13°

Gusto

La mela nella bottiglia (in stile parmense)

La mela nella bottiglia
Ricevi gratis le news
0
 

Due bottiglie uguali -per la sfida che, al tempo della sagra, il cugino di Vigolone lanciava ai parenti di Ravarano. In una “vén ‘d po’mm”, nell’altra “vén d’ùvva”: chi saprà riconoscerne il contenuto? La prima era il vino dei poveri, l’altra quello dei ricchi. Non c’è uva in montagna e allora tutti raccoglievano le mele per poi, messe a parte le più belle, fare il sidro, il vén ‘d po’mm. Il cugino di Vigolone aveva però anche un piccolo filare d’uva da cui ricavava qualche bottiglia di vino. Nasceva da lì la sfida e raramente qualcuno riusciva a indovinare, perché i due vini si assomigliavano, rustici e pungenti, aspri e genuini. Da quei ricordi nasce in Filippo Valla il desiderio di riprendere questa tradizione del nostro Appennino, comune a molti luoghi in Europa, e di tornare a raccogliere mele selvatiche per trasformarle in sidro. La laurea in “Viticultura e enologia” all’Università di Milano e gli studi con Attilio Scienza sono decisivi, come lo sarà il lavoro in cantine della Val d’Aosta, della California, in Oltrepò, in Franciacorta, sui colli parmigiani. Ed ecco che quelle dieci piante di mele rosa, piantate cinquant’anni fa dal nonno in un campo sotto il monte Montagnana, verranno molto utili per i suoi primi esperimenti. «Ho ripreso -dice Filippo Valla- una vecchia consuetudine di quei paesi: le mele più piccole e più brutte, quelle che era difficile vendere o conservare, venivano schiacciate per fare il vino di mele. Lo si faceva per non gettare niente, per avere qualcosa da bere e poco importa poi se il sidro veniva aspro... Ora quel campo sotto il Montagnana è per me una sicura base di partenza, insieme a questa casa dove ho cantina e laboratorio e dove ha sede l’”Azienda agricola Tre Rii”. Raccolgo, tra val Parma e val Baganza, mele selvatiche da ottobre a novembre, quando sono ben mature: la fortuna del sidro è che le mele non devono essere per forza belle e se hanno qualche difetto non importa, conta solo che siano sane. Sono tutti frutti non trattati, perché non uso chimica o altro, tolgo solo quelle mele che, una volta raccolte e stese su graticci in attesa di poterle schiacciare, tendono a marcire; le altre le raccolgo nei boschi o in campi abbandonati, sempre in montagna e senza mai scendere troppo d’altitudine. Non credo importi molto la varietà, per me conta il territorio ed è quello che voglio valorizzare. Se raccolgo Golden o Granny Smith, rendono molto, sono dolci e hanno alcol, ma non sanno di niente. Se invece schiaccio mele selvatiche, rendono al meglio il 30% e danno meno alcol, ma hanno un’acidità che taglia la lingua e un tannino ricco che si fatica a domare. Uso quelle più rustiche per fare il sidro amabile, perché la base zuccherina nasconderà poi le asprezze; invece, le più ruffiane e gentili le utilizzo per il sidro secco. Non ho frigorifero, nè filtri, nè autoclave: pigio sempre col freddo, metto in un tino d’acciaio, lascio fermentare per una settimana/dieci giorni secondo stagione e temperatura. Svino, torchio il cappello, metto in vasi vinari d’acciaio o di vetroresina e lascio riposare per tutto l’inverno in una cantina con le finestre aperte, al freddo intenso: così il sidro decanta, si pulisce da solo e quando in primavera imbottiglio il succo è limpido. Come si vede, si fa il sidro allo stesso modo del vino, col metodo ancestrale che è poi il metodo classico, ma senza sboccatura». Bevetelo fresco, ossigenato in una scodella o in un bicchiere ampio. Quello secco è ottimo: ha colore dorato con riflessi ambrati, rotondo profumo di frutta e di rosa con flebili note candite, appena amarognole; gusto pulito un poco astringente, vivace per l’acidità, con finale asciutto. Accompagnatelo ai prodotti della montagna: castagne e derivati, polenta, caciotte giovani, carni bianche, uova –ma i ghiottoni più audaci osino le cape sante, sfidino gamberi e scampi. Secco oppure amabile, si trova in Azienda (Tre Rii, Corniglio, tel 349.412.0109) e, a Parma, nelle drogherie-enoteche Cavalli (via Verdi 25), Pedrelli (via Spezia 53), Viani (via Turchi 5).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

FESTE

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

Panini & dintorni: scegli il meglio di Parma

GAZZAFUN

Il panino più buono: domani termina la seconda semifinale

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan

FOTOGRAFIA

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

La storia

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

3commenti

FIDENZA

Non ha il biglietto del treno: aggredisce il controllore

1commento

protesta

Oggi anche a Parma sciopero dei taxisti (dalle 8 alle 22)

LA MORTE DEL BOSS

Addio a Riina. E c'è chi gli rende omaggio

Adolescenti

Il bullo? Si combatte con l'ironia

1commento

A Lesignano

Nuovi lavori al centro dato alle fiamme

SERIE B

Il Cittadella stende il Palermo (3-0): il Parma conserva il primato

SISSA TRECASALI

Muore sulla pista da ballo

Cinema

Archibugi: «Ma i ragazzi non sono tutti sdraiati»

FORNOVO

Stazione in mano agli sbandati

ladri in azione

Furto alla mensa del Campus: niente pasti per studenti e dipendenti Video

2commenti

dopo terremoto

Due torrini del Battistero danneggiati: area transennata Video

PARMA

Valigia abbandonata vicino al tribunale: arrivano i carabinieri

In seguito ai controlli sono stati trovati solo alcuni documenti

vigili del fuoco

Fiamme in un capannone industriale a Monticelli Foto

TERREMOTO

Continua lo sciame sismico: 19 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non sono segnalati danni

7commenti

SEMBRA IERI

L'alta Val Ceno devastata da una tromba d'aria (1996)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La sublime prova d'amore della mamma di Mattia

di Vittorio Testa

1commento

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Tensione

Stato di allerta in Libano: esercito al confine con Israele

bologna

Giallo: donna morta accoltellata in casa nella zona di Igor. S'indaga a 360°

SPORT

CALCIO

Tavecchio si è dimesso con rabbia e con un "giallo": "Con un gol sarei stato un eroe". Lippi: "Scelse lui Ventura"

2commenti

Atlanta

Georgia Dome raso al suolo, in fumo 214 milioni di dollari Video

SOCIETA'

cecina

Giocatore lancia bottiglia d'acqua per stizza e colpisce una bimba. Tafferugli tra tifoserie

reali d'Inghilterra

Elisabetta e Filippo: 70 anni di matrimonio Video

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

MOTO

Energica Eva EsseEsse9, la special elettrica