Gusto

La mela nella bottiglia (in stile parmense)

La mela nella bottiglia
0
 

Due bottiglie uguali -per la sfida che, al tempo della sagra, il cugino di Vigolone lanciava ai parenti di Ravarano. In una “vén ‘d po’mm”, nell’altra “vén d’ùvva”: chi saprà riconoscerne il contenuto? La prima era il vino dei poveri, l’altra quello dei ricchi. Non c’è uva in montagna e allora tutti raccoglievano le mele per poi, messe a parte le più belle, fare il sidro, il vén ‘d po’mm. Il cugino di Vigolone aveva però anche un piccolo filare d’uva da cui ricavava qualche bottiglia di vino. Nasceva da lì la sfida e raramente qualcuno riusciva a indovinare, perché i due vini si assomigliavano, rustici e pungenti, aspri e genuini. Da quei ricordi nasce in Filippo Valla il desiderio di riprendere questa tradizione del nostro Appennino, comune a molti luoghi in Europa, e di tornare a raccogliere mele selvatiche per trasformarle in sidro. La laurea in “Viticultura e enologia” all’Università di Milano e gli studi con Attilio Scienza sono decisivi, come lo sarà il lavoro in cantine della Val d’Aosta, della California, in Oltrepò, in Franciacorta, sui colli parmigiani. Ed ecco che quelle dieci piante di mele rosa, piantate cinquant’anni fa dal nonno in un campo sotto il monte Montagnana, verranno molto utili per i suoi primi esperimenti. «Ho ripreso -dice Filippo Valla- una vecchia consuetudine di quei paesi: le mele più piccole e più brutte, quelle che era difficile vendere o conservare, venivano schiacciate per fare il vino di mele. Lo si faceva per non gettare niente, per avere qualcosa da bere e poco importa poi se il sidro veniva aspro... Ora quel campo sotto il Montagnana è per me una sicura base di partenza, insieme a questa casa dove ho cantina e laboratorio e dove ha sede l’”Azienda agricola Tre Rii”. Raccolgo, tra val Parma e val Baganza, mele selvatiche da ottobre a novembre, quando sono ben mature: la fortuna del sidro è che le mele non devono essere per forza belle e se hanno qualche difetto non importa, conta solo che siano sane. Sono tutti frutti non trattati, perché non uso chimica o altro, tolgo solo quelle mele che, una volta raccolte e stese su graticci in attesa di poterle schiacciare, tendono a marcire; le altre le raccolgo nei boschi o in campi abbandonati, sempre in montagna e senza mai scendere troppo d’altitudine. Non credo importi molto la varietà, per me conta il territorio ed è quello che voglio valorizzare. Se raccolgo Golden o Granny Smith, rendono molto, sono dolci e hanno alcol, ma non sanno di niente. Se invece schiaccio mele selvatiche, rendono al meglio il 30% e danno meno alcol, ma hanno un’acidità che taglia la lingua e un tannino ricco che si fatica a domare. Uso quelle più rustiche per fare il sidro amabile, perché la base zuccherina nasconderà poi le asprezze; invece, le più ruffiane e gentili le utilizzo per il sidro secco. Non ho frigorifero, nè filtri, nè autoclave: pigio sempre col freddo, metto in un tino d’acciaio, lascio fermentare per una settimana/dieci giorni secondo stagione e temperatura. Svino, torchio il cappello, metto in vasi vinari d’acciaio o di vetroresina e lascio riposare per tutto l’inverno in una cantina con le finestre aperte, al freddo intenso: così il sidro decanta, si pulisce da solo e quando in primavera imbottiglio il succo è limpido. Come si vede, si fa il sidro allo stesso modo del vino, col metodo ancestrale che è poi il metodo classico, ma senza sboccatura». Bevetelo fresco, ossigenato in una scodella o in un bicchiere ampio. Quello secco è ottimo: ha colore dorato con riflessi ambrati, rotondo profumo di frutta e di rosa con flebili note candite, appena amarognole; gusto pulito un poco astringente, vivace per l’acidità, con finale asciutto. Accompagnatelo ai prodotti della montagna: castagne e derivati, polenta, caciotte giovani, carni bianche, uova –ma i ghiottoni più audaci osino le cape sante, sfidino gamberi e scampi. Secco oppure amabile, si trova in Azienda (Tre Rii, Corniglio, tel 349.412.0109) e, a Parma, nelle drogherie-enoteche Cavalli (via Verdi 25), Pedrelli (via Spezia 53), Viani (via Turchi 5).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ucciso da forma di parmigiano: condannato produttore "spazzolatrice"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

5commenti

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

2commenti

16 dicembre

Valter Mainetti professore ad honorem dell'Università di Parma

Il conferimento alle ore 11 nell’Aula Magna dell’Ateneo

Curiosità

Al seggio col colbacco del «no»

tg parma

Ventenne travolto a Lemignano: è in Rianimazione Video

QUESTURA

Bici rubate trovate al parco Falcone e Borsellino: qualcuno le riconosce? Foto

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Cambridge

Trovata morta ricercatrice italiana: cause naturali

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

pazzo mondo

Venezia: si lancia con il surf da Ponte degli Scalzi

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

calcio e tragedia

L'omaggio agli "angeli-campioni": Coppa sudamericana alla Chapecoense

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)