13°

30°

Il racconto della domenica

Due in taxi, verso un'unica meta

Rubrica: il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

0

«Troppo bella. E inquieta, Florinda; i suoi occhi avevano il furore e la volubilità dei gatti»

 

Florinda era smontata dal treno, aveva sceso le scale verso l'uscita della stazione ed era montata di corsa sul primo taxi che si era avvicinato al marciapiede. Cecilio, Cecilio Melfi il taxista, era saltato sul sedile tirandosi il berretto sugli occhi. L'aveva riconosciuta subito, Florinda. Aveva ancora la chioma bionda, che illuminata dal sole, brillava come oro; il corpo si era fatto maturo, un frutto di stagione tutto succo, sapore e gusto. Cecilio la guardava furtivo dallo specchietto retrovisore e notava come gli anni le si erano affastellati agli angoli delle labbra senza cancellare dalla bocca la carnosità; quella bocca dalla cui polpa i suoi denti e la sua lingua, quando la baciava con trasporto e passione, cercavano di strappare il succo infiammato che Cecilio non riusciva mai a spegnere del tutto. Era schiavo di quel calore, di quella fiamma. Di quei baci. Di quei capelli. Di quel corpo. Delle carezze e perfino dei capricci che l'aiutavano a riconquistarla ogni volta: tanto nel gioco di ragazzi che nelle giornate infuocate della luna di miele. Se la ricordava bene quando usciva dalla doccia nuda dopo che si era nettata del sacro seme notturno. Una statua di dolcezza e d’inganni. La bellezza, si diceva Cecilio, deve essere viziata; deve scaturire da qualcosa che nessuno può dominare per intero, a fondo, ma abbeverarsene finché dura. Prenderne, goderne, senza credere che durerà per sempre.
Florinda era stata la sua donna finché era durata. L'aveva riempita di viaggi, ori, gioielli, vestiti.
E viziata. Cecilio lavorava in banca, ma i soldi non bastavano mai. Si era venduto due immobili di famiglia, eredità di mamma Amelia che per quel figlio stravedeva.
Finito l'amore e la bellezza, era arrivata la povertà. Senza denti e senza companatico.
Florinda, la sua rovina.
Avevano vissuto insieme senza contare né i giorni né le notti, né gli anni né il denaro.
Bella, Florinda. Troppo bella. E inquieta; i suoi occhi avevano il furore e la volubilità dei gatti.
Cecilio aveva sessantasei anni, una faccia grigia, stanca, un tic nervoso che gli faceva alzare il labbro superiore, sollevando i baffi bianchi e disordinati che incorniciavano una bocca sciupata, con impressa una smorfia di amara inquietudine. Gli occhi erano ancora vivaci, attenti, penetranti, sospettosi e scaltri, accesi e rapidi come dovevano essere gli occhi di un taxista. Nonostante l'età Cecilio doveva ancora lavorare e si era trovato il posto di taxista pubblico.
Florinda non parlava. Fumava una sigaretta e non l'aveva riconosciuto.
Cecilio, pigiava il piede sul pedale dell'acceleratore con tutta la forza perduta nel tempo, nel passato, nei cattivi pensieri, nella delusione, nella solitudine, nella gelosia, nell'amore perduto, nell'amarezza, nei giorni neri, infelici, vissuti insieme a Florinda, al solitario immobile furore del dopo: ma proprio ora Cecilio trovava l'antico vigore alle falde del cuore, dove la garanzia aveva convalidato il tagliando del suo amore, intonso, da rileggere per chi non avesse capito da subito il suo rispetto, la sua candita e intaccata fedeltà.
Adesso non lo guardava più, Florinda, ma gli passava davanti con tutta la bellezza che lo aveva fatto ubriacare, una sbronza dalla quale non era mai guarito e non intendeva guarire proprio ora che i suoi pensieri avevano ripreso ad accelerare come in preda a una forza che da anni aveva dimenticato.
Svoltò in una stradina di campagna secondaria senza ascoltare la voce di Florinda che chiedeva dove la portava. Cecilio accelerò senza una parola o un gesto.
Li trovarono i carabinieri al mattino su segnalazione di un contadino che si recava nei campi a vendemmiare. Il muso dell'auto sfondato e incollato a un olmo. Cecilio rivolto verso la donna, il braccio teso, disperatamente allungato, per avvinghiare pietosamente la mano di Florinda nell'ultimo disperato gesto d'amore.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpe a forma di piccione ... follie giapponesi

pazzo mondo

La signora con le scarpe a forma di piccione: dal Giappone al giro del web video

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

 Amici, vince il ballerino Andreas Foto Video

tv

Amici, vince il ballerino Andreas Foto Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

berceto

Tre motociclisti cadono uno dopo l'altro sulla strada del Cento Croci

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere

Pasimafi

Liberi Ugo e Marcello Grondelli

Weekend

Street food, bancarelle e vino: l'agenda della domenica

Intervista

Bob Sinclar: «Grazie Parma»

COLLECCHIO

Auto danneggiate e un computer rubato nel parcheggio dell'EgoVillage

salso

Terme, via libera alla liquidazione

iren

Traversetolo, guasto all'acquedotto: possibile mancanza di acqua

PILOTTA

Chiude l'anno luigino: la memoria in tre libri

MEDESANO

Furto al cimitero, rubato un borsello da un'auto

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: ferito un 32enne. San Lazzaro: motociclista ferito Video

Un altro ciclista ferito a Lesignano. Incidente anche a Tizzano: un motociclista all'ospedale

8commenti

VIA GRENOBLE

Chiesa gremita per l'addio a "Camelot"

1commento

PARMA

E' morto Afro Carboni, storico gioielliere e volto della pesca su TvParma Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

gran bretagna

Computer in tilt, aerei della British Airways ancora a terra

URBINO

E' morto il bambino malato di otite e curato con l'omeopatia

4commenti

WEEKEND

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

Inghilterra

All'Arsenal l'FA Cup. Conte, sfuma la doppietta

F1 - MONACO

Pazza griglia di partenza, Ferrari imprendibili per rompere il digiuno di vittorie

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover