IL RACCONTO DELLA DOMENICA

Il football, Caterina e le albicocche

Gli uomini, finito di mangiare, si erano sveltamente piazzati in circolo davanti al televisore

Rubrica: il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

Ricevi gratis le news
0

 

Caterina aveva servito la famiglia a tavola. Non era una novità. Era il suo lavoro quotidiano e lo svolgeva con abilità e passione. Non era una facile abitudine, ma qualcosa che si fondeva con l'amore, con il calore di una certezza che non l'avrebbe mai abbandonata fino a quando le sue mani non si fossero trovate malate o forzatamente disoccupate; una condizione meramente immaginaria, lontana dalla realtà quanto il cielo dalla terra. Terminato di pranzare, le due figlie, Loredana e Roberta, l'avevano aiutata a raccogliere piatti e posate, preparare la lavastoviglie per la sera, quando avrebbe lavato per la giornata a seguire. La famiglia si riuniva a mezzogiorno di tutti i giorni dell'anno e Caterina preparava tagliatelle al sugo o lasagne, tortelli di spinaci o di zucca, frittate con uova fresche delle sue galline livornesi, pizza, torta fritta e salume prodotto dal maiale che curava e ingrassava Gianni, suo marito. Lo preparava un anno per l'altro. In autunno Gianni chiamava Erasmo, il norcino della zona, che uccideva, squartava e divideva il suino in tutti quei prodotti di alta qualità e raffinata gastronomia.
Gli uomini, finito di mangiare, si erano sveltamente piazzati in circolo davanti al televisore. Un evento domenicale che non si può lasciar sfuggire, se gioca, in una partita di campionato mondiale, la nazionale italiana di calcio. Caterina aveva spazzato il pavimento dalle briciole di pane, pulito i beccucci del gas e rassettata la cucina e si era tolta il grembiule a fiori rossi. «Vado nei campi a raccogliere un cestino di albicocche per nonna Luisa». Aveva parlato al plurale, per tutti, ma nessuno aveva risposto. Erano presi dal tifo, dal gioco. Si sentivano fischi e grida, rabbia, sozzure e bestemmie. I tifosi facevano sentire le loro voci. Gli uomini non avevano voglia di smuoversi dalla sedia per andare ad aiutare Caterina che voleva ricordarsi di nonna Luisa, che amava le albicocche e quando si sentiva in forze le metteva a bollire sul fuoco e faceva la marmellata per Caterina e le figlie.
Prima di uscire da casa, Caterina si era messa una borsa di tela a tracolla per essere più libera nel muovere braccia e mani. Per la raccolta era l'ideale. Comoda e sicura. Caterina non era stata mai una scavezzacollo, una di quelle bambine che si strappano le vesti, anche se non rinunciava al giuoco; era invece una ragazzina che se la cavava, e bene, in cucina; imparava veloce, svelta e sicura. Era brava col forno, con i dolci, e col cucito. Le mani. Le mani erano il suo talento, il dono più prezioso della natura. Proprio per il motivo che sapeva ingegnarsi in qualsiasi cosa, Caterina aveva scelto di uscire da sola a raccogliere le albicocche. Cosa ci voleva? E quanto ad arrampicarsi non era poi la prima volta.
Aveva scelto un albero così carico di frutti che pareva una sposa con sei gemelli in pancia. Sarebbe stato un piacere sgravarla. Si tolse gli zoccoli e li appoggiò a terra sotto una pianta vicina. Scalza, aveva indossato una tunica leggera di lino per meglio muoversi a salire sull'albero.
Iniziata la scalata si era trovata in poco tempo a metà strada e aveva cominciato la raccolta. Il ramo sul quale si messa cavalcioni era carico, forse pericoloso, ma Caterina non se ne rendeva conto. Raccoglieva. Raccoglieva. Ebbe all'improvviso un lampo negli occhi, uno schianto e la certezza che il ramo si era spezzato e lei stava precipitando dall'albero. Sentiva il fogliame, i rami, la corteccia che nella caduta la graffiavano il viso. Le braccia e le mani con cui tentava di rendere la caduta meno grave e dolorosa. Andò a piantarsi con la testa nella terra, non sentì male, sapeva di avere le cosce e il sedere che compattavano con il sole che tramando tra le foglie lambiva l'epidermide e scaldava le bianche carni di donna Caterina. Si pulì alla meglio. Quando entrò in casa con le albicocche che aveva fatto in tempo a raccogliere, stordita ma felice, disse: «sono caduta dalla pianta». Dal gruppo degli uomini ancora nessuna risposta.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS