11°

22°

PALLAVOLO

Festa con la società rivale: tre ragazzine saranno "processate"

Festa con la società rivale: tre ragazzine saranno "processate"
Ricevi gratis le news
17

Scoppia il caso nel volley giovanile parmense: tre ragazzine, tesserate per la Coop, deferite per avere partecipato a una festa dell'Energy. Scopri tutti i particolari.

Andrea Del Bue

Tre ragazzine di dodici e tredici anni, giocatrici di volley nella Coop Consumatori Nord Est, sono state prima denunciate dal proprio presidente alla Procura della Federazione pallavolo, poi, da questa, deferite al Tribunale federale, a Roma, dove dovranno presentarsi il 12 ottobre.

La colpa? Aver partecipato, l’8 giugno scorso, quando erano ancora tesserate per la Coop, alla festa di un’altra società, l’Energy Volley.

Il regolamento impedisce, nonostante la giovanissima età delle atlete, di allenarsi o disputare partite con una squadra diversa da quella di appartenenza, a meno che non ci sia il nulla osta del club.

Il presidente della Coop, Enrico Zurlini, una volta venuto a conoscenza del fatto, non ha avuto dubbi e ha deferito le ragazzine e il presidente dell’Energy, Francesco Ughetti, alla Procura federale, che, considerate «prive di rilevanza giuridica» le tesi difensive degli accusati, ha trasmesso gli atti al Tribunale federale.

Così, tre ragazzine si trovano ora in mezzo ad un polverone di giudici e avvocati per aver compiuto un gesto, vista l’età, probabilmente in totale buona fede.

La notizia del caso si è sparsa negli ambienti sportivi. Simona Magri, mamma di una delle ragazzine imputate, non ci sta. «Sono molto arrabbiata e sconcertata. È assurdo che, a causa di un evidente atto di ripicca tra società, vengano messe in mezzo tre bambine (che sono anche compagne di classe, ndr) che pensano soltanto a divertirsi giocando a pallavolo. Mia figlia non è stata bene e per diverse notti non ha dormito. Inoltre, ora dobbiamo andare a Roma e sostenere le spese per l’avvocato».

La signora Magri spiega la sua versione dei fatti: «L’attività agonistica della squadra, dopo aver vinto il campionato provinciale Under 13, è terminata a fine maggio. Gli allenamenti di giugno erano facoltativi, ma comunque le ragazze vi hanno preso parte, per esempio a quelli del 7 e del 9 giugno. L’8 giugno, libere da impegni, hanno accettato l’invito di alcune compagne di scuola a partecipare a una festa di fine anno scolastico organizzata al Palasport dall’Energy Volley».

E questo non è stato digerito da Zurlini, che si è appellato al regolamento, senza voler sentire ragioni, denunciando il fatto alla Federvolley.

Ma la signora Magri non si capacità di tanta sollecitudine e freddezza: «È vero che il regolamento impedisce di fare allenamento o di giocare con un’altra società, ma quella dell’8 giugno era una festa di fine anno, non un’attività agonistica e nemmeno un allenamento. A questa festa mia figlia e le sue amiche si sono recate in totale buona fede. Non riesco a capire quale danno possa averne ricevuto la Coop. In ogni caso, il giorno prima, il 7 giugno, mio marito, al termine dell’allenamento, ha comunicato all’allenatore di nostra figlia l’intenzione della bambina di partecipare alla festa dell’Energy Volley; in risposta abbiamo avuto il consenso, con l’unica raccomandazione che non si facesse male, cosa che non è accaduta, anche perché non hanno fatto allenamento. E, a dimostrazione della buona fede, il giorno dopo mia figlia era regolarmente all’allenamento facoltativo della Coop».

La Magri non se ne fa una ragione: «Io sono convinta che si tratti del classico caso di ripicca tra società, in competizione tra loro. È assurdo, però, che mia figlia, che ha solo dodici anni, sia oggetto di indagini da parte della Procura federale per aver partecipato ad un momento conviviale insieme a due compagne di squadra e ad altre amiche. Mi stupisce molto l’atteggiamento della Coop: credo che non abbia nulla a che fare con i valori che lo sport deve trasmettere a questi livelli».

E le ragazzine, in caso di condanna, potrebbero dover rinunciare al loro sport preferito per un po’: «Rischiano da un’ammonizione fino a un mese di squalifica, durante la quale non potrebbero né allenarsi né giocare – sottolinea la Magri -. In ogni caso, indipendentemente dal tipo, sarebbe una punizione inaccettabile».

Intanto le tre ragazzine hanno deciso che quest’anno, se il Tribunale non lo impedirà, giocheranno con l’Energy Volley.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la rivolta di atlante

    29 Settembre @ 00.26

    la rivolta di atlante

    LO SPORT È FAIR PLAY NON HOOLIGANS SFEGATATI ...... TROPPI SOLDI IN BALLO ??? PURGATEVI E LASCIATELE IN PACE ...NON HANNO SBAGLIATO NULLA, ANZI.

    Rispondi

  • Goldwords

    28 Settembre @ 16.40

    Fatele giocare a rugby, almeno si faranno una birra con l'altra squadra anche se perdono! Questa di Zurlini non la capisco, forse non ha seguito bene la cosa, sempre sia così come dicono le madri! Tuttavia, anche se non fosse così, parliamo di ragazze di 13 anni che sicuramente non pensano a vendere o compare delle partite, ma a divertirsi in un ambiente sano, almeno spero!!

    Rispondi

  • PEPOMAN

    28 Settembre @ 16.36

    STORIA DA TOTO' E PEPPINO MA NON MERAVIGLIAMOCI...SIAMO IN ITALIA...IL BUON SENSO NON ESISTE.....

    Rispondi

  • Filippo Bertozzi

    28 Settembre @ 14.02

    Non riesco a credere che le cose siano semplicemente come dichiarato dalle famiglie in questione: non penso che un dirigente esperto come il presidente della società così importante a livello giovanile locale si sarebbe esposto, con un procedimento così grave per un fatto risibile, ad una prevedibile (e giusta, nel caso) gogna mediatica.

    Rispondi

    • leoprimo

      28 Settembre @ 23.23

      Creda, la cosa è assurda solo pensando all'età delle atlete. Poco importa se alla festa hanno o meno giocato, si sono allenate o solo hanno brindato a torta fritta e coca cola: l'esperto dirigente, come Lei lo definisce dove ha infilato il buon senso?

      Rispondi

  • DAVIDE

    28 Settembre @ 13.07

    Forse perchè quelle dell'Energy per la festa avevano fatto spesa alla.............Conad ???

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Calcio

Parma, cambia il modulo?

BEDONIA

Telecamera a caccia di meteoriti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

SCUOLA

Più di 1.100 supplenti in cattedra

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto