-5°

cultura

Loretta, il lago, la fuga di Canzio

Il racconto della domenica

Loretta, il lago, la fuga di Canzio
0

L'ultima visione che Canzio aveva avuto di Loretta era il braccio che spuntava dall'acqua del lago, la mano che muoveva le dita, un segnale per esprimere una parola, ma la ragazza era muta. Aveva l'acqua alla gola, i capelli in bocca, sbatteva la testa di qua e di là, andava sotto e riemergeva come una bambola di gomma sul calmo movimento del lago. Canzio era fuggito in preda al panico. Non si era neppure reso conto che Loretta stava in mezzo al lago e stava affogando. Era caduta per una stupida civetteria di mostrargli le gambe; un motoscafo a tutta velocità aveva sfiorato la barca e mosso la calma del lago, Loretta aveva perduto l'equilibrio precipitando in acqua.
Loretta era stata tratta in salvo in extremis dal Corpo Forestale del lago. Ricoverata in ospedale dopo un breve intervento di cure e prognosi riservata era stata dichiarata fuori pericolo. Dimessa, era tornata a casa dove viveva da single, insieme a un marito separato, e godeva la sua libertà che non l'aveva mai abbandonata e con il tempo che trascorreva le pareva sempre, ogni giorno, più che mai preziosa.
Canzio lo aveva conosciuto occasionalmente, gli era sembrato un bravo uomo, una persona affidabile. Erano usciti insieme alla sera per assistere a un qualche film d'autore al cinema Edison. Una sala per cinefili. Come aveva potuto piantarla lì in mezzo al lago e fuggire sulla barca e mettersi in salvo? Non lo aveva considerato un pavido, una persona dalla coda di paglia. Un debole al punto da fuggire davanti al dramma di una amica, così si definiva Loretta, che per un gioco era finita in acqua. Non fa parte poi del giuoco femminile mostrare le proprie bellezze: le gambe? Una debolezza. Pagata cara. Con tanta paura e la fortuna dalla sua parte.
Canzio dopo i primi interrogatori era stato portato in carcere. Nelle sue dichiarazioni c'erano buchi tali, incongruenze, contraddizioni, confusione di pensieri, perdita di memoria, che facevano nascere il sospetto del progetto di un delitto che alla fine si era risolto per il meglio, ma secondo il capitano dei carabinieri Delbosco con il dubbio di un omicidio con premeditazione.
Il capitano Delbosco aveva insistito: «dica la verità voleva lasciarla affogare quella povera ragazza. Ce ne spieghi la genesi, le motivazioni. Perché. Un motivo ci dovrà pur essere alla base di quella sua fuga. Eppure lei è un impiegato modello, dalle informazioni che ci hanno dato i suoi superiori della banca in cui presta servizio. Se ci dirà la verità poi si sentirà meglio. E anche noi andremo a casa».
Canzio non aveva nulla da dire. Tranne, come ripeteva ch'era fuggito con l'instinto di conservazione dimenticando che dentro al lago, e stava per affogare, c'era la sua amica Loretta. Cosa gli aveva preso? E chi era in grado di dargli una spiegazione. Lui viveva dentro l'oscurità più totale. Non aveva validi motivi per volere Loretta morta. E poi lui non era neppure capace di ammazzare una mosca. La ragazza era una sua amica con la quale si trovava di tanto in tanto per un cinemino o una tazza di cioccolata calda quando il freddo penetrava nelle ossa. Non si erano promessi niente e stavano bene dove e come stavano. Non erano in difficoltà economiche, non pretendevano la luna. Ognuno con il proprio zaino di dolori che si portava appresso fin dal primo mattino quando metteva i piedi giù dal letto e toccava il freddo pavimento. Il rimedio non esisteva e bisognava continuare a girare su se stessi come una girandola sopra il tetto con il solo movimento del vento. Era questo che il capitano Delbosco non riusciva a capire. Canzio capiva di essere nei guai: ma era un probabile assassino? E chi era in grado di capirlo, con totale onestà di uomo e non di grado o di titolo ufficiale?
Si coricò sulla brandina ma non riuscì a prendere sonno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

3commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

I crociati ritrovano la vittoria grazie a Evacuo: Parma-Santarcangelo 1-0

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e "aggancia" il Venezia Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è momentaneamente in vetta, a 42 punti, in attesa di Reggiana-Venezia

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

6commenti

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

25commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

5commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

TERREMOTO

La Grandi rischi: "Diga su una faglia riattivata: se il suolo cade nel lago, c'è effetto Vajont"

tragedia

Rigopiano: soccorsi senza sosta, ma le speranze sono deboli

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party abusivo in un capannone in disuso: identificati 200 giovani

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

TARDINI

Vittoria un po' sofferta ma 3 punti importanti: il commento di Paolo Grossi Video

sky

Caressa ricorda Filippo Ricotti prima di Milan-Napoli

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto