-2°

Il racconto della domenica

I neuroni specchio e la Lillina

Doveva sorvegliarsi attentamente per non risucchiare il caffè dalla tazzina come la zia

Rubrica: il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

Ricevi gratis le news
0

 

Ecco la spiegazione. Ecco da dove nasceva quella propensione all’imitazione manifestatasi in lei fin da bambina. La spiegazione era dunque scientifica al perché “quei modi e quelle facce” che la colpivano si imprimessero in lei del tutto naturalmente. Allora, ricordava, la fonte principale esterna “che attivava questo complesso schema motorio” era la messa in prova dell’abito inscenata dalle clienti di sua madre sarta davanti al grande specchio dell’armadio.
In lenta processione verso la camera da letto, dopo la madre e la cliente, lei seguiva per ultima portando la scatola degli spilli, le forbici, il filofort da imbastire, il metro e poi, silenziosa e svelta a porgere quello che di volta in volta le veniva richiesto, non perdeva niente dello spettacolo che avveniva a un passo da lei.
Per esempio, il modo che aveva la Signorina Lillina,la donna più elegante del paese - ah, che sogno l’abito blu a pois bianchi - un modello di Biki - uno dei più belli che la madre le avesse mai confezionato - di camminare lentamente sul tappeto, la testa eretta, lo sguardo fisso allo specchio, di girare con grazia su stessa, di tornare in dietro; il modo che aveva di valutare la profondità della scollatura o il garbo della pence del seno (andava forse spostata un po’ più in basso?), di sollevare il braccio - la mano bianca e morbida sospesa nell’aria come quella di una ballerina - per un perfetto giromanica…insomma, tutto quel fare e quell’atteggiarsi le entrava in testa con estrema facilità.
E con altrettanta disinvoltura lei poteva esibirsi in una spontanea imitazione della persona osservata non solo, come spesso capitava, quando era sola con la madre, in cucina, per farla ridere, ma anche a sproposito, con la Signorina Lillina ancora lì, intenta a discutere la lunghezza dell’orlo e i tempi di consegna.
E questo assorbimento involontario dei modi altrui, crescendo, non si era affatto affievolito anzi, era divenuto fonte di preoccupazione. Doveva sorvegliarsi attentamente per non camminare piegata in avanti come faceva sua suocera, per non risucchiare il caffè dalla tazzina come la zia, per non tenere la lingua tra le labbra come l’impiegata di fronte alla sua scrivania nel momento di massimo impegno, per non umettarsi l’indice sfogliando le pratiche come la capoufficio, per non atteggiare la bocca in una smorfia clownesca come faceva il marito quando spuntava i baffi davanti allo specchio… per non…per non…Ah, che fastidio quando si sorprendeva a imitare - come una scimmia - uno di quei gesti, di quelle movenze, di quelle pronunce, di quelle risate… non suoi. Che sconcerto!
Poi, ecco che a fare luce su questa anomalia personale, per lei così imbarazzante, era venuta la scoperta dei neuroni specchio.
Ne era fautore, insieme al suo team, il Professore Giacomo Rizzolatti che così si esprimeva in un’intervista a Il Sole 24 Ore:“Quando osserviamo un’azione altrui, questa “intrude” nel nostro sistema motorio, automaticamente, e noi capiamo cosa fa l’altro senza alcuno sforzo cognitivo perché dentro di noi si attiva uno schema motorio simile a quello di chi fa l’azione.
I neuroni specchio sono il meccanismo che permette questa comprensione. La scoperta dei neuroni specchio è stata fatta nella scimmia…” eccetera. Che felicità aveva provato nel leggere quelle righe. Sull’onda dell’entusiasmo, aveva cercato di far partecipe anche la madre del meccanismo che la spingeva, bambina, a fare “tutti quei versi” (come diceva lei), ma soprattutto quanto fosse sincera quando le spiegava che “non lo faceva apposta”, che “le veniva così”, che “era più forte di lei”.
La madre, in verità, non sembrò dare molta importanza alla cosa, forse era passato troppo tempo, ma lei due righe al Professore le avrebbe scritte volentieri. Per ringraziarlo. E confessargli quanto quella scoperta l’avesse pacificata con se stessa. (Dispiacendosi in cuor suo solo per Montaigne. Che peccato fosse morto prima, molto prima che i neuroni specchio chiarissero anche a lui il perché della “…sua natura scimmiesca e imitatrice…” come scriveva, rammaricandosene, in una pagina degli Essais. Che peccato).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

La 2° D della scuola media di Sorbolo visita la redazione

QUOTIDIANO IN CLASSE

La 2° D della scuola media di Sorbolo visita la redazione

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

«Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

fidenza

Con una borsa modificata ruba vestiti per 6mila euro all'outlet: arrestato

1commento

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

19commenti

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

INTERVISTA

Pizzarotti e Guerra: «Ora siamo un modello»

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

6commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

OAXACA

Ancora terremoto in Messico: scossa di magnitudo 6.0 nel sud

SPORT

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa