Parma-Pescara

Zeman, trent'anni fa la favola di un'estate

Arrivato al Parma nell'87 dopo Sacchi, regalò spettacolo in Coppa e amichevoli ma poi in B durò 7 gare

Zeman, trent'anni fa la favola di un'estate
Ricevi gratis le news
0

Che cosa si sente di promettere ai tifosi del Parma?» chiese, il 22 luglio 1987, al raduno del Parma, Gian Franco Bellè al giovane e nuovo tecnico gialloblù Zdenek Zeman. «Solo che la squadra darà sempre il massimo per divertire» la lapidaria risposta. E così fu, e così è stato per i successivi trent'anni in cui l'integralista allenatore boemo è rimasto fedele a un'idea di gioco ultraoffensivo che spesso, dicono i suoi detrattori, ha fatto divertire, più dei propri tifosi, quelli avversari.

Quell'estate c'era un Parma tutto nuovo ad affrontare la serie B. La squadra di Sacchi che pochi mesi prima aveva sfiorato il salto in A, chiudendo con la miglior difesa della B, era stata smembrata. Bortolazzi, Mussi e Bianchi avevano seguito Sacchi al Milan, Signorini era finito alla Roma, Bruno e Fontolan all'Udinese. Via anche Galassi, Valoti e Piovani. Tra i pochi superstiti, Melli reduce però da un lungo ko, Fiorin e il portiere Marco Ferrari.

Ernesto Ceresini e Riccardo Sogliano avevano però le idee chiare. Dopo un profeta del nuovo calcio, sotto con un altro, a lungo fatto seguire nel suo lavoro a Foggia, in C, e contattato mesi prima al punto che, scoperta la trattativa, il patron dei satanelli Casillo licenziò su due piedi Zeman. Nipote di Cestmir Vykpalek, gloria crociata degli anni '50, il boemo era laureato Isef a Palermo e provvedeva di persona alla preparazione atletica. Nel suo staff anche Carmignani, Battistini e il dottor Vecchi. Resterà inossidabile la sua amicizia col masseur Bozzetti.

La rosa la allestì Sogliano, ed era la più giovane del campionato, con qualche elemento di valore come Apolloni, Carboni, Osio, Gambaro.

CANTO DELLA CICALA

Le prime amichevoli e la Coppa Italia sono una marcia trionfale. A fine giugno la Parmalat aveva firmato il contratto di sponsorizzazione e il suo marchio già da un anno era sulla maglia del Real Madrid. Ecco allora l'amichevole di lusso al Tardini, con il Real messo sotto dal Parma e Butragueno che può solo segnare il gol della bandiera.

Era il 18 agosto, il Parma aveva già battuto la Roma mentre in Coppa, che viveva una fase a gironi, batte nell'ordine Monza, Barletta, Como, Milan e Bari ai rigori. Il successo a San Siro, contro Sacchi e gli olandesi, è un'altra serata indimenticabile. Ma al di là delle prestigiose vittorie estive resta nell'immaginario quel calcio fatto di corse, sovrapposizioni, applicazione ferrea e voglia di spingere sempre in avanti. Trascurando spesso le coperture...

Parma, orgogliosa di essere stata il laboratorio in cui Arrigo Sacchi ha preparato le alchimie che avrebbero stravolto per sempre questo gioco, poteva legittimamente sperare di aver trovato un nuovo profeta, in grado di esaltare i giovani, valorizzarli e far crescere assieme a loro il livello e il prestigio del club.

Zeman sussurra, Zeman fuma come un turco, Zeman fa correre su e giù per i gradoni. Tutto l'armamentario della sua personale leggenda è già in funzione a Parma.

LA DURA REALTA'

Ma poi arriva il campionato, i colleghi marpioni come Mazzia, Mondonico, Scoglio, Simoni. Il 13 settembre, al debutto, la Cremonese passa al Tardini. Complice un errore del portiere Ferrari, disorientato forse dai nuovi compiti che gli vengono chiesti. Zeman ha cancellato la figura del libero, ci pensa il fuorigioco a fermare gli avversari e casomai proprio il portiere, chiamato a uscire dall'area e giocare molto con i piedi. Novità radicali, dure da metabolizzare. L'attacco che in estate sparava a raffica si spunta e in casa arrivano due 0-0 con Messina e Genoa. In trasferta ko a Brescia e Catanzaro, sempre con vistose gaffe difensive. In mezzo vittoria di misura al Tardini sull'Atalanta («Il Parma getta la maschera» titolò speranzosa la Gazzetta di Parma), complice un autogol di Prandelli, ma contro il Bologna di un altro innovatore come Maifredi, arrivò al Dall'Ara la sconfitta che indusse Ceresini a rivedere i piani. Troppo forte la paura di perdere la categoria: 4 punti in sette turni rimasero il bottino di Zeman, esonerato e sostituito con Gian Piero Vitali, un gentleman di tutt'altro stampo tattico che salvò in carrozza la squadra quell'anno (gli presero subito Baiano, Sala, Minotti, Cervone e Rivalta) e il successivo, prima che iniziasse l'era-Scala.

Da allora Zeman è spesso arrivato al Tardini come avversario. La tabella qui sopra mostra che ha raccolto davvero poco. Ma la stima e anche l'affetto di tanti che l'hanno visto all'opera qui a Parma non gli sono mai mancati ed è tanto bello quanto raro vedere che nello sport, qualche volta, il risultato non è tutto.

Sai tutto della serie B? Rispondi al nostro quiz CLICCA QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Scomparso a 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

Gara

La grande sfida degli anolini

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

calcio

Il Parma s'accontenta

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

2commenti

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande