16°

Il piatto forte

Quando la fame era nera si mangiava cereale scuro

Quando la fame era nera si mangiava cereale scuro
0

Già nel ‘500, Pietro Andrea Mattioli, medico senese che esercitava in Trentino, citava nel suo Commentario del 1554: «Fanno i villani della sua farina non solamente pane, ma ancora polenta del che vivono il verno. Pestanlo ancora, e sguscianlo, e lo cuociono ne’ brodi della carne, come si fa col riso, e coll’orzo, e se lo mangiano nelle minestre, ma bisogna cuocerlo di forte, che i grani restino interi, e non si spolpino».
Alcune tracce le troviamo anche nei Promessi Sposi, allorché Renzo recandosi da Tonio, per invitarlo a fargli da testimone al suo matrimonio, lo trovò «in cucina, che dimenava, col mattarello ricurvo, una piccola polenta bigia, di grano saraceno».
Stiamo, infatti, parlando del grano saraceno la cui denominazione prelude a un cereale mentre appartiene alla famiglia delle Poligonacee, pianta molto diversa da quelle dei comuni cereali e del frumento in particolare. In alcune regioni italiane è conosciuto anche con il nome di fraina, fagopiro, formentone, grano nero. La provenienza del grano saraceno è nord-asiatica e tuttora è coltivato in Asia centrale, Giappone ed Europa centrale. La sua discesa in territorio italiano parte dalla fine del Quattrocento dove per le sue capacità di resistenza al freddo trova terreno fertile nel Nord Italia, specialmente ai confini con le popolazioni germaniche che ne facevano largo uso, tanto che se ne ha una documentazione, datata 1616, in Valtellina dove in breve divenne una coltura della tradizione locale. Il grano saraceno nei lunghi periodi di carestia (Manzoni docet) contribuì a sfamare tanta parte della popolazione più povera, e trovò largo impiego per la sua versatilità in cucina dove si utilizzava quasi tutto, le foglie lessate e condite come gli spinaci, i semi utilizzati come il riso nelle minestre, o macinato per preparare la famosa polenta nera o grigia, il pane e ancora altre specialità.
Con il tempo la sua coltivazione diminuì tanto che nel secolo scorso era quasi scomparsa e dobbiamo al Presidio sorretto dalla Comunità Montana Valtellina di Tirano e dal comune di Teglio il rilancio di questo ottimo prodotto per la preparazione di ghiotte ricette. Il fatto che non sia un cereale lo testimonia la sua pianta che è provvista di uno stelo erbaceo di colore rossiccio, alta sul mezzo metro, con foglie  cuoriforme irregolari, e i semi raccolti a spiga.
Il frutto al momento della maturazione è di colore bruno e una volta macinato produce una farina bigia con punteggiature scure date dalla buccia del chicco. Tra le spiegazioni del nome un paio sono affascinanti: una racconta come saraceno derivi dal colore dei granelli in quanto scuri come i mori; un’altra perché importato in Italia dagli stessi saraceni. An.Gri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

foto dei lettori

Parcheggio intelligente

LUTTO

Addio a "Valo", San Lazzaro nel cuore

Roberto Valenti, 66 anni, aveva giocato anche in B

2commenti

tribunale

Il pm: "Delinquente abituale". Carminati (dal carcere di Parma) esulta

tg parma

Cinque trapianti di rene in due giorni all'ospedale Maggiore Video

mafia

Aemilia: una "squadra" di quattro Pm per l'appello

Dda chiede sentire chi ha indagato su dichiarazioni di Giglio

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: un altro arresto

In manette un 31enne tunisino

1commento

Gazzareporter

La pioggia ha ingrossato il torrente Video

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

3commenti

tg parma

Proseguono i lavori sullo Stradone Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling