11°

27°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Il baule

Pesa pubblica a Traversetolo

Elia Bertoli

Elia Bertoli

1

 

I miei primi ricordi della "pesa pubblica" risalgono al 1935 avevo sei anni e vedevo all'inizio di via fanfulla il tempietto di San rocco che aveva adiacente la pesa pubblica e quando questo fu abbattuto la pesa fu costruita in fondo alla piazza dove le due strade si congiuingevano in un'unica via Fanfulla. Era una costruzione quadrata non molto alta, aveva in dotazione la gabbia di ferro per contenere gli animali da pesare, si solito maiali che in quegli spostamenti facevano un baccano infernale ed odore non gradevole. Se nel trambusto un maiale riusciva a scappare si ingaggiava una gara di corsa tra l'animale e il povero camionista che doveva consegnare intero il numero di animali. Per noi ragazzini era un modo per ridere e scommettere su uno dei due . Faceva il servizio di pesatura la "Bzadora" Maria con la figlia Lina, abitavano nel caseggiato detto "La fornace" e dalla finestra potevano vedere quando c'era bisogno servizio della pesatura. Ora si trova in via verdi.

Racconto di Elia Bertoli

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 1
  • Paolo

    20 Gennaio @ 21.05

    Il bimbo in foto sono io Paolo Armani!!!

    Rispondi