-2°

Il piatto forte

Che spallaccio: il gusto perduto

Che spallaccio: il gusto perduto
0

Errica Tamani

Quando se ne trova un esemplare, è quasi un evento. Quando se ne assaggia uno dal profumo e dal sapore così intrigante e piacevole che non si riesce a smettere, pur di gustarne, fetta dopo fetta, ogni nota aromatica che via via emerge complicando e intensificando la trama organolettica, suona quasi un miracolo. Se nella Bassa si perpetua l’ardua tradizione della spalla cruda insaccata nella vescica soprattutto senz’osso e quindi avvolta da un reticolo di corda e messa a stagionare, una pratica antica e documentata che fa sì che di prassi la parola‘spalla’ definisca essenzialmente il prodotto bassaiolo, nella zona collinare, in primis a Langhirano, la spalla con tanto di cotenna e zampetto è soggetta a ben altra interpretazione e appellativo. Nelle terre del crudo di Parma, c’è chi si dedica non solo al blasonato principe dei salumi, ma anche, sebbene talora con meno convinzione e quasi con un mix di pudore e imbarazzo, al cosiddetto «spallaccio». Si tratta della coscia anteriore di suino, cui viene lasciato lo zampetto, rifilata, salata, massaggiata e sottoposta a stagionatura. Questione di equilibrismo, l’operazione equivale a giocare una rischiosa partita che vede il savoir-faire del norcino ‘scontrarsi’ con una materia prima ostica e infida, che promette una bontà ammantata di eleganza e raffinatezza, portando nel cuore il germe fatale del tradimento e assai meno materia edibile di quella che si trova nel prosciutto. Ma se nonostante gli ostacoli, la fetta (è il caso di un sorprendente spallaccio di 18 mesi di maiale nero), tagliata a coltello mostra i toni scuri del rosso, interrotti con garbo da lievi trame nervose e da sottili striature di grasso, che disegna sull’esterno una bordatura parziale spessa, lasciando affluire, insieme a sentori di pinolo, nocciola e castagna, note ossidative che rimandano all’ispanico pata negra; se la fetta si muove su una dolcezza matura, una sapidità definita (la carne del nero pare assorbire con più facilità il sale) che impreziosisce la carne ben stagionata, dal sapore profondo e intenso quasi a ricordare quello delle carni di selvaggina da penna, come l’anitra, e regala una consistenza scevra di fibrosità e asciuttezza, allora sì che la bontà di cui è capace lo spallaccio prende piena sostanza. Per risultati così, in grado di, non diciamo ‘competere’ (anche se...), ma ritagliarsi un ruolo da protagonista tra i tesori di quella norcineria che fa grande il Parmense, si è partiti come ha rivelato Paolo Tanara (alla cui azienda, certo nota per il Prosciutto di Parma, spetta la paternità del succitato spallaccio di nero) da suini allevati secondo il ‘vecchio stile’, di cui raccontavano i nostri nonni, e ingrassati con cibi naturali pazientemente anche per più di un anno.Errica TamaniÈ un circolo virtuoso quello che viene rappresentato da un salume di grande livello, come lo spallaccio di cui abbiamo parlato. Pertanto, prima ancora della pur preziosa opera prestata dai professionisti della norcineria, a contare è la qualità della carne di maiale che viene utilizzata per confezionarlo e dunque, facendo un ulteriore passo indietro, è la qualità di vita (e morte) dell’animale stesso a essere determinante. Lo sanno bene all’Abbazia Parmì di Gerbido (Pc), azienda,o meglio, impresa (in tutti i sensi) di un tris di amici che condividono la passione per il gusto e la volontà di preservare i saperi e i sapori di una tradizione antica capace di espressioni di elevato livello. Come racconta Giovanna Parmigiani, pure Presidente della Sezione di Prodotto Carni Suine di Confagricoltura a livello nazionale «l’attenzione si focalizza anzitutto sugli animali, selezionando i migliori capi del maiale «bianco pesante» di Parma che vengono allevati naturalmente a 15 mesi fino a raggiungere lo straordinario peso di 215 chili, così da ottenere carni più mature e sode e grassi di copertura di spessore elevato dai sapori estremamente dolci». E sono questi maiali (inviati un giorno prima nel piccolo macello così che siano calmi e macellati per primi la mattina in modo da non stressarsi), alla base dei salumi dell’Abbazia e anche delle tre linee top di prosciutti della Tanara di Langhirano definiti ‘a filiera Parmigiana’: la linea Maiale "bianco pesante" di Parma (Large White, per Landrace con finale Duroc, allevati in allevamenti a ciclo chiuso, per 15 mesi con prodotti naturali senza aggiunta di sieri e dal peso finale di duecentoquindici chilogrammi di peso medio); L’antico Prosciutto Crudo con gambetto(si usano cosce di maiali più pesanti di quelli indicati dal disciplinare, sono sui 17 kg chilogrammi, e non possono essere marchiate "Parma". Salate a mano e stagionate lungamente e al naturale per minimo 30 mesi. Il Maiale "razza nero" di Parma(cosce con carni dal colore e sapore particolarmente intenso, con caratteristiche di grasso peculiari).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Piazzale S. Lorenzo:  festa al «Piano A»

Pgn

Piazzale S. Lorenzo: festa al «Piano A» Foto

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

Al via la stagione

A Schia una «valanga» di novità

Criminalità

Felino, il bar Jolly senza pace: quarto furto in dieci mesi

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

8commenti

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

IL CASO

Tangenziale di Collecchio: ora la gente chiede la rotatoria

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Campus

Sfera Ebbasta, dal rap al trap

Restauro

Zibello, il battistero torna a risplendere

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

10commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

roma

Oggi fiducia sulla manovra e la direzione del Pd

Ventimiglia

Brucia la villa dei cognati e muore asfissiato

SOCIETA'

lettere

Cane ucciso da un cacciatore: "Terribile e inaccettabile"

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Altri sport

Federica Pellegrini vince i 200 sl

Formula uno

Fernando Alonso non andrà alla Mercedes

FOTOGRAFIA

Parma

Acqua, luce, metamorfosi: le foto di Nencini in San Rocco

Fotofestival

Fra metafisica e Storia: un mese di mostre fotografiche a Montecchio