-1°

12°

Il piatto forte

Perché si diventa cuochi? Quasi sempre per amore

Perché si diventa cuochi? Quasi sempre per amore
0

di Chichibìo

Da piazza della Pace, molti anni fa, partivano corriere che portavano i giovani a ballare. La sera di Carnevale un buon giocatore di «fulbal», come si diceva allora, voleva andare con gli amici a Noceto, ma arrivò in ritardo e la corsa era già partita. Restava solo il pullman per Torrechiara e così, quella sera all’ombra del castello, Laura Semolini conobbe quel giovanotto. Lei divenne presto Laura Cocchi, un’abilissima cuoca, la madre di due bambini. Lui, Corrado, figlio di ristoratori, non poteva desiderare nulla di più.
«Ero un brava sarta – dice la signora Laura, emozionata e quasi con la lacrime agli occhi, “quelli di una diva del cinema”, dice il fotografo -, ma sposandomi ho cominciato a lavorare nell’osteria di famiglia in via Gramsci. La cuoca era nonna Jolanda, io non sapevo fare niente. Ho cominciato dalla base, dai nostri piatti della tradizione: fare la sfoglia a mano e tirarla col mattarello, fare i tortelli, la trippa, l’ossobuco. La prima cosa che mi colpì fu la bontà degli intingoli che non mi stancavo di assaggiare e che si fissarono nella mia mente. E’ quell’insieme di sapori e sensazioni che mi ha guidato e ancora guida il mio lavoro. L’altra cosa fu il rapporto con il pubblico: era un aspetto emozionante, perché i clienti erano gentili e prodighi di complimenti e questo mi dava una spinta, un’emozione grandissima. Molti erano studenti e medici dell’Ospedale: stavano con noi come in famiglia, sentivo la responsabilità di non deluderli, diventavano amici, col tempo facevano carriera e venivano sempre, con le fidanzate, le mogli, i figli. Questo era il nostro locale ed è ancora così. C’è cucina di famiglia e molta cordialità con tutti. Io e Corrado avevamo vent’anni e servivamo in sala da soli: molti di quei clienti erano nostri coetanei ed è stato un grande piacere essere cresciuti assieme. Per me quel mondo non è cambiato, noi siamo ancora così, come i nostri clienti che qui trovano vecchi sapori, l’aria di trattoria e ci ringraziano sempre, ma siamo noi che ringraziamo loro, per il loro affetto e la loro fedeltà.  Quando nel 1971 ci trasferimmo dove siamo ora, sono diventata responsabile di cucina: è un compito duro che richiede un sacrificio enorme: pensare alla spesa, fare il menu, selezionare i fornitori, reggere la fatica fisica. Quando nacquero i nostri bambini li ho un po’ trascurati, ma li portavo il più possibile in cucina con me e quasi allattavo guardando le pentole. Daniele stava spesso nel seggiolone in sala coi clienti: ricordo che il professor Monaci, che con la moglie mangiava qui tutti giorni, lo teneva sempre con sé, quasi come un baby sitter. Grazie a questi amici ho lavorato per cinquant’anni ed questo è lo spirito del nostro ristorante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I 100 anni di Kirk Douglas

Youtube

I 100 anni di Kirk Douglas Video

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Il 10 giugno

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Parma 1913: D'Aversa per la panchina, Sensibile-Faggioni ballottaggio ds

LEGA PRO

D'Aversa per la panchina, ballottaggio Sensibile-Faggioni per il ds. E' questione di ore Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

4commenti

incidente

Auto si ribalta a Fidenza: un ferito grave

Anteprima Gazzetta

Terremoto: l'aiuto di Parma

Domani si parla anche di San Leonardo, di coca a Sorbolo, di un incredibile furto a un asilo

parma senza amore

Dieci frigoriferi (con materasso e rifiuti) sul marciapiede di via Boraschi

9commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

2commenti

Sorbolo

Addio a Roberta Petrolini, la voce della Cri

cantieri e eventi

Come cambia la viabilità a Parma in settimana 

Aemilia

I pm fanno appello contro il proscioglimento di Bernini

Il reato dell'ex assessore parmigiano era stato giudicato prescritto. Appello anche per il consigliere comunale di Reggio Emilia Pagliani.

prato

Sparita l'ultima lettera di Verdi: è giallo

1commento

Tg Parma

Verso il voto: primarie per Dall'Olio, nessuna alleanza per Alfieri

gazzareporter

Rifiuti e cartoni in Galleria Santa Croce Gallery

1commento

polizia

Lite al parco Falcone e Borsellino: recuperate tre bici rubate

5commenti

EMILIA ROMAGNA

Nuovi orari ferroviari sulle linee regionali dall’11 dicembre

tribunale

Botte e insulti alla moglie: due anni ad un 47enne romeno

Mezzani

300 grammi di cocaina scoperti dai carabinieri

Arrestato 32enne albanese

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

LETTERE AL DIRETTORE

Una piccola storia nobile

2commenti

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

PISA

Bimba di 6 anni muore soffocata da una spugna a scuola

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery