Il vino

Quel Vin Santo che nasce sul lago

Quel Vin Santo che nasce sul lago
0

di Andrea Grignaffini

Il luogo è letteralmente da sogno. Siamo nella Valle dei Laghi a un tiro di schioppo dalla parte più a settentrione del lago di Garda dove si erge in tutto il suo fascino, il castello di Toblino.
Il castello è situato sulle sponde del lago omonimo circondato dall’acqua, in uno scenario ameno e romantico. E in questo suggestivo panorama circondato da lecci e uliveti, il maniero medioevale possiede una prestigiosa vinsantaia dove appassiscono le uve nosiola che permettono di vinificare il Vino Santo pubblicizzato come «il più passito di tutti i passiti».
La brezza del lago, il freddo pungente delle giornate invernali, l’influenza benefica della botrytis e la cura sapiente dell’enologo Lorenzo Tomazzoli permette all’uva di riposare sui graticci fino alla Settimana Santa per poi consentire al vino di affinarsi in botte per un periodo dai cinque anni, come prevede il disciplinare ai dieci per i vini migliori.
La cantina Toblino gestita da Carlo Filiberto Bleggi, discendente di uno dei fondatori, vinifica l’uva dei settecento soci per un totale di quattrocentomila bottiglie all’anno per una ventina di etichette.
Vino Santo ’98 Colore dorato cristallino per un passito di intrigante dolcezza. All’olfatto un bouquet di agrumi canditi e zabaione con un lieve tono alcolico iniziale che richiama un sentore di acetone subito disperso. Al palato note di uva passita e una delicata acidità.
Vino Santo ’97 Le note di vernice subito in esubero si stemperano progressive e la dolcezza è adeguatamente sorretta da una bella freschezza. La bocca è elegante con rimandi mielati accompagnati da una nota fresca che lo rendono piacevolmente intrigante.
Vino Santo ’96 Si presenta con colore ambrato brillante. Al naso un surplus di note di vernice e pellame trattato molto accentuate; in bocca esprime una grande dolcezza accompagnata da toni agrumati e frutta sciroppata.
Vino Santo ’95 Il colore ambrato carico luminoso, presenta al naso un bouquet di frutta essiccata, mandorle, zafferano, datteri. Il palato richiama le sensazioni olfattive con equilibrate note acide che contrappuntano la dolcezza.

CHATEAU MOUTON ROTHSCHILD 1966:  SPLENDIDO QUARANTENNE
Un grande Premiere cru
Una sorta di sogno americano nella Francia conservatrice di Bordeaux quella di Mouton Rothschild. La famiglia Ségur fino alla metà del diciottesimo secolo vendeva separatamente i vini della loro tenuta di Château Lafite. Separazione che divenne definitiva dopo la vendita dell’attuale tenuta Mouton (da motte: zolle) alla famiglia De Branes. Il discendente dei De Barnes, il barone Hector, dimostrò spirito imprenditoriale introducendo una maggiore percentuale di cabernet sauvignon nell’uvaggio.
Dopo l’avvicendarsi di altri proprietari, che per scarso interesse avevano relegato, questo Bordeaux al ruoli di Deuxième cru, nel 1853 la tenuta fu acquisita dal barone Natahniel de Rothschild e nel 1920 il suo successore, barone Philippe, diede un nuovo impulso all’azienda contribuendo al successo di questo vino, acquistando tutte le altre quote di famiglia. Finalmente il 21 giugno 1973 arrivò il decreto che sanciva il passaggio da Deuxième Cru a Premiere Cru, evento mai più ripetuto da allora. Alla fine della seconda guerra mondiale, nel 1945, il barone Philippe fece disegnare dall’architetto Philippe Jullian sull’etichetta una V in segno di Victoire e da allora ogni anno si sono susseguite etichette disegnate da grandi artisti. Mouton 1966 è stato presentato come vino intellettuale in perfetto stile della Maison, un vino di carattere, austerità e intransigenza.
 Un vino che ultraquarantenne è ancora nervoso e vivido e che ha ancora stoffa per resistere almeno un altro lustro.

 

 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

1commento

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

7commenti

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Terremoto

Nuova scossa in Appennino: magnitudo 2.2

Epicentro vicino a Solignano e Terenzo

Anteprima Gazzetta

Massimo Barbuti è il nuovo allenatore del Fidenza Video

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Unità di crisi

Legionella: la causa del contagio forse individuata entro fine dicembre

A gennaio la relazione finale sull'epidemia. Nuovi controlli sui malati

1commento

ANALISI

Le incognite del Pd parmigiano: referendum e resa dei conti

10commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Matricole

Università, aumentano gli iscritti a Parma: +12,7% Video

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

5commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

36commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

9commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

ROBOTICA

Con il "guanto" hi-tech i quadriplegici mangiano da soli

SOCIETA'

lettere

Cane ucciso da un cacciatore: "Terribile e inaccettabile"

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Formula Uno

Zanardi: "Il ritiro di Rosberg mi ha stupito moltissimo"

Formula uno

Fernando Alonso non andrà alla Mercedes

ECONOMIA

istat

Un italiano su 4 a rischio povertà: ecco a cosa si rinuncia

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà