14°

premio

"Da Claudia" protagonista a Expo

Una menzione per il Rifugio Lagdei

"Da Claudia" protagonista a Expo
Ricevi gratis le news
0

Dall’inizio della crisi economica in Emilia-Romagna hanno aperto i battenti 3.856 nuove attività di ristorazione. Lo ha reso noto Coldiretti ad Expo, in occasione della premiazione della rassegna "Appennino Gastronomico - menù a Km zero" promossa dal Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano in collaborazione con Coldiretti Parma e Alma, la Scuola internazionale di Cucina Italiana di Colorno.
Secondo le elaborazioni di Coldiretti Regionale su dati Unioncamere, il numero delle attività di ristorazione in Emilia Romagna è passato dai 27.253 del 2008 ai 31.109 alla fine del 2014. Un balzo in avanti - commenta Coldiretti - che ha favorito l'occupazione, portando gli addetti dai 93 mila dell’inizio crisi ai 105 mila attuali, con un 13% delle imprese guidate da giovani (meno di 35 anni). Secondo stime Coldiretti Emilia Romagna, due ristoranti su tre utilizzano nei loro menù prevalentemente prodotti locali, ritenendoli un valore aggiunto per il loro locale. Si tratta - commenta l’organizzazione - di una tendenza in aumento, soprattutto nelle zone interne dove il cibo costituisce uno delle attrattive principali insieme alla ricchezze ambientali e artistiche. L’enogastronomia insieme con la cultura secondo una ricerca della società specializzata in indagini sul turismo Jfc - informa Coldiretti Emilia-Romagna - la principale motivazione per venire in Italia, ma anche per gli italiani i piatti tradizionali legati al territorio sono una forte attrattiva per girare l’Italia.
«L'attività di ristorazione che sa valorizzare i prodotti agricoli locali - commenta il direttore di Coldiretti Emilia Romagna, Marco Allaria Olivieri - diventa un alleato importante per l’agricoltura e per tutto il territorio nel contribuire a mantenere un patrimonio inestimabile di prodotti agricoli ed enogastronomici, ma anche per salvaguardare un patrimonio culturale e ambientale che senza la presenza dell’uomo rischia di sparire. Per questo il concorso dei menù a km zero è una occasione per consolidare una alleanza in grado di salvaguardare un pezzo di storia e di cultura del nostro Paese e, in termini di divulgazione della cultura gastronomica, vale molto più di programmi televisivi come Masterchef che nei vari continenti dagli Stati Uniti all’Australia predicano qualità, fanno riferimento a ricette italiane, ma poi si abbassano ad usare formaggi tarocchi come il parmesan, invece del vero Parmigiano Reggiano».
La rassegna di quest’anno - ricorda Coldiretti Emilia-Romagna - ha visto la vittoria di un locale accreditato alla rete Campagna Amica, il ristorante "Da Claudia"' di Corniglio (Parma), seguita da «La Nuova Jera» di Bagnone (Massa Carrara) e dal «Rifugio della Pietra» di Castelnuovo nè Monti (Reggio Emilia). 

Il premio

L'avventura della rassegna "Appennino Gastronomico – Menu a Km Zero 2014-2015", promossa dal Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano in collaborazione con Coldiretti e ALMA, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana, si conclude in una cornice straordinaria, quella di Expo 2015. Infatti, grazie alla preziosa collaborazione di Coldiretti, la cerimonia di premiazione quest'anno si svolge presso il sito dell’Esposizione Universale. Un'occasione importante per i ristoratori del territorio, sia per avere un forte momento di visibilità, sia per incontrare gli Chef di ALMA, che ancora una volta hanno collaborato con il Parco Nazionale alla realizzazione della rassegna.
Il regolamento quest’anno richiedeva ai ristoratori di studiare un menu fortemente legato alle materie prime a chilometro, se non metro, zero, rendendo evidenti, fin dalla prima forchettata, le sinergie con i produttori e gli allevatori locali. Legami di collaborazione raccontati nella galleria di cortometraggi dedicati a ciascun ristorante.
Sul podio per quest’edizione 2014-2015 salgono il Ristorante Pizzeria da Claudia di Corniglio (PR) al primo posto, al secondo il Ristorante La Nuova Jera di Bagnone (MS), e al terzo il Rifugio della Pietra di Castelnovo ne’ Monti (RE). Molte anche le menzioni speciali che premiano nove ristoratori per la cura in alcuni specifici ambiti.
“Lo scorso anno siamo arrivati secondi – racconta Patrizia Pensieri che gestisce con Alberto Lambertini il Ristorante Pizzeria da Claudia a Corniglio – anche per questo essere arrivati primi quest’anno ci rende ancora più contenti. L’attenzione al territorio e il desiderio di valorizzarne i prodotti tipici è un cammino che abbiamo interpreso da tempo. Siamo convinti, infatti, che questo sia il modo giusto per far conoscere e amare la nostra montagna. Nel menu diamo spazio a produttori locali, come l’azienda Ca’ Mezzadri di Silvano Gerbella specializzata in suino nero, unico allevamento del territorio riconosciuto alla stato brado; oppure la Stalla Riva dove si allevano vacche brune per conferire il latte al Caseificio Ponte Bratica che produce Parmigiano Reggiano di alta qualità. L’obiettivo è far apprezzare a tutti i palati una cucina naturale e sana, senza conservanti o eccessivi condimenti, offrendo così un panorama sull’eccellenze del nostro crinale a poca distanza da Parma”.
Per scoprire il secondo classificato bisogna passare sul versante toscano e arrivare a Iera, piccola località nel Comune di Bagnone. Anche lo chef Stefano Brunelli, che gestisce il Ristorante La Nova Jera, ha scalato la classifica della rassegna ‘Appennino Gastronomico’: l’anno scorso si è classificato terzo e ora è sul secondo gradino del podio. Il suo segreto è l’impegno e l’amore per le cose semplici e naturali, anche quelle che crescono spontanee come gli erbi delle sue trote. “Seleziono personalmente tutte le materie prime – spiega Brunelli – valorizzando i nostri prodotti come la cipolla di Treschietto, il farro della Garfagnana, la farina di castagne, la China Clementi per lo spritz e la mela rotella, un frutto simbolo del bagnolese che ancora oggi qualche sognatore come me coltiva con passione. La rassegna che il Parco Nazionale organizza è un momento molto importante perché da modo a tanti ristoratori dell’Appennino Tosco Emiliano di incontrarsi, confrontarsi e avvicinarsi ad ALMA. La premiazione a Expo è una grande occasione perché ci permette di riflettere sui problemi della quantità di cibo e sull’utilizzo delle risorse. In merito a ciò sono convinto che ognuno nel suo piccolo può contribuire in modo virtuoso”.
Per trovare la medaglia di bronzo della rassegna si deve arrivare ai piedi della Pietra di Bismantova a Castelnovo ne’ Monti, luogo simbolo dell’Appennino reggiano. Qui Barbara Spallanzani con la sommelier Marzia Ruozzi gestiscono il Rifugio della Pietra. Storia, tradizione, cultura e benessere sono gli elementi che rendono questo luogo straordinario, non meraviglia quindi se anche la cucina è una forma d’arte. “Per dieci anni ho lavorato in un locale sulla via Emilia – racconta la chef Barbara – Ho sempre avuto però la passione per la montagna e quando ho avuto l’occasione mi sono trasferita perché sono convinta che le persone che entrano nel mio ristorante meritino tanta attenzione: vanno coccolate e rispettate scegliendo materie prime di qualità. Su questo non si può scendere a compromesso, soprattutto in tempi di crisi. E’ la prima volta che partecipo alla rassegna proposta dal Parco Nazionale, ma lo spirito lo condivido a pieno, anche per questo sono molto contenta del risultato ottenuto”.
“Anche quest'anno si è conclusa con successo l'edizione della rassegna Menù km zero, confermando l'interesse di ospiti e ristoratori - afferma Giuseppe Vignali, direttore del Parco Nazionale - L'Appennino tosco emiliano, per la sua particolare collocazione di confine è terra ricchissima di prodotti tipici e di culture gastronomiche (emiliana, toscana, ligure) che s'incontrano e si contaminano a vicenda; inoltre la cucina è ancora autentica e non omologata. I menù proposti dai ristoratori toscani e emiliani - tutti bravissimi e virtualmente vincitori - sono veramente sorprendenti e consentono un viaggio "into the Apennines". La straordinaria agro-biodiversità che rende unico il nostro territorio ha ottenuto proprio in questi giorni un riconoscimento internazionale di assoluto pregio: l’Appennino Tosco Emiliano è entrato a far parte della Rete ‘Uomo e Biosfera’ MaB dell’UNESCO. Questo rende ancora più significativa la nostra presenza a EXPO 2015, manifestazione di cui condividiamo la filosofia”.
“Lo strumento del cortometraggio video– afferma Andrea Sinigaglia, Direttore Generale ALMA - permette ai ristoratori dell’Appennino di esplorare e potenziare, attraverso i social media, un nuovo modo di comunicare e raccontare in maniera efficace la propria attività, la cucina e le eccellenze del territorio.”
La graduatoria della rassegna è stata ottenuta combinando la votazione pubblica attraverso il sito internet del Parco e i giudizi espressi dagli esperti di ALMA. Quest'anno la giuria ha voluto indicare le prime 10 posizioni della classifica. Vengono assegnate, inoltre, come nelle edizioni passate, menzioni speciali in accordo con le valutazioni degli esperti della Scuola Internazionale di Cucina Italiana.

Graduatoria finale 2014/2015:
1. Ristorante Pizzeria Da Claudia (Corniglio PR)
2. Ristorante La Nuova Jera (Loc. Jera – Bagnone MS)
3. Rifugio della Pietra (Castelnovo ne’ Monti RE)
4. Ristorante La Baita d’Oro (Castelnovo ne’ Monti) ex aequo Il Rifugio dell’Aquila (Ligonchio – RE)
5. Agriturismo Montagna Verde (Loc Apella – Licciana Nardi MS)
6. Ristorante Il Capolinea (Castelnovo ne’ Monti RE)
7. Albergo Ristorante Val Dolo (Civago – Villa Minozzo RE
8. Locanda Il Castagno (Ponteccio di Giuncugnano LU)
9. Agriturismo Valle dei Cavalieri (Succiso – Ramiseto RE)
10. Ristorante 50 Sfumature (loc Morsiano – Villa Minozzo RE)

Menzioni speciali:
PREMIO SERVIZIO Ristorante La Baita d’Oro (Castelnovo ne’ Monti RE)
PREMIO OSPITALITA’ Ristorante Il Capolinea (Castelnovo ne’ Monti RE)
PREMIO VALORIZZAZIONE PRODOTTO TIPICO Ristorante La Pioppa (Villa Minozzo RE)
PREMIO VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO E DEL TURISMO Agriturismo Valle dei Cavalieri (Succiso di Ramiseto RE)
PREMIO TRADIZIONE Albergo Ristorante Val Dolo (Civago – Villa Minozzo RE)
PREMIO MIGLIOR MENU’ KM0 Agriturismo Montagna Verde (Apella di Licciana Nardi MS)
PREMIO INTRAPRENDENZA Ristorante 50 Sfumature (Loc Morsiano di Villa Minozzo RE)
PREMIO MIGLIOR MENU’ TOSCO – EMILIANO Albergo Ristorante Miramonti (Comano MS)
PREMIO QUALITA’ AGRO – BIODIVERSITA’ Rifugio Lagdei (Corniglio PR)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

5commenti

PARMA

Scontro fra due auto in via Venezia

APPENNINO

Escursionisti in difficoltà per il ghiaccio: due interventi del Soccorso Alpino sul Marmagna

In salvo due 29enni toscane e due uomini del Parmense. Appello del Saer: "Usate l'attrezzatura adatta"

FURTI

Ladro in fuga si lancia da una finestra al quarto piano: ferito e... arrestato Foto

Di chi sono tutti questi oggetti rubati?

1commento

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

GAZZAREPORTER

"Tramonti infuocati": le foto del lettore Matteo

TG PARMA

Nuovi agenti di polizia municipale e telecamere a Parma Video

Festeggiato San Sebastiano, patrono della Municipale

droga

Arrestato mentre spaccia in viale dei Mille. Con 17 dosi pronte nelle siepi

incidente

Frontale nella notte al Botteghino: due feriti

via d'azeglio

Prima minaccia i clienti, poi lancia bottiglie contro le vetrine: inseguito e bloccato

5commenti

mobilità

Maxi zone a velocità limitata nel Cittadella e nel Montanara Video

4commenti

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

politica

Pizzarotti: "Nel M5s restano solo gli yes man. Con me usata la linea sovietica"

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La strana democrazia delle parlamentarie

di Francesco Bandini

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Turismo

Venezia, 1.100 euro di conto per 4 bistecche e una frittura di pesce

Lucca

Un escursionista muore sulle Apuane

SPORT

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: gli highlights della partita Video

Cremonese-Parma

D'Aversa: "Dispiace non vedere la 'cattiveria' giusta per portare a casa il risultato" Video

SOCIETA'

IL CASO

Tim Cook: "Non voglio che mio nipote sia sui social"

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"