11°

Il piatto forte

Cavàl pisst: la tradizione di Parma

Cavàl pisst: la tradizione di Parma
Ricevi gratis le news
0

Chichibìo
C'è il «cavàl pisst» sulla bandiera ideale della cucina di casa nostra. Certo, con la buona compagnia di anolini, Parmigiano e prosciutto, ma il pesto di cavallo non può mancare. Parma lo adora da sempre: dalla fine dell’Ottocento, quando si aprì la prima macelleria, fino ai giorni nostri quando non è raro vedere i più golosi mangiarsi per strada un cartoccio di «cavàl pisst» crudo (finger e street food in versione parmigiana) o sedersi in uno dei molti locali che preparano panini con quella carne profumata. Si dice faccia bene ai bambini (in realtà non meno o non più di altre carni, ma in questo caso una passata in padella sarà opportuna) e allora, vedendo il numero altissimo di macellerie e il grande consumo, si potrebbe pensare che a Parma il tempo si sia fermato al momento dell’infanzia. Di fatto la carne di cavallo ha una sua assoluta nobiltà e non può essere confusa con nessun’altra.
Ha una storia a parte che comincia prima dell’addomesticamento della specie, quando l’animale era preda naturale dell’uomo cacciatore. E’ quando si crea un rapporto domestico che diventa più difficile mangiare quella carne: così scattano i divieti del Talmud, così il cavallo è animale «esecrabile e immondo» (papa Gregorio III).  Certo la difficile conservazione della carne equina non fu estranea alle proibizioni religiose, ma i tabù alimentari caddero davanti alla fame dei soldati durante la Prima guerra mondiale e ai cavalli morti in battaglia.
Oggi la carne di cavallo è assolutamente sicura, si mangia cruda o cucinata alla griglia, in padella, preparando arrosti, stracotti, la «vecchia» -e così fanno i nostri cugini a Piacenza, qualcuno a Reggio e in poche altre città in Italia.
Ma è il «cavàl pisst» crudo, dichiarato ufficialmente «Piatto tipico dell’Emilia Romagna» (e, a Parma, protetto da una specifica «Associazione per la tutela»), che ci interessa e ci spinge ad organizzare questa degustazione. Cerchiamo i migliori venditori e vogliamo soprattutto valorizzare -se ce ne fosse ancora bisogno- questa ottima carne. Allora, come sempre in queste degustazioni, un nostro collaboratore va a fare la spesa: chiede il miglior pesto, un pacchetto condito, un pacchetto scondito.
Era sabato (giorno canonico per il cavàl pisst) 17 novembre, tra le 8 e le 10.30. Paga il dovuto e se ne va, sempre in forma anonima, così come era venuto. Conserva la carne al fresco e la porta subito nel luogo della degustazione (il «Laboratorio trattoria»). Qui ogni pacchetto viene numerato e nessuno, tranne chi scrive (che non esprimerà giudizi), conosce il nome del negozio corrispondente.
Si sorteggia un numero, da quello si comincia la degustazione: prima la carne scondita, poi quella condita dal macellaio. Abbiamo acquistato la carne in dieci macellerie, tra le molte presenti in città, perché le nostre forze non ci consentono una degustazione più ampia: la scelta è stata necessariamente arbitraria e si è basata sui consigli di amici e conoscenti affidabili. Chi è stato escluso sarà tenuto presente in un’altra, futura degustazione.
La scelta di due classifiche (condito e scondito) consente di valutare la carne di per se stessa, ma anche con quel sapore in più che le viene conferito dalla concia segreta di ogni macellaio.
La giuria è composta da appassionati del settore, consumatori abituali, attenti alla qualità: sono Paola Pongolini (del ristorante «Cantinetta Santa Croce»), Maria Cristina Ugolotti (dell’associazione gastronomica «Le Cesarine»), Massimo Gatti (del ristorante pizzeria «Due gatti») Corrado Marvasi (del circolo «Aquila Longhi»), Gian Luca Zurlini (giornalista e esperto di «cavàl pisst»). Si è suggerito di valutare colore, macinatura, profumo e sapore per arrivare a un voto in decimi (come nelle valutazioni scolastiche a tutti conosciute e chiare) dove si fissa la sufficienza a sei e poi buono a sette, ottimo a otto, eccellente a nove e dieci.
 
Nel commenti dei degustatori è emerso che spesso la carne è troppo macinata e dunque, in molti casi, viene meno il piacere della masticazione. Si è notato che il colore cambia (da un rosa pallido a un rosso intenso); che cambia il sapore, in alcuni casi molto debole.
Meglio comunque la carne non condita: in quella condita si perde spesso il gusto caratteristico del cavallo, coperto da un mix di spezie assai invasivo. Se si può concludere con un consiglio, si acquisti il cavàl pisst scondito e poi si aggiunga sale, pepe, un filo d’olio e magari un pizzico di erbe aromatiche.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta

LONDRA

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta Video

L'anteprima del nuovo film di Ligabue al Fulgor, il cinema amato da Fellini

RIMINI

L'anteprima del nuovo film di Ligabue al Fulgor, il cinema amato da Fellini

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

SPETTACOLI

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"I Grandi Vini di Toscana" di Ernesto Gentili

IL VINO

"I Grandi Vini di Toscana" di Ernesto Gentili

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Filippo, un anno dopo

Anniversario

Filippo, un anno dopo

CONDANNA

Si avventa contro la fidanzata e le fa sbattere la testa contro la portiera dell'auto

Alle elementari

Due casi di scabbia al Maria Luigia

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Salsomaggiore

Addio al prof Vighi, una vita per lo sport

Salsomaggiore

Teatro Nuovo, sciolto il contratto con i gestori

LUTTO

E' morto Renzi, popolare ex gestore del bar Capriccio

Ferrovia

I pendolari della Parma-Brescia: «Ogni giorno è un'odissea»

IL CASO

Numero telefonico «rubato», prima vittoria per una 85enne

PARMA

E' morta al Maggiore la 71enne ucraina travolta in via Langhirano Video

L'incidente è avvenuto il 2 gennaio

FATTO DEL GIORNO

Un anno dopo la morte di Filippo Ricotti, la Massese resta insicura: lettera della madre del 17enne

Ecco le anticipazioni del direttore della Gazzetta di Parma, Michele Brambilla

carabinieri

Razzia alla Salvo D'Acquisto: ladri costretti ad abbandonare l'auto rubata

1commento

tg parma

Contrabbando di petrolio dalla Calabria a Parma, 6 arresti Video

SCANDALO SANITA'

«Pasimafi», altri 8 medici indagati: sotto accusa anche Mutti e Caspani

2commenti

CALCIO

Ecco Marcello Gazzola con la maglia del Parma

Una storia iniziata da bambino... Ecco la foto "storica" di Gazzola piccolo giocatore del Parma

DEGRADO

Parma, quei 18 luoghi abbandonati in cerca di futuro: foto-storia

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché l'atomica torna a fare paura

di Paolo Ferrandi

2commenti

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Incidente in una ditta: morti tre operai, uno è gravissimo

BERGAMO

Cade in una tomba: 74enne muore sul colpo

SPORT

calcio

Manuel Nocciolini va in prestito al Pordenone

GAZZAFUN

Ceresini o Pedraneschi: chi il miglior presidente?

SOCIETA'

Economia

Più ortofrutta confezionata per non pagare i sacchetti bio Video

1commento

gran bretagna

18enne italiana mette la verginità all'asta per poter studiare a Cambridge: offerto un milione

2commenti

MOTORI

DETROIT

Mercedes, ecco la nuova Classe G

IL TEST

Nissan X-Trail, i segreti del Suv che piace a tutti