Interrogazione

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento
Ricevi gratis le news
4

Il caso di Alessia Della Pia, uccisa di botte dal compagno tunisino Mohamed Jella, su cui spicca un mandato di arresto europeo e internazionale, approda in parlamento.

L’ondata di sdegno ha lasciato il posto all’impotenza. Alla rassegnazione. Come una patina amara caduta su questa storia di (in)giustizia. Il caso di Alessia Della Pia, uccisa di botte dal compagno tunisino Mohamed Jella, su cui spicca un mandato di arresto europeo e internazionale, approda in parlamento. A un anno e mezzo dall’omicidio che si è consumato in via Bersaglieri, cuore del Cinghio Sud, Walter Rizzetto chiede giustizia per la 38enne parmigiana. Il deputato friulano, fuoriuscito dal gruppo grillino e oggi esponente di Fratelli d’Italia, ha presentato un’interrogazione urgente e ha scritto all’Ambasciata tunisina. Rizzetto ripercorre le fasi più dolorose dell’inchiesta, interpellando il presidente del Consiglio, Gentiloni e il ministro di Giustizia Orlando. «L’autopsia sul corpo della donna ha evidenziato una particolare efferatezza del crimine – ha ricordato il parlamentare - In questi giorni è al via il processo, che è reso più complesso dal fatto che Jella risulta tuttora latitante. Fonti recenti dichiarerebbero che l’imputato si trovi attualmente in Tunisia. I carabinieri del Nucleo investigativo di Parma, grazie alla Procura di Parma e tramite l’Interpol, hanno chiesto di poter supportare la polizia tunisina nelle indagini in corso, mettendosi a disposizione in loco, ma le autorità tunisine avrebbero negato tale proposta di collaborazione senza addurre specifiche motivazioni al rigetto».

Così Rizzetto chiede «se il ministro sia a conoscenza di questi eventi e come intenda intervenire affinché sia fatto tutto il possibile per assicurare il corretto svolgimento del processo e venga assicurata la giustizia nei confronti della vittima». Il contenuto non cambia nella missiva indirizzata all’Ambasciatore tunisino, eccetto per una variante fondamentale: «chiedo quale sia la sua posizione in merito, tenuti, in ogni caso, in assoluta considerazione gli accordi bilaterali e le fonti di diritto internazionale». «E’ stata una scelta di cuore e di coscienza – commenta il deputato al termine di una convulsa giornata capitolina -. Ho appreso della vicenda guardando la scorsa puntata di Quarto Grado». Quella andata in onda su Rete4 due venerdì fa che ha proiettato un fascio di luce cruda su uno dei femminicidi più volenti che si siano consumati a Parma.

«Più che gli audio originali delle chiamate del presunto assassino, e la rabbia davanti alle foto che posta in rete – pure sconvolgenti – sono rimasto impressionato dai genitori di Alessia Della Pia. La loro reazione composta e dignitosissima, la sete di giustizia e non di vendetta. Dopo averli ascoltati ho sentito che occorreva agire. Agire per chiedere risposte alle autorità tunisine». Altro aspetto non di poco conto «è sicuramente il cambio di passo necessario all’Italia, in primis nel contesto europeo e, a cascata, in quello internazionale. Dobbiamo rivedere la nostra posizione e il nostro rilievo, occorre un “piglio” diverso per usare un eufemismo. Non è purtroppo la prima volta che ci troviamo di fronte a persone che commettono un crimine in Italia e a cui basta andare all’estero per rimanere impunite. Non faccio discorsi di pancia, ma credo sia fondamentale essere interlocutori seri e rispettati nel contesto internazionale. Specialmente quando si tratta di dar corso alla giustizia». Dalla famiglia di Alessia, che tanto ha colpito il deputato, arriva il sospiro di sollievo più intenso: «Finalmente si stanno smuovendo le acque. Questo interessamento da parte della politica riaccende le nostre speranze – si lascia andare mamma Daniela Aldini -. Non possiamo che essere grati alle istituzioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oldsailor

    29 Aprile @ 19.30

    Di fronte a queste cose mi vergogno di essere Italiano. Ma quel che mi spiace di più, è il fatto di vergognarmi per colpa di uno stuolo di politici vergognosi, inetti e cacasotto, che ci fanno fare la figura dei conigli pavidi ed imbelli! Fa bene il Jella a sorridere; se fossi in lui agli italiani e all' Italia, farei anche un sonoro pernacchione!

    Rispondi

  • Francesco

    29 Aprile @ 14.18

    brundofrancesco@libero.it

    Lo Stato è un incapace.

    Rispondi

    • filippo

      29 Aprile @ 19.53

      complice direi

      Rispondi

  • ANONIMUS

    29 Aprile @ 09.52

    L italia é sempre più il paese dei balocchi per gli stranieri che delinquono! chi subisce reati da stranieri clandestini e magari con già un decreto di espulsione deve denunciare lo stato italiano! Che non fa niente per rimpatriare questi criminali.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

INSTAGRAM

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

Thomas: «Sono un anti-social, mi esprimo nei live»

Intervista

Thomas: «Sono un anti-social, mi esprimo nei live»

Festa al Dragoon pub di Salso

pgn

Festa al Dragoon pub di Salso Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La neve potrebbe tornare anche in città con il ciclone artico Burian

METEO

La neve potrebbe tornare anche in città con il ciclone artico Buran Video

Enel e energia ellettrica: una task force per fronteggiare i disagi (leggi)

2commenti

APPENNINO

Il sindaco Lucchi: "Gelo e neve in arrivo, lunedì scuole chiuse a Berceto e Ghiare"

APPENNINO

Frana sulla strada fra Varsi e Ponte Lamberti: operai al lavoro Video

VIABILITA'

Buche in A1: problemi anche nel tratto parmense dell'autostrada

PARMA

Scontro fra due auto in via Sidoli: due feriti Foto

Incidente all'incrocio con via XXIV Maggio

weekend

Neve "pigliatutto". E poi teatro, fumetti e ballo: l'agenda del sabato

GAZZAREPORTER

Caprioli vicino a ponte Caprazucca Foto

Foto di Federica Romanazzi

ALLARME MAFIE

'Ndrangheta, le infiltrazioni mettono ko le aziende sane

7commenti

RICERCA

Cuore, da Parma parte la rivoluzione farmacologica

SERIE B

Il Parma lotta e strappa un punto

2commenti

Via Mameli

Tenta di rubare una bici: "placcato" dal barista

VIA PICASSO

Furto al bar: la banda strappa il cambiamonete dal muro 

E' intervenuta la polizia. Il bottino resta da quantificare

ATLETICA

Fidenza rinnova il centro sportivo Ballotta: ecco come sarà Video

Recidivo

Ai domiciliari, continuava a spacciare cocaina

2commenti

BORGOTARO

Laminam, nuove denunce e nuove smentite

AMARCORD

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Confronti? No grazie. Meglio i monologhi

di Francesco Bandini

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

ORVIETO

E' morto Folco Quilici: il grande documentarista aveva 87 anni

POVIGLIO

Il veterinario fa domande, l'allevatore gli punta il forcone alla gola

2commenti

SPORT

olimpiadi invernali

Ester Ledecka oro anche nello snowboard, male gli azzurri

parma calcio

D'Aversa su Parma-Venezia: "I ragazzi hanno spinto dall'inizio alla fine" Video

SOCIETA'

il disco

1973: Edoardo Bennato spicca il volo

METEO

Buran o Burian? Ecco qual è la versione giusta del nome della perturbazione artica

1commento

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day