20°

31°

Il piatto forte

Perché si diventa cuochi? Quasi sempre per amore

Perché si diventa cuochi? Quasi sempre per amore
0

di Chichibìo

Da piazza della Pace, molti anni fa, partivano corriere che portavano i giovani a ballare. La sera di Carnevale un buon giocatore di «fulbal», come si diceva allora, voleva andare con gli amici a Noceto, ma arrivò in ritardo e la corsa era già partita. Restava solo il pullman per Torrechiara e così, quella sera all’ombra del castello, Laura Semolini conobbe quel giovanotto. Lei divenne presto Laura Cocchi, un’abilissima cuoca, la madre di due bambini. Lui, Corrado, figlio di ristoratori, non poteva desiderare nulla di più.
«Ero un brava sarta – dice la signora Laura, emozionata e quasi con la lacrime agli occhi, “quelli di una diva del cinema”, dice il fotografo -, ma sposandomi ho cominciato a lavorare nell’osteria di famiglia in via Gramsci. La cuoca era nonna Jolanda, io non sapevo fare niente. Ho cominciato dalla base, dai nostri piatti della tradizione: fare la sfoglia a mano e tirarla col mattarello, fare i tortelli, la trippa, l’ossobuco. La prima cosa che mi colpì fu la bontà degli intingoli che non mi stancavo di assaggiare e che si fissarono nella mia mente. E’ quell’insieme di sapori e sensazioni che mi ha guidato e ancora guida il mio lavoro. L’altra cosa fu il rapporto con il pubblico: era un aspetto emozionante, perché i clienti erano gentili e prodighi di complimenti e questo mi dava una spinta, un’emozione grandissima. Molti erano studenti e medici dell’Ospedale: stavano con noi come in famiglia, sentivo la responsabilità di non deluderli, diventavano amici, col tempo facevano carriera e venivano sempre, con le fidanzate, le mogli, i figli. Questo era il nostro locale ed è ancora così. C’è cucina di famiglia e molta cordialità con tutti. Io e Corrado avevamo vent’anni e servivamo in sala da soli: molti di quei clienti erano nostri coetanei ed è stato un grande piacere essere cresciuti assieme. Per me quel mondo non è cambiato, noi siamo ancora così, come i nostri clienti che qui trovano vecchi sapori, l’aria di trattoria e ci ringraziano sempre, ma siamo noi che ringraziamo loro, per il loro affetto e la loro fedeltà.  Quando nel 1971 ci trasferimmo dove siamo ora, sono diventata responsabile di cucina: è un compito duro che richiede un sacrificio enorme: pensare alla spesa, fare il menu, selezionare i fornitori, reggere la fatica fisica. Quando nacquero i nostri bambini li ho un po’ trascurati, ma li portavo il più possibile in cucina con me e quasi allattavo guardando le pentole. Daniele stava spesso nel seggiolone in sala coi clienti: ricordo che il professor Monaci, che con la moglie mangiava qui tutti giorni, lo teneva sempre con sé, quasi come un baby sitter. Grazie a questi amici ho lavorato per cinquant’anni ed questo è lo spirito del nostro ristorante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto svedese Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Lutto nel cinema

E' morto l'attore Michael Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

Serena Williams sulla copertina di Vanity (Ed. Usa)

Il caso

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

Notiziepiùlette

Nabila: «Io, al servizio di Parma»
Consigliera marocchina

Nabila: «Io, al servizio di Parma»

Ultime notizie

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli

Autovelox (foto d'archivio)

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana 

Lealtrenotizie

Truffa milionaria, agente immobiliare condannato a 7 anni e mezzo

IL CASO

Truffa milionaria, agente immobiliare condannato a 7 anni e mezzo

furti

Svaligiato il circolo Rapid

1commento

gazzareporter

Il triste tour dei vetri rotti tocca via Emilio Lepido

ATENEO

Preghiera musulmana, inaugurato lo spazio

6commenti

il caso

Sequestro Dall'Orto, nuove indagini dopo 29 anni

TRIBUNALE

Armi e bossoli in casa, primi due patteggiamenti per la banda dei sardi

Intervista

Ermal Meta: «Il mio sogno si chiama musica»

La foto "virale"

Gocce di pioggia su di loro: ed è record di clic

Impresa

L'America's Cup parla parmigiano

SERIE B

Le vacanze dei crociati

LUTTO

La morte di don Bricoli, storico parroco di Riccò e di Vizzola

Incidente

Ciclista investito alle porte di Basilicagoiano (Video)

E' ricoverato in Rianimazione

3commenti

furto

Folle notte al Barino, video 1: i ladri se ne vanno con la cassa, video 2  il secondo "visitatore" con 2 bottigliette d'acqua

16commenti

EMERGENZA

Siccità: in pianura la falda ha autonomia solo per altri 70-90 giorni Video

2commenti

musica

Silvia Olari ci racconta "Fuori di Testa" Videointervista

Crisi pd?

Bonaccini: "Parma poteva essere laboratorio nazionale". Franceschini: "Nati per unire, non dividere"

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

6commenti

ITALIA/MONDO

il delitto

Garlasco: la Cassazione conferma i 16 anni a Stasi

catania

Scafista tradito da un selfie: fermato

SOCIETA'

salute

Drogometro, in 8 minuti scova gli ''sballati'' alla guida

INFORMATICA

Maxi attacco hacker in Russia e Ucraina

SPORT

SEMIFINALE

Gli azzurrini in dieci: la Spagna dilaga

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat