21°

Il piatto forte

Quando la fame era nera si mangiava cereale scuro

Quando la fame era nera si mangiava cereale scuro
0

Già nel ‘500, Pietro Andrea Mattioli, medico senese che esercitava in Trentino, citava nel suo Commentario del 1554: «Fanno i villani della sua farina non solamente pane, ma ancora polenta del che vivono il verno. Pestanlo ancora, e sguscianlo, e lo cuociono ne’ brodi della carne, come si fa col riso, e coll’orzo, e se lo mangiano nelle minestre, ma bisogna cuocerlo di forte, che i grani restino interi, e non si spolpino».
Alcune tracce le troviamo anche nei Promessi Sposi, allorché Renzo recandosi da Tonio, per invitarlo a fargli da testimone al suo matrimonio, lo trovò «in cucina, che dimenava, col mattarello ricurvo, una piccola polenta bigia, di grano saraceno».
Stiamo, infatti, parlando del grano saraceno la cui denominazione prelude a un cereale mentre appartiene alla famiglia delle Poligonacee, pianta molto diversa da quelle dei comuni cereali e del frumento in particolare. In alcune regioni italiane è conosciuto anche con il nome di fraina, fagopiro, formentone, grano nero. La provenienza del grano saraceno è nord-asiatica e tuttora è coltivato in Asia centrale, Giappone ed Europa centrale. La sua discesa in territorio italiano parte dalla fine del Quattrocento dove per le sue capacità di resistenza al freddo trova terreno fertile nel Nord Italia, specialmente ai confini con le popolazioni germaniche che ne facevano largo uso, tanto che se ne ha una documentazione, datata 1616, in Valtellina dove in breve divenne una coltura della tradizione locale. Il grano saraceno nei lunghi periodi di carestia (Manzoni docet) contribuì a sfamare tanta parte della popolazione più povera, e trovò largo impiego per la sua versatilità in cucina dove si utilizzava quasi tutto, le foglie lessate e condite come gli spinaci, i semi utilizzati come il riso nelle minestre, o macinato per preparare la famosa polenta nera o grigia, il pane e ancora altre specialità.
Con il tempo la sua coltivazione diminuì tanto che nel secolo scorso era quasi scomparsa e dobbiamo al Presidio sorretto dalla Comunità Montana Valtellina di Tirano e dal comune di Teglio il rilancio di questo ottimo prodotto per la preparazione di ghiotte ricette. Il fatto che non sia un cereale lo testimonia la sua pianta che è provvista di uno stelo erbaceo di colore rossiccio, alta sul mezzo metro, con foglie  cuoriforme irregolari, e i semi raccolti a spiga.
Il frutto al momento della maturazione è di colore bruno e una volta macinato produce una farina bigia con punteggiature scure date dalla buccia del chicco. Tra le spiegazioni del nome un paio sono affascinanti: una racconta come saraceno derivi dal colore dei granelli in quanto scuri come i mori; un’altra perché importato in Italia dagli stessi saraceni. An.Gri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

3commenti

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

1commento

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Il candidato

Laura Cavandoli: Il centrodestra si divide

1commento

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

5commenti

TRAFFICO

Baganzola, accesso alle fiere al rallentatore. Code per chi arriva dall'A1

Formaggio

La grana del grana

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano

Sentenza

Multa ingiusta, Equitalia condannata

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

PARMA

Suonava in Pilotta: multato per la terza volta il fisarmonicista Giovanni 

19commenti

gazzareporter

Fontanini o.... Corcagnano?

ANTEPRIMA GAZZETTA

Raffaele Sollecito si trasferisce a Parma: intervista esclusiva Video

Accusato con Amanda Knox dell'omicidio Kercher, Sollecito è stato assolto. Ha scelto di vivere a Parma

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

2commenti

WEEKEND

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

Formula 1

La prima pole è firmata Hamilton

Mondiali

l'Italia batte l'Albania (2-0)

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery