Il piatto forte

La crisi c'è e si vede

La crisi c'è e si vede
0

Chichibio
Colpisce in modo articolato e con luci ed ombre la crisi che continua a manifestarsi nel settore della ristorazione. Forse meno pesantemente che altrove (nel commercio, per esempio, nel primo semestre 2012, hanno chiuso 404 esercizi), ma anche qui le difficoltà si sentono, fanno cambiare il comportamento dei clienti, hanno effetti a volte gravosi sulla vita di quelle piccole e medie imprese che sono i ristoranti.
Imprese, perché ora più che mai non si può prescindere da un progetto ragionato e freddo che tenga conto di costi e ricavi, spese di personale, approvvigionamento, affitto, materie prime. E’ definitivamente tramontata la fase romantica di chi apriva un’osteria, parola magica che ancora piace tanto, sulla spinta dell’amore per il cibo, della passione per la cucina, della propria o altrui abilità ai fornelli - e magari per sfuggire alla routine di un lavoro che avesse perso fascino. La crisi seleziona: resiste chi, con passione e ragione, sa fare andare d’accordo spirito da imprenditore, logica aziendale e offerta appetibile con un giusto prezzo -sacrificando o riducendo al minimo il guadagno personale, non considerando, in attesa di tempi migliori, impegno e ore lavorative.
A clienti che escono meno, prendono pochi piatti, sono molto attenti ai prezzi (siamo tutti diventati più poveri), si propongono ora menu a basso prezzo che contrastano anche l’offerta, spuntata in molti luoghi, di panini, piatti pronti, cibo rapido. E pure alcuni ristoranti di fascia medio-alta propongono colazioni di lavoro a prezzi contenuti, per non perdere clienti e tener vivo il locale.
Molti ricorrono alla chiusura settimanale di due giorni, altri aprono solo alla sera e puntano sul fine settimana, usano materie prime di qualità non costose, arricchite dalla sapienza e dalla fantasia di un cuoco professionista.
«Tuttavia - dice Enzo Malanca direttore generale dell’Ascom - resta in molti casi fondamentale, sia come idea di cibo sia come forza lavoro, la struttura famigliare che è alla base della ristorazione media e che ora è il più forte baluardo contro le difficoltà della crisi».
 Ed è utilizzando questa leva, e una sedimentata professionalità, che i ristoratori parmigiani stanno reagendo ai problemi della crisi in modo migliore di quanto accade in altri settori e in altre città. I dati (Centro studi Ascom) attestano come il numero dei ristoranti attivi nel Comune di Parma, 239 nel 2011, sia cresciuto a 247 nel giugno 2012, mentre il numero di ristoranti attivi di Parma e provincia da 727 nel 2011 è passato a 731 nel giugno 2012. Numeri confortanti in contrasto col «forte calo della domanda che si registra nel settore nel 1° semestre 2012 -dice Cristina Mazza, direttore area organizzativa Ascom- inferiore di circa il 20% rispetto al 2011».
Luci ed ombre dunque e però compaiono nuove insegne: «Aquaria», «Scalino», «Inkiostro», «Bersè», «Laboratorio trattoria», «Assapora», «Cantinetta-Santa Croce», «Fuori Porta» sono solo alcuni dei nuovi ristoranti aperti a Parma e provincia in questi ultimi tempi. Possiamo dunque interpretare questo fatto come la premessa di una non troppo lontana ripresa?
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gara a Bologna, "Scrivi un film per Ambra Angiolini"

cinema

Gara a Bologna: "Scrivi un film per Ambra Angiolini" Video

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

feste

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

parma-bassano

Crociati, una sola ricetta: vincere Diretta

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

6commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

3commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

3commenti

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

6commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

4commenti

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

bologna

Agente si spara al pronto soccorso, è gravissimo

dopo il furto

Ritrovato il cancello del campo di concentramento di Dachau

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

1commento

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery