13°

23°

Il piatto forte

Che bontà se la mozzarella viaggia in carrozza

Che bontà se la mozzarella viaggia in carrozza
Ricevi gratis le news
0

Chichibio

In carrozza» perché, dicono i poeti della cucina, era da poco stata inaugurata la ferrovia voluta da Ferdinando II che da Napoli portava alla Reggia di Portici (7 chilometri). 
Era il 1839 e anche quel bauletto di pane fritto che racchiude la mozzarella sembrava un «cocchio»: così quel modo di dire nobilitava e dava aria di modernità a un piatto povero e antico, nato dal recupero del pane e di una mozzarella dimenticata da qualche giorno -e dunque, secondo tradizione locale, «vecchia» per essere mangiata al naturale. Così ora, chiusa in quel pane divenuto biondo per la frittura, «la mozzarella va in carrozza, come si dice a Napoli» (Mario Stefanile, «Breviario della cucina napoletana»). E si intende che il piatto è tra i più ghiotti della cucina partenopea e si mangia con una gioia che sfiora la voracità se la frittura sarà stata perfetta, come è nelle corde delle massaie napoletane, quelle che, secondo Brillat-Savarin, posseggono l’innata capacità di saper friggere. Ma, si torni all’inizio, e al pane che andrà tagliato nello spessore di circa un centimetro, liberato dalla crosta e nella dimensione di circa 7 centimetri per lato. L’ideale sarebbe il pane cafone (farina poco raffinata, lunga lievitazione con lievito madre, mollica alveolata) sodo e profumato, ma andrà bene anche un pane casereccio o rustico, meglio se di qualche giorno, insomma un pane da recuperare. 
Molti usano il pan carré, più comodo e dalla giusta misura, ma è un pane senza sapore che, una volta bagnato, tende a disfarsi e diventare molle, massimo rischio per la mozzarella in carrozza. Altro ingrediente fondamentale è, ovviamente, la mozzarella, che è solo quella ottenuta con latte di bufala: bianca, soffice, delicata, appena elastica, perlacea, fragrante per il profumo dei pascoli campani. Usatela freschissima, o almeno il più possibile e, dopo averla tagliata a fette, lasciatela scolare in modo che perda parte del suo liquido. Si può usare anche il fiordilatte vaccino, sempre facendolo scolare, ma la mozzarella è altra cosa. Ora, in un piatto capiente, si sbattono uova, pepe, sale, un po' di latte e ci si prepara a montare la carrozza che, secondo tradizione, va fatta in mano. Si inumidisce il pane spruzzandolo con acqua (la farina, poi, aderirà meglio), vi si mettono sopra una o due fette di mozzarella facendo attenzione che non escano dai bordi, si copre con un’altra fetta. Si schiaccia tra le mani la carrozza, si bagnano nell’acqua i bordi e uno per volta, si passano nella farina per ottenere una specie di colla che impedisce alla mozzarella di fuoruscire. Si cosparge tutto il panino con la farina e si toglie l’eccesso, quindi nell’uovo in modo che lo assorba bene e infine nel pan grattato non setacciato e grossolano: qualche briciola più grossa renderà la crosticina irregolare e appena croccante. A Roma, seconda patria della mozzarella in carrozza, aggiungono all’interno un filetto di acciuga salata: è una nota di sapore che non guasta, mentre fortemente sconsigliata è l’aggiunta di prosciutto cotto o mortadella o speck. Ora la carrozza è pronta per essere fritta, atto conclusivo e decisivo per la riuscita del piatto, per cui sarà necessario recuperare quella sopraddetta, innata capacità delle massaie napoletane. Olio bollente, d’oliva delicato o di semi secondo gusto, e friggendo non più di due o tre pezzi per volta per non abbassare la temperatura, in modo che la carrozza formi la crosticina e non si impregni di olio. Bisogna friggere con la «sorpresa» - ancora Brillat-Savarin, «Fisiologia del gusto» - per ottenere «una specie di crosta che involge l’oggetto, impedisce al grasso di imbeverlo e concentra i succhi; questi subiscono in tal modo una cottura interna che conferisce all’alimento tutto il sapore di cui è suscettibile...perché la «sorpresa» avvenga, è necessario che il liquido bollente abbia acquistato un calore tale da rendere la sua azione brusca e istantanea. Scolata al color biondo, passata su ruvida carta paglia, ora la mozzarella va in carrozza nel suo pane morbido, crostigliante ma non duro e, appena filante e soffice, restituisce tutto il sapore del latte e il profumo di pascoli resi intensi dall’oro dell’uovo. Bevete con misura un vino bianco campano non troppo secco o un vino rosato -o un bicchiere d’acqua fresca.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un boato del pubblico apre il concerto dei Rolling Stones Manda le tue foto

LUCCA

Un boato del pubblico apre il concerto dei Rolling Stones Manda le tue foto

Federica Pellegrini sfila in "paint-kini" a Milano

MODA

Federica Pellegrini sfila in "paint-kini" a Milano

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Riscatto in trasferta per il Parma: Di Cesare firma la vittoria per 1-0 sul Venezia

serie B

Riscatto in trasferta per il Parma: Di Cesare firma la vittoria per 1-0 sul Venezia Foto Video

Vittoria preziosa per i crociati, che salgono a 9 punti. Lucarelli fra i migliori in campo. Per i padroni di casa è la prima sconfitta

8commenti

CALCIO

D'Aversa: "Un risultato importante. Abbiamo preso fiducia nel secondo tempo" Video

L'allenatore commenta la vittoria del Parma sul Venezia

calcio

Tommaso Ghirardi torna allo stadio: segue il Brescia con Cellino

L'ex presidente del Parma è tornato al Rigamonti per la prima volta dopo il crac

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

MONTAGNA

E' stato trovato il fungaiolo disperso nel Bardigiano

Il 72enne è stanco ma in buone condizioni di salute

bambini

Giocampus Day: è qui la festa (con Paltrinieri) Foto

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

CALESTANO

Shock anafilattico: paura per un operaio punto da un calabrone a Marzolara Foto

Il 118 ha inviato un'ambulanza e l'elicottero del Maggioe

borgotaro

A casa coi genitori, disoccupati e spacciatori: arrestati due fratelli

1commento

POLIZIA

Al setaccio le strade della droga

4commenti

INCHIESTA

La Massese resta piena di pericoli

2commenti

FUMETTI

La fine di Rat-Man: addio alla serie non all'eroe Foto

Ortolani: "La sfida per me sarebbe inventare un altro personaggio"

DELITTO DI BASILICAGOIANO

Il giudice: «Habassi colpito e seviziato per un'ora»

tg parma

Profughi a San Michele Tiorre, in arrivo i primi otto Video

5commenti

donne in difficoltà

A Corcagnano la prima casa di accoglienza gestita da una comunità migrante

fidenza

Ruba sul treno: inseguito e bloccato da un altro straniero

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

APPENNINO REGGIANO

Scalatore precipita dalla Pietra di Bismantova: 24enne a Parma in gravi condizioni

TERREMOTO

Ancora una forte scossa a Città del Messico: i palazzi oscillano

SPORT

VENEZIA-PARMA

"Una vittoria meritata sul piano del carattere": il video-commento di Grossi

3commenti

VENEZIA-PARMA

Di Cesare, l'uomo-gol: "Il Venezia, squadra ostica. Abbiamo sfruttato l'occasione" Video

1commento

SOCIETA'

IL DISCO

"Days of future passed", il capolavoro dei Moody Blues che ispirò anche i Nomadi

PARMA

"Musica nera" degli States e lirica: una serata con Brunetto e i fratelli Campanini Video

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery