19°

rifiuti

Differenziata: scattate le multe

Dieci contravvenzioni da 50 euro per “abbandono di rifiuti” o conferimenti nel giorno sbagliato. E Folli fa il punto

Rifiuti al Montanara

Rifiuti al Montanara

Ricevi gratis le news
15

COMUNICATO

 

Comunicato stampa
Rifiuti, arrivano le sanzioni. 
E Parma comincia ad abituarsi alla raccolta differenziata
Dieci multe da 50 euro per “abbandono di rifiuti” o conferimenti nel giorno sbagliato: questo il risultato in una sola serata di lavoro dei vigili ambientali, che hanno controllato la situazione nella zona nord del quartiere Centro (via Saffi e dintorni).
I controlli e le sanzioni continueranno anche nel prossimo futuro, e verranno estesi sistematicamente a tutta la città, sia per le utenze domestiche che per quelle commerciali.
La notizia è stata resa nota a margine dell’odierno incontro periodico convocato dall’assessore all’ambiente Gabriele Folli, con funzionari comunali e tecnici di IREN per fare il punto della situazione e introdurre eventuali correttivi per ottimizzare i risultati della raccolta differenziata, preservando il decoro della città.
I risultati appaiono sostanzialmente confortanti, sia dal punto di vista della raccolta, sia dal punto di vista della collaborazione dei cittadini: “In questi giorni – rileva l’assessore Folli – abbiamo registrato qualche punto di criticità in particolare nel quartiere Montanara. Ma non ci sono motivi di preoccupazione, perché questi primi mesi di esperienza ci hanno insegnato che le situazioni difficili derivate da comportamenti scorretti sono inevitabili nei primi giorni dopo la rimozione dei cassonetti, ma con l’entrata a regime del sistema i cittadini si abituano e collaborano. Purtroppo non mancano episodi di inciviltà “cronica” che però si manifestavano anche prima dell’avvio del progetto. E su questi lavoreremo per informare chi non ha capito come funziona e per reprimere chi abbandona i rifiuti o li colloca scientemente nel posto sbagliato”. 
I dati confermano l’interpretazione dell’assessore: in Oltretorrente la situazione si sta stabilizzando, a parte qualche luogo in cui i sacchetti per terra purtroppo ci sono sempre stati. I punti di criticità non sono maggiori rispetto a quelli preesistenti, quando alcuni rifiuti (compresi quelli ingombranti) venivano collocati nottetempo a fianco dei cassonetti e ora si trovano accanto alle campane del vetro o ai cassonetti del verde. Che la situazione stia progressivamente migliorando è  stato rilevato dagli stessi vigili ambientali ed è confermato dal crollo verticale del numero di chiamate dei cittadini al numero verde di  Iren.
Dal punto di vista dei numeri i risultati sono decisamente incoraggianti: nel quartiere Lubiana - San Lazzaro, dove il sistema è attivo da un tempo sufficiente per fornire dati attendibili,  l’organico è passato dai 37 kg l’anno per abitante,  agli attuali 85 kg per persona, e anche la carta è aumentata del 20%. Ottimi risultati anche dall’operazione di separazione del vetro da plastica e barattolame: quando venivano raccolti nello stesso contenitore il Conai pagava 20 euro a tonnellata, ora, con la separazione, oltre al vantaggio dal punto di vista ambientale, ai costi della raccolta verranno detratti 108 euro a tonnellata per plastica e barattolame e 30 euro a tonnellata per il vetro.
Nella prossime settimane l’attenzione sarà concentrata sui quartieri Montanara e Molinetto, ma continuerà il monitoraggio (e anche la sanzione dei comportamenti scorretti) nei quartieri dove il sistema è già a regime. 
L’assessore Folli è sicuro che Parma al termine di questo percorso raggiungerà livelli di eccellenza “L’introduzione di questi sistemi richiede un impegno costante  che non si risolve in pochi giorni ma che andrà seguito con forza e passione da parte dell’amministrazione e di Iren. Non escludiamo di apportare correttivi ed implementazioni del servizio dove si presentasse la necessità per migliorare il livello di decoro in città”.
Parma, residenza municipale 29 novembre 2013 

Rifiuti, arrivano le sanzioni. E Parma comincia ad abituarsi alla raccolta differenziata
Dieci multe da 50 euro per “abbandono di rifiuti” o conferimenti nel giorno sbagliato: questo il risultato in una sola serata di lavoro dei vigili ambientali, che hanno controllato la situazione nella zona nord del quartiere Centro (via Saffi e dintorni).I controlli e le sanzioni continueranno anche nel prossimo futuro, e verranno estesi sistematicamente a tutta la città, sia per le utenze domestiche che per quelle commerciali.

 

La notizia è stata resa nota a margine dell’odierno incontro periodico convocato dall’assessore all’ambiente Gabriele Folli, con funzionari comunali e tecnici di IREN per fare il punto della situazione e introdurre eventuali correttivi per ottimizzare i risultati della raccolta differenziata, preservando il decoro della città.I risultati appaiono sostanzialmente confortanti, sia dal punto di vista della raccolta, sia dal punto di vista della collaborazione dei cittadini: “In questi giorni – rileva l’assessore Folli – abbiamo registrato qualche punto di criticità in particolare nel quartiere Montanara. Ma non ci sono motivi di preoccupazione, perché questi primi mesi di esperienza ci hanno insegnato che le situazioni difficili derivate da comportamenti scorretti sono inevitabili nei primi giorni dopo la rimozione dei cassonetti, ma con l’entrata a regime del sistema i cittadini si abituano e collaborano. Purtroppo non mancano episodi di inciviltà “cronica” che però si manifestavano anche prima dell’avvio del progetto. E su questi lavoreremo per informare chi non ha capito come funziona e per reprimere chi abbandona i rifiuti o li colloca scientemente nel posto sbagliato”. I dati confermano l’interpretazione dell’assessore: in Oltretorrente la situazione si sta stabilizzando, a parte qualche luogo in cui i sacchetti per terra purtroppo ci sono sempre stati. I punti di criticità non sono maggiori rispetto a quelli preesistenti, quando alcuni rifiuti (compresi quelli ingombranti) venivano collocati nottetempo a fianco dei cassonetti e ora si trovano accanto alle campane del vetro o ai cassonetti del verde. Che la situazione stia progressivamente migliorando è  stato rilevato dagli stessi vigili ambientali ed è confermato dal crollo verticale del numero di chiamate dei cittadini al numero verde di  Iren.Dal punto di vista dei numeri i risultati sono decisamente incoraggianti: nel quartiere Lubiana - San Lazzaro, dove il sistema è attivo da un tempo sufficiente per fornire dati attendibili,  l’organico è passato dai 37 kg l’anno per abitante,  agli attuali 85 kg per persona, e anche la carta è aumentata del 20%. Ottimi risultati anche dall’operazione di separazione del vetro da plastica e barattolame: quando venivano raccolti nello stesso contenitore il Conai pagava 20 euro a tonnellata, ora, con la separazione, oltre al vantaggio dal punto di vista ambientale, ai costi della raccolta verranno detratti 108 euro a tonnellata per plastica e barattolame e 30 euro a tonnellata per il vetro.Nella prossime settimane l’attenzione sarà concentrata sui quartieri Montanara e Molinetto, ma continuerà il monitoraggio (e anche la sanzione dei comportamenti scorretti) nei quartieri dove il sistema è già a regime. L’assessore Folli è sicuro che Parma al termine di questo percorso raggiungerà livelli di eccellenza “L’introduzione di questi sistemi richiede un impegno costante  che non si risolve in pochi giorni ma che andrà seguito con forza e passione da parte dell’amministrazione e di Iren. Non escludiamo di apportare correttivi ed implementazioni del servizio dove si presentasse la necessità per migliorare il livello di decoro in città”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Silvio

    01 Dicembre @ 22.54

    Rimettete i cassonetti e tornate al vecchio sistema che funzionava "abbastanza bene" Farete più BELLA FIGURA !!!!!!!!!!!! Anche i Grillini sono diventati refrattari ai suggerimenti???? allora è vero che la "POLTRONA" inaridisce le menti, o le avevate già aride prima???

    Rispondi

  • alex

    30 Novembre @ 14.19

    La situazione Oltretorrente viene dall'ASSessore un pò glissata dicendo che tanto ciò che accade ora accadeva anche prima e che la situazione è stabilizzata!??: significa forse che non saranno presi provvedimenti? O li prenderanno solo in zona sindacale come hanno fatto ieri? Siamo disgustati da tutta la situazione, igienica, civica, amministrativa, gestionale, etc.

    Rispondi

  • max64

    30 Novembre @ 13.19

    Folli follies vive in un mondo tutto suo,quando scenderà sulla terra si accorgerà dei casini che sta combinando,la città è nelle mani del GCR,pizzarotti conta quanto il due di picche,quando i capironi del rudo spariranno da tutta la città,cresceranno ovunque colline di spazzatutra, la tariffa puntuale arriverà forse nel 2015 ,e se ti tieni in casa il rudo per sei mesi risparmierai ben 7 cent al giorno.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    30 Novembre @ 12.22

    NO ! RESPONSABILE DI QUESTO SCEMPIO NON E' SOLTANTO IREN ! RESPONABILI DI QUESTO SCEMPIO SONO ANCHE E SOPRATTUTTO PIZZAROTTI E FOLLI , CHE, PER RIPICCA IDEOLOGICA , INSISTONO NEL TENTATIVO DI IMPORRE UN SISTEMA DI RACCOLTA DEI RIFIUTI CHE NON FUNZIONA ! Pensano di tener pulite le strade di Parma coi manganelli ? Bene ! Chi vivrà, vedrà ! PER QUANTO RIGUARDA LA TARES , STATE ALLEGRI ! Abbiamo appena pagato la seconda rata del 2013 , ma , a gennaio , arriverà la prima rata del 2014. State attenti alle spese per regali di Natale ................

    Rispondi

  • 30 Novembre @ 10.29

    La tassa sui rifiuti (perché di "tassa" si tratta, non di "servizio") a Parma è aumentata del 40% nonostante i cittadini adesso si debbano occupare anche di differenziarla e di tenersela in casa per la maggior parte della settimana. IREN sta fornedo un servizio scadnete e i suoi addetti spesso abbandonano i sacchi ritenuti a loro esclusivo giudizio "non conformi" dopo averli strappati e averne sparso il contenuto sulla pubblica strada (fotografati e denunciati). Le multe le paghi chi è responsabile di questo scempio: IREN.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

27commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

storia

Inaugurato il monumento ai Paracadutisti della Folgore

FONTANELLATO

Al via le "Autorevoli cene" al Labirinto della Masone: focus con Massimo Spigaroli e Michela Murgia Ascolta

Le interviste sono state realizzate in diretta da Andrea Gatti su Radio Parma

economia

Approvata all'unanimità la fusione di Banca di Parma in Emil Banca

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro