zerbina che attorno alle austerità di terra, san-
gue e inchiostro ha mostrato comunque un frutto scuro di grande turgore. Per chi cercasse conferme della validità dell’unione tra Romagna e Sangiovese ha potuto trarre importanti conferme nella seconda batteria di anni ’90 che tra le altre cose ha mostrato anche la precisione diffusa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

1commento

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Gli amici sotto choc per la morte di Andrea: "Endurista dal cuore generoso"

INCIDENTE

Gli amici sotto choc per la morte di Andrea: "Endurista dal cuore generoso"

roccabianca

Ritrovato il 50enne scomparso: era al Pronto soccorso

sorbolo

Filmate le gare in scooter a mezzanotte. Il sindaco: "Ora convochiamo i genitori" Video

elezioni

Ecco la nuova squadra di Pizzarotti

Via Volturno

Nuova spaccata in una panetteria

l'agenda

Una domenica tra castelli, Cantamaggio e golosità on the road

Laminam

Incontro tra cittadini e Comitato «L'aria del Borgo»

gazzareporter

Borgo Guazzo, cronache dalla discarica.....

LEGA PRO

Il Parma a Teramo per ripartire

Traversetolo

Il sindaco sposta il comizio del 1°Maggio: il Pd insorge

parma

Primarie del Pd: istruzioni per poter votare

Dalle 8 alle 20

1commento

Lutto

Addio a Corradi, il «biciclettaio» di via D'Azeglio

controlli

Autovelox e autodetector: la "mappa" della settimana

Ragazzola

Un comitato per «proteggere» il ponte sul Po

Personaggio

Il «detective» della scultura del mistero

Interrogazione

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Perché ci sono sempre meno preti

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

3commenti

ITALIA/MONDO

tunisia-Italia

Strage di Berlino: la salma di Amri custodita (e rimpatriata?) a spese dell'Italia

Mistero

18enne di Genova trovata morta nella sua casa a Londra. Scotland Yard indaga

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

Caravan, i 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

storie di ex

Ancelotti Re d'Europa: scudetto anche in Germania (col Bayern)

storie di ex

Buffon: "Volevo ritirarmi, Agnelli mi ha fatto ripensare"

MOTORI

IL TEST

Al volante di Infiniti QX30. Ecco come va Foto

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento