16°

rifiuti

Differenziata: scattate le multe

Dieci contravvenzioni da 50 euro per “abbandono di rifiuti” o conferimenti nel giorno sbagliato. E Folli fa il punto

Rifiuti al Montanara

Rifiuti al Montanara

15

COMUNICATO

 

Comunicato stampa
Rifiuti, arrivano le sanzioni. 
E Parma comincia ad abituarsi alla raccolta differenziata
Dieci multe da 50 euro per “abbandono di rifiuti” o conferimenti nel giorno sbagliato: questo il risultato in una sola serata di lavoro dei vigili ambientali, che hanno controllato la situazione nella zona nord del quartiere Centro (via Saffi e dintorni).
I controlli e le sanzioni continueranno anche nel prossimo futuro, e verranno estesi sistematicamente a tutta la città, sia per le utenze domestiche che per quelle commerciali.
La notizia è stata resa nota a margine dell’odierno incontro periodico convocato dall’assessore all’ambiente Gabriele Folli, con funzionari comunali e tecnici di IREN per fare il punto della situazione e introdurre eventuali correttivi per ottimizzare i risultati della raccolta differenziata, preservando il decoro della città.
I risultati appaiono sostanzialmente confortanti, sia dal punto di vista della raccolta, sia dal punto di vista della collaborazione dei cittadini: “In questi giorni – rileva l’assessore Folli – abbiamo registrato qualche punto di criticità in particolare nel quartiere Montanara. Ma non ci sono motivi di preoccupazione, perché questi primi mesi di esperienza ci hanno insegnato che le situazioni difficili derivate da comportamenti scorretti sono inevitabili nei primi giorni dopo la rimozione dei cassonetti, ma con l’entrata a regime del sistema i cittadini si abituano e collaborano. Purtroppo non mancano episodi di inciviltà “cronica” che però si manifestavano anche prima dell’avvio del progetto. E su questi lavoreremo per informare chi non ha capito come funziona e per reprimere chi abbandona i rifiuti o li colloca scientemente nel posto sbagliato”. 
I dati confermano l’interpretazione dell’assessore: in Oltretorrente la situazione si sta stabilizzando, a parte qualche luogo in cui i sacchetti per terra purtroppo ci sono sempre stati. I punti di criticità non sono maggiori rispetto a quelli preesistenti, quando alcuni rifiuti (compresi quelli ingombranti) venivano collocati nottetempo a fianco dei cassonetti e ora si trovano accanto alle campane del vetro o ai cassonetti del verde. Che la situazione stia progressivamente migliorando è  stato rilevato dagli stessi vigili ambientali ed è confermato dal crollo verticale del numero di chiamate dei cittadini al numero verde di  Iren.
Dal punto di vista dei numeri i risultati sono decisamente incoraggianti: nel quartiere Lubiana - San Lazzaro, dove il sistema è attivo da un tempo sufficiente per fornire dati attendibili,  l’organico è passato dai 37 kg l’anno per abitante,  agli attuali 85 kg per persona, e anche la carta è aumentata del 20%. Ottimi risultati anche dall’operazione di separazione del vetro da plastica e barattolame: quando venivano raccolti nello stesso contenitore il Conai pagava 20 euro a tonnellata, ora, con la separazione, oltre al vantaggio dal punto di vista ambientale, ai costi della raccolta verranno detratti 108 euro a tonnellata per plastica e barattolame e 30 euro a tonnellata per il vetro.
Nella prossime settimane l’attenzione sarà concentrata sui quartieri Montanara e Molinetto, ma continuerà il monitoraggio (e anche la sanzione dei comportamenti scorretti) nei quartieri dove il sistema è già a regime. 
L’assessore Folli è sicuro che Parma al termine di questo percorso raggiungerà livelli di eccellenza “L’introduzione di questi sistemi richiede un impegno costante  che non si risolve in pochi giorni ma che andrà seguito con forza e passione da parte dell’amministrazione e di Iren. Non escludiamo di apportare correttivi ed implementazioni del servizio dove si presentasse la necessità per migliorare il livello di decoro in città”.
Parma, residenza municipale 29 novembre 2013 

Rifiuti, arrivano le sanzioni. E Parma comincia ad abituarsi alla raccolta differenziata
Dieci multe da 50 euro per “abbandono di rifiuti” o conferimenti nel giorno sbagliato: questo il risultato in una sola serata di lavoro dei vigili ambientali, che hanno controllato la situazione nella zona nord del quartiere Centro (via Saffi e dintorni).I controlli e le sanzioni continueranno anche nel prossimo futuro, e verranno estesi sistematicamente a tutta la città, sia per le utenze domestiche che per quelle commerciali.

 

La notizia è stata resa nota a margine dell’odierno incontro periodico convocato dall’assessore all’ambiente Gabriele Folli, con funzionari comunali e tecnici di IREN per fare il punto della situazione e introdurre eventuali correttivi per ottimizzare i risultati della raccolta differenziata, preservando il decoro della città.I risultati appaiono sostanzialmente confortanti, sia dal punto di vista della raccolta, sia dal punto di vista della collaborazione dei cittadini: “In questi giorni – rileva l’assessore Folli – abbiamo registrato qualche punto di criticità in particolare nel quartiere Montanara. Ma non ci sono motivi di preoccupazione, perché questi primi mesi di esperienza ci hanno insegnato che le situazioni difficili derivate da comportamenti scorretti sono inevitabili nei primi giorni dopo la rimozione dei cassonetti, ma con l’entrata a regime del sistema i cittadini si abituano e collaborano. Purtroppo non mancano episodi di inciviltà “cronica” che però si manifestavano anche prima dell’avvio del progetto. E su questi lavoreremo per informare chi non ha capito come funziona e per reprimere chi abbandona i rifiuti o li colloca scientemente nel posto sbagliato”. I dati confermano l’interpretazione dell’assessore: in Oltretorrente la situazione si sta stabilizzando, a parte qualche luogo in cui i sacchetti per terra purtroppo ci sono sempre stati. I punti di criticità non sono maggiori rispetto a quelli preesistenti, quando alcuni rifiuti (compresi quelli ingombranti) venivano collocati nottetempo a fianco dei cassonetti e ora si trovano accanto alle campane del vetro o ai cassonetti del verde. Che la situazione stia progressivamente migliorando è  stato rilevato dagli stessi vigili ambientali ed è confermato dal crollo verticale del numero di chiamate dei cittadini al numero verde di  Iren.Dal punto di vista dei numeri i risultati sono decisamente incoraggianti: nel quartiere Lubiana - San Lazzaro, dove il sistema è attivo da un tempo sufficiente per fornire dati attendibili,  l’organico è passato dai 37 kg l’anno per abitante,  agli attuali 85 kg per persona, e anche la carta è aumentata del 20%. Ottimi risultati anche dall’operazione di separazione del vetro da plastica e barattolame: quando venivano raccolti nello stesso contenitore il Conai pagava 20 euro a tonnellata, ora, con la separazione, oltre al vantaggio dal punto di vista ambientale, ai costi della raccolta verranno detratti 108 euro a tonnellata per plastica e barattolame e 30 euro a tonnellata per il vetro.Nella prossime settimane l’attenzione sarà concentrata sui quartieri Montanara e Molinetto, ma continuerà il monitoraggio (e anche la sanzione dei comportamenti scorretti) nei quartieri dove il sistema è già a regime. L’assessore Folli è sicuro che Parma al termine di questo percorso raggiungerà livelli di eccellenza “L’introduzione di questi sistemi richiede un impegno costante  che non si risolve in pochi giorni ma che andrà seguito con forza e passione da parte dell’amministrazione e di Iren. Non escludiamo di apportare correttivi ed implementazioni del servizio dove si presentasse la necessità per migliorare il livello di decoro in città”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Silvio

    01 Dicembre @ 22.54

    Rimettete i cassonetti e tornate al vecchio sistema che funzionava "abbastanza bene" Farete più BELLA FIGURA !!!!!!!!!!!! Anche i Grillini sono diventati refrattari ai suggerimenti???? allora è vero che la "POLTRONA" inaridisce le menti, o le avevate già aride prima???

    Rispondi

  • alex

    30 Novembre @ 14.19

    La situazione Oltretorrente viene dall'ASSessore un pò glissata dicendo che tanto ciò che accade ora accadeva anche prima e che la situazione è stabilizzata!??: significa forse che non saranno presi provvedimenti? O li prenderanno solo in zona sindacale come hanno fatto ieri? Siamo disgustati da tutta la situazione, igienica, civica, amministrativa, gestionale, etc.

    Rispondi

  • max64

    30 Novembre @ 13.19

    Folli follies vive in un mondo tutto suo,quando scenderà sulla terra si accorgerà dei casini che sta combinando,la città è nelle mani del GCR,pizzarotti conta quanto il due di picche,quando i capironi del rudo spariranno da tutta la città,cresceranno ovunque colline di spazzatutra, la tariffa puntuale arriverà forse nel 2015 ,e se ti tieni in casa il rudo per sei mesi risparmierai ben 7 cent al giorno.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    30 Novembre @ 12.22

    NO ! RESPONSABILE DI QUESTO SCEMPIO NON E' SOLTANTO IREN ! RESPONABILI DI QUESTO SCEMPIO SONO ANCHE E SOPRATTUTTO PIZZAROTTI E FOLLI , CHE, PER RIPICCA IDEOLOGICA , INSISTONO NEL TENTATIVO DI IMPORRE UN SISTEMA DI RACCOLTA DEI RIFIUTI CHE NON FUNZIONA ! Pensano di tener pulite le strade di Parma coi manganelli ? Bene ! Chi vivrà, vedrà ! PER QUANTO RIGUARDA LA TARES , STATE ALLEGRI ! Abbiamo appena pagato la seconda rata del 2013 , ma , a gennaio , arriverà la prima rata del 2014. State attenti alle spese per regali di Natale ................

    Rispondi

  • 30 Novembre @ 10.29

    La tassa sui rifiuti (perché di "tassa" si tratta, non di "servizio") a Parma è aumentata del 40% nonostante i cittadini adesso si debbano occupare anche di differenziarla e di tenersela in casa per la maggior parte della settimana. IREN sta fornedo un servizio scadnete e i suoi addetti spesso abbandonano i sacchi ritenuti a loro esclusivo giudizio "non conformi" dopo averli strappati e averne sparso il contenuto sulla pubblica strada (fotografati e denunciati). Le multe le paghi chi è responsabile di questo scempio: IREN.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Bullismo

«Non voglio più andare a scuola»

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

INTERVISTA

L'8 maggio Nucci al Regio per l'Hospice

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

LEGA PRO

Parma, pronto a cambiare

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling