19°

Gusto

La mela nella bottiglia (in stile parmense)

La mela nella bottiglia
0
 

Due bottiglie uguali -per la sfida che, al tempo della sagra, il cugino di Vigolone lanciava ai parenti di Ravarano. In una “vén ‘d po’mm”, nell’altra “vén d’ùvva”: chi saprà riconoscerne il contenuto? La prima era il vino dei poveri, l’altra quello dei ricchi. Non c’è uva in montagna e allora tutti raccoglievano le mele per poi, messe a parte le più belle, fare il sidro, il vén ‘d po’mm. Il cugino di Vigolone aveva però anche un piccolo filare d’uva da cui ricavava qualche bottiglia di vino. Nasceva da lì la sfida e raramente qualcuno riusciva a indovinare, perché i due vini si assomigliavano, rustici e pungenti, aspri e genuini. Da quei ricordi nasce in Filippo Valla il desiderio di riprendere questa tradizione del nostro Appennino, comune a molti luoghi in Europa, e di tornare a raccogliere mele selvatiche per trasformarle in sidro. La laurea in “Viticultura e enologia” all’Università di Milano e gli studi con Attilio Scienza sono decisivi, come lo sarà il lavoro in cantine della Val d’Aosta, della California, in Oltrepò, in Franciacorta, sui colli parmigiani. Ed ecco che quelle dieci piante di mele rosa, piantate cinquant’anni fa dal nonno in un campo sotto il monte Montagnana, verranno molto utili per i suoi primi esperimenti. «Ho ripreso -dice Filippo Valla- una vecchia consuetudine di quei paesi: le mele più piccole e più brutte, quelle che era difficile vendere o conservare, venivano schiacciate per fare il vino di mele. Lo si faceva per non gettare niente, per avere qualcosa da bere e poco importa poi se il sidro veniva aspro... Ora quel campo sotto il Montagnana è per me una sicura base di partenza, insieme a questa casa dove ho cantina e laboratorio e dove ha sede l’”Azienda agricola Tre Rii”. Raccolgo, tra val Parma e val Baganza, mele selvatiche da ottobre a novembre, quando sono ben mature: la fortuna del sidro è che le mele non devono essere per forza belle e se hanno qualche difetto non importa, conta solo che siano sane. Sono tutti frutti non trattati, perché non uso chimica o altro, tolgo solo quelle mele che, una volta raccolte e stese su graticci in attesa di poterle schiacciare, tendono a marcire; le altre le raccolgo nei boschi o in campi abbandonati, sempre in montagna e senza mai scendere troppo d’altitudine. Non credo importi molto la varietà, per me conta il territorio ed è quello che voglio valorizzare. Se raccolgo Golden o Granny Smith, rendono molto, sono dolci e hanno alcol, ma non sanno di niente. Se invece schiaccio mele selvatiche, rendono al meglio il 30% e danno meno alcol, ma hanno un’acidità che taglia la lingua e un tannino ricco che si fatica a domare. Uso quelle più rustiche per fare il sidro amabile, perché la base zuccherina nasconderà poi le asprezze; invece, le più ruffiane e gentili le utilizzo per il sidro secco. Non ho frigorifero, nè filtri, nè autoclave: pigio sempre col freddo, metto in un tino d’acciaio, lascio fermentare per una settimana/dieci giorni secondo stagione e temperatura. Svino, torchio il cappello, metto in vasi vinari d’acciaio o di vetroresina e lascio riposare per tutto l’inverno in una cantina con le finestre aperte, al freddo intenso: così il sidro decanta, si pulisce da solo e quando in primavera imbottiglio il succo è limpido. Come si vede, si fa il sidro allo stesso modo del vino, col metodo ancestrale che è poi il metodo classico, ma senza sboccatura». Bevetelo fresco, ossigenato in una scodella o in un bicchiere ampio. Quello secco è ottimo: ha colore dorato con riflessi ambrati, rotondo profumo di frutta e di rosa con flebili note candite, appena amarognole; gusto pulito un poco astringente, vivace per l’acidità, con finale asciutto. Accompagnatelo ai prodotti della montagna: castagne e derivati, polenta, caciotte giovani, carni bianche, uova –ma i ghiottoni più audaci osino le cape sante, sfidino gamberi e scampi. Secco oppure amabile, si trova in Azienda (Tre Rii, Corniglio, tel 349.412.0109) e, a Parma, nelle drogherie-enoteche Cavalli (via Verdi 25), Pedrelli (via Spezia 53), Viani (via Turchi 5).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Alessio Lo Passo

Alessio Lo Passo

MILANO

Ex tronista arrestato per estorsione a chirurgo estetico

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito"

gossip

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito" Foto

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram

social

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram: dominio Beyoncé e Selena Gomez 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Auto nel fosso dopo l'inseguimento: in manette i finti carabinieri truffatori

carabinieri

Auto nel fosso durante l'inseguimento: presi i finti carabinieri truffatori

7commenti

36a giornata

Come sarebbero i play off se il campionato finisse oggi (Partite e date)

MALTEMPO

Dopo il 25 aprile in arrivo piogge e temporali Le previsioni

Brusco calo delle temperature

tribunale

Omicidio Habassi, giudizio abbreviato per i sei imputati

incidente

Frontale a Sabbioneta: muore 56enne. Un mese fa la stessa tragica scomparsa della nipote

Pieveottoville

Schianto all'incrocio, muore un 55enne

ordinanza

Piazzale Pablo e parco Falcone: scatta il divieto alcolici

6commenti

tg parma

Bassa Est, il Pd vuole la fusione Sorbolo-Mezzani e Colorno-Torrile Video

incidente

Gravissimo il pedone investito in via Spezia. Caccia al pirata

tg parma

Amministrative, verso la dodicesima candidatura a sindaco di Parma?

1commento

appuntamenti

Sagre, concerti e street food: l'agenda del 24 e 25 aprile

Eventi 23, 24 e 25 aprile: viabilità modificata, divieto vendita bottiglie e lattine, info sui concerti - Guarda

Lutto

Il Montanara piange Pessina

fidenza

Notte di ricerche per una 67enne scomparsa

gazzareporter

Cartoline (brutte) da piazzale Picelli Foto

BORGO DELLE COLONNE

Assalto dei ladri al bar Portici

VENDITA DELLE AZIONI

Fiere, più sviluppo grazie al privato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Carpi

Bus contro una scuola, i tre minorenni ai carabinieri: "L'abbiamo fatto per noia"

NAIROBI

Kuki Gallmann ferita in Kenya, uccisi due aggressori

SOCIETA'

cinema

"Fibrosi cistica, un documentario per raccontare il dolore, il coraggio. E la vita" Video

televisione

Addio a Erin Moran, "Sottiletta" Joanie di Happy Days Videoricordo

2commenti

SPORT

RUGBY

Amatori Parma batte Viterbo 47-12: le foto della partita

tragico schianto

Incidente mortale: addio al rugbysta Andrea Balloni

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"