-5°

Il vino

Verdicchio, dall'aperitivo al pesce non tradisce mai

Verdicchio, dall'aperitivo al pesce non tradisce mai
0

Se si dice Verdicchio e la mente corre subito a un vino bianco fresco, profumato e a quella tipica bottiglia a forma di anfora dal colore verde smeraldo, collegandola al suo territorio d’elezione, Jesi, in provincia d’Ancona e alla regione Marche. Dato per scontato che il Verdicchio oggi lo si trova sugli scaffali in bottiglie di altre fogge, è molto diffuso anche in Vallesina, in provincia di Macerata. Fanno parte della Doc, il Verdicchio dei Castelli di Jesi, il Verdicchio di Matelica e l’Esino Bianco, ma piccole quote sono prodotte anche oltre i classici confini regionali, come Romagna, Umbria, Puglia, Garda Veronese pur con nomi diversi. Il verdicchio è un vitigno particolarmente vocato nelle aree collinari dove il suo habitat esprime il meglio di sé proprio nelle zone marchigiane. Il grappolo è medio, di forma piramidale, alato. Gli acini sono sferici di media grandezza con buccia sottile, pruinosa di colore giallo verdognolo. In vigna matura lentamente tra la fine di settembre e i primi di ottobre. La storia di questo vitigno legato indissolubilmente alla regione Marche, la ritroviamo citata in diversi atti notarili, infatti, già nel Medioevo era dato in concessione ai conventi con il nome Verdicchio, e il Notaio Niccolò Attucci nel 1580, indica l’uva del suo territorio con il nome Verdicchio. Bisogna arrivare alla fine del Settecento per promuovere il vitigno al rango di uva da vino. Ma si deve all’intraprendenza della premiata Casa Vinicola Fazi Battaglia di Castelplanio a lanciare sul mercato quella innovativa e particolare bottiglia di Verdicchio Titulus, disegnato tramite un concorso del 1954, dall’architetto Antonio Maiocchi di Milano, per arrivare a fare la conoscenza del Verdicchio di Jesi a livello internazionale. Un successo strepitoso che sdoganava questo vino dal tratto rustico, leggero, frizzantino e beverino, un tempo venduto sfuso e addizionato da anidride carbonica, tanto di moda negli anni Quaranta. E il Verdicchio di Fazi Battaglia diventa un vino da aperitivo freddo estivo o da abbinare a piatti di pesce che ancora però non dava tutto il meglio di sé. Dopo un grande apripista come la Fazi Battaglia saranno poi anche altri vignaioli alla fine degli anni Settanta a dare una svolta più attenta e consapevole alle esigenze del mercato che richiedeva vini più maturi, caldi strutturati. E ora una breve carrellata su alcune aziende. Iniziamo con la Casa Bucci e il Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Villa Bucci 2008, dinamico, elegante, strutturato, ricco di mineralità con sentori fruttati, agrumati, floreali e cenni salmastri che ritroviamo anche al palato con nuance di sapida morbidezza. Da Castelfidardo, Garofoli presenta il Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico La Selezione Gioacchino Garofoli Riserva 2006, dai ricchi profumi fruttati e note officinali; in bocca esprime acidità e sapidità con cenni minerali. Chiudiamo con il Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Il Coroncino 2009, fragrante strutturato con sentori fruttati ed erbe aromatiche; mineralità, sapidità e morbidezza al gusto.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Ecoincentivi per auto metano o gplmetanogp

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

5commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

24commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

9commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

4commenti

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

TV PARMA

Primarie del centrosinistra: i candidati scenderanno a tre? Video

1commento

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

17commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

5commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

WASHINGTON

Trump ha giurato: è il nuovo presidente

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta