22°

AUTO STORICHE

Il Gp Nuvolari vissuto al volante

Il Gp Nuvolari vissuto al volante
Ricevi gratis le news
0

Fascino e fatica d'altri tempi al volante di una Fiat 1100 Zagato Coupé del '54. Dalla Bassa alla Cisa, riscoprendo la «doppietta»

Aldo Tagliaferro

Il brivido dell'avventura? Non serve spingersi in luoghi esotici o scegliere un elefante come mezzo di trasporto. E' sufficiente fare quello che ci impone la routine giornaliera - e cioè salire in auto e guidare - però con una “signora” d'altri tempi. Della signora in questione, siccome ha quattro ruote, è lecito dire l'età: classe 1954, all'anagrafe è una Fiat 1100 Zagato Coupé, ne sopravvivono appena dodici esemplari. Il contesto? Il Gran Premio Nuvolari, che è - insieme alla Mille Miglia - la più affascinante carovana di auto d'epoca che si snoda sulle strade italiane e lo scorso weekend la corsa di regolarità che si ispira al mitico Nivola (partenza e arrivo rigorosamente a Mantova) ha annusato i sapori della nostra Bassa con sosta a colpi di spalla cotta a Fontevivo, ha morso i pendii dell'Appennino, ha fatto passerella sul circuito di Varano, infine ha scollinato verso Forte dei Marmi, raggiunta ormai al buio alla fine della prima tappa. Bugatti, Lancia, Bentley, Ferrari: il meglio del meglio dell'epopea automobilistica scarrozza su e giù per ponti e tornanti una colorata combriccola internazionale (dall'Argentina alla Russia...) di amanti del retrò, “smanettoni” veri, simpatici miliardari che spesso guidano gioielli da 2/3 milioni di euro con tanto di meccanici e service al seguito perché le vecchie signore - si sa - soffrono di reumatismi. Noi siamo riusciti a salire in uno degli equipaggi iscritti da Banca Generali - da anni sponsor ufficiale dell'evento insieme a Eberhard e Audi - e a Mantova è iniziata la nostra avventura. Lei, la Zagato, ci attende sorniona. Livrea amaranto e viola, linea da urlo, compatta e grintosa (ben più dei cavalli che sprigiona realmente), ci accoglie con una seduta inaspettatamente comoda. Serve qualche minuto per prendere dimestichezza con una frizione altissima, un pedale del freno lungo e spugnoso, il manettino dell'aria, un po' di levette di ferro da memorizzare. Rivediamo in pochi minuti - atterriti - il nostro concetto di frenata, rispolveriamo la vecchia “doppietta” e ci consoliamo se saltiamo la seduta in palestra: ci pensa lo sterzo delle dimensioni di un timone e senza servoassistenza a tonificare i bicipiti. L'entusiasmo sale: la gente assiepata lungo le strade della Bassa - da San Secondo a Fontevivo - saluta, i 90 all'ora regalano le emozioni che oggi dà un'Audi a 230 e sembra tutto un gioco. Ma il bello arriva quando si sale verso Varano. Comincia a piovere, di bocchette dell'aria nemmeno l'ombra, per non appannare i vetri si aprono i finestrini e piove dentro, i tergicristalli di 15 centimetri sono fantozziani, la frenata sul viscido diventa un balletto: meglio attivare la centralina dell'attenzione. Niente cinture, niente poggiatesta e allora cominci a pensare che le auto oggi saranno anche tutte uguali però in 60 anni qualche progresso lo abbiamo fatto. Usciamo dal circuito di Varano dopo le prove di regolarità in pista e patapum, la Zagato si spegne. Il fido meccanico che ci segue con discrezione ma comodamente seduto in Mercedes ci riavvia in qualche modo. E qui comincia l'incubo: brume che sanno già di funghi anticipano l'inverno sulla Cisa, fa freddo, si vede poco, la discesa è una lastra insaponata, il punta-tacco (con pedali da autoscontro!) si fa frenetico prima dei tornanti ma nessuno molla. Anzi, cominciamo a «ingarellarci» con delle splendide Porsche 356 che hanno più cavalli, ma il bello è proprio quello. Ti accorgi che l'occhio cerca per abitudine il navigatore, la temperatura esterna, sogni di attivare il cruise control e provi a guardare nello specchietto di destra, ma non c'è. Poi vedi quelli con una cabrio degli anni Trenta e allora tuto diventa molto relativo. A diciott'anni in fondo giravamo comodi in quattro con la 500 (quella “vera”) dell'amico di turno, poi ci si adagia sul progresso e forse è giusto così. Ma torniamo a noi. Quando dopo Aulla si scollina verso San Terenzo Monti e le ombre si allungano scopri anche che i fari servono solo per essere notati (si spera) e qui la fatica di una tappa di 275 km senza un metro di autostrada inizia a farsi sentire. I “cadaveri” (in senso meccanico) lungo la strada aumentano, qualcuno osa troppo e ci stringe il cuore vedere un paio di vecchie signore davvero malconce sul ciglio della strada, nemmeno fosse una gara a eliminazione. Due lunghe code per un paio di incidenti dilatano la tappa. E' buio pesto all'ultimo timbro in Versilia e quando si tocca il Forte è come un'oasi nel deserto. E' fatta: le signore riposano in fila, attendono un'altra tappa - ben più lunga - fino a Rimini. Ma loro sono senza paura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»