-0°

12°

Il racconto della domenica

I neuroni specchio e la Lillina

Doveva sorvegliarsi attentamente per non risucchiare il caffè dalla tazzina come la zia

Rubrica: il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

Ricevi gratis le news
0

 

Ecco la spiegazione. Ecco da dove nasceva quella propensione all’imitazione manifestatasi in lei fin da bambina. La spiegazione era dunque scientifica al perché “quei modi e quelle facce” che la colpivano si imprimessero in lei del tutto naturalmente. Allora, ricordava, la fonte principale esterna “che attivava questo complesso schema motorio” era la messa in prova dell’abito inscenata dalle clienti di sua madre sarta davanti al grande specchio dell’armadio.
In lenta processione verso la camera da letto, dopo la madre e la cliente, lei seguiva per ultima portando la scatola degli spilli, le forbici, il filofort da imbastire, il metro e poi, silenziosa e svelta a porgere quello che di volta in volta le veniva richiesto, non perdeva niente dello spettacolo che avveniva a un passo da lei.
Per esempio, il modo che aveva la Signorina Lillina,la donna più elegante del paese - ah, che sogno l’abito blu a pois bianchi - un modello di Biki - uno dei più belli che la madre le avesse mai confezionato - di camminare lentamente sul tappeto, la testa eretta, lo sguardo fisso allo specchio, di girare con grazia su stessa, di tornare in dietro; il modo che aveva di valutare la profondità della scollatura o il garbo della pence del seno (andava forse spostata un po’ più in basso?), di sollevare il braccio - la mano bianca e morbida sospesa nell’aria come quella di una ballerina - per un perfetto giromanica…insomma, tutto quel fare e quell’atteggiarsi le entrava in testa con estrema facilità.
E con altrettanta disinvoltura lei poteva esibirsi in una spontanea imitazione della persona osservata non solo, come spesso capitava, quando era sola con la madre, in cucina, per farla ridere, ma anche a sproposito, con la Signorina Lillina ancora lì, intenta a discutere la lunghezza dell’orlo e i tempi di consegna.
E questo assorbimento involontario dei modi altrui, crescendo, non si era affatto affievolito anzi, era divenuto fonte di preoccupazione. Doveva sorvegliarsi attentamente per non camminare piegata in avanti come faceva sua suocera, per non risucchiare il caffè dalla tazzina come la zia, per non tenere la lingua tra le labbra come l’impiegata di fronte alla sua scrivania nel momento di massimo impegno, per non umettarsi l’indice sfogliando le pratiche come la capoufficio, per non atteggiare la bocca in una smorfia clownesca come faceva il marito quando spuntava i baffi davanti allo specchio… per non…per non…Ah, che fastidio quando si sorprendeva a imitare - come una scimmia - uno di quei gesti, di quelle movenze, di quelle pronunce, di quelle risate… non suoi. Che sconcerto!
Poi, ecco che a fare luce su questa anomalia personale, per lei così imbarazzante, era venuta la scoperta dei neuroni specchio.
Ne era fautore, insieme al suo team, il Professore Giacomo Rizzolatti che così si esprimeva in un’intervista a Il Sole 24 Ore:“Quando osserviamo un’azione altrui, questa “intrude” nel nostro sistema motorio, automaticamente, e noi capiamo cosa fa l’altro senza alcuno sforzo cognitivo perché dentro di noi si attiva uno schema motorio simile a quello di chi fa l’azione.
I neuroni specchio sono il meccanismo che permette questa comprensione. La scoperta dei neuroni specchio è stata fatta nella scimmia…” eccetera. Che felicità aveva provato nel leggere quelle righe. Sull’onda dell’entusiasmo, aveva cercato di far partecipe anche la madre del meccanismo che la spingeva, bambina, a fare “tutti quei versi” (come diceva lei), ma soprattutto quanto fosse sincera quando le spiegava che “non lo faceva apposta”, che “le veniva così”, che “era più forte di lei”.
La madre, in verità, non sembrò dare molta importanza alla cosa, forse era passato troppo tempo, ma lei due righe al Professore le avrebbe scritte volentieri. Per ringraziarlo. E confessargli quanto quella scoperta l’avesse pacificata con se stessa. (Dispiacendosi in cuor suo solo per Montaigne. Che peccato fosse morto prima, molto prima che i neuroni specchio chiarissero anche a lui il perché della “…sua natura scimmiesca e imitatrice…” come scriveva, rammaricandosene, in una pagina degli Essais. Che peccato).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cecilia Rodriguez accolta dai fischi in discoteca fa il gesto dell'ombrello

Gf Vip

Fischi per Cecilia Rodriguez, che fa il gesto dell'ombrello

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo"

Spettacolo

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo" Video

Extra Urban Fashion Party al Cubo: ecco chi c'era

FESTE PGN

Extra Urban Fashion Party al Cubo: ecco chi c'era Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Massese bloccata

maltempo

Vetroghiaccio e rami rotti: Massese bloccata nel Tizzanese

ALLE PORTE DELLA CITTA'

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

5commenti

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Intervista

Paolo Fresu mercoledì al Regio

Rimpatriata

Caro, vecchio quartiere Marchi

inverno

Neve nel Parmense: rischio strade ghiacciate. Treni fermi. Bardi e Berceto: domani scuole chiuse Video - Foto

1commento

ecco la neve in città

Parma indossa un manto bianco Gallery

gabriella corsaro

Concerto di Natale al presidio Froneri Video

1commento

via fratti

Ruba un cane per mendicare: pochi giorni dopo entra in azione in un distributore

3commenti

antidroga

Marijuana tra i mattoni della Pilotta e nelle siepi di via dei Mille: blitz dei carabinieri

4commenti

classifica

Furti nei negozi? Ancora noi sul podio: la terza merce più rubata è il parmigiano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, il difficile comincia adesso

di Paolo Ferrandi

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

GRAN BRETAGNA

Neve, caos a Heathrow. Scuole chiuse e -15°

Pania della croce

Tragedia sulle Apuane, escursionista muore cadendo, ferito il compagno

SPORT

POSTICIPO

Il Milan soffre ma piega il Bologna

SERIE B

Il Palermo stende il Bari 3-0 e prende il volo. Parma secondo La classifica

SOCIETA'

Calcio

Le magie di Zola nel disco del rocker King Krule Video

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS