Il racconto della domenica

L'isola della solitudine

Rubrica: il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

Ricevi gratis le news
0

Un mattino di primavera Topsi lasciò le coste della California: ormai l’aria era tiepida, il sole si faceva sempre più caldo. Topsi capì che l’inverno era finito. Sognava il cielo nebbioso della zona Artica, sognava l’Isola della Solitudine. Le foche d’inverno lasciano le isole Artiche e vanno a svernare in paesi lontani; a primavera tornano. Topsi nuotava nell’Oceano Pacifico: la sua bella testa dagli occhi turchini frangiati da lunghe ciglia, usciva dalle onde tranquille del mare; le pinne si muovevano con ritmo sempre uguale. Migliaia di chilometri la separavano dall’Isola della Solitudine, ma Topsi aveva molta resistenza. Si fermava per mangiare le bianche seppie e per dormire, distesa sul dorso, cullata dalle onde. Nuotò giorni e giorni al largo. Un mattino riconobbe lontanissima l’immensa Groenlandia. Nuotò verso l’Isola della Solitudine, tra le Terre del Nord e l’Arcipelago di Francesco Giuseppe. L’ansia di arrivare non le faceva sentire la stanchezza: Pilco l’aspettava certamente. L’aveva lasciato in autunno, nel periodo della migrazione. Gli aveva detto: «Ci rivedremo a primavera». Pilco, molto più grande e grosso di lei, l’aveva a lungo guardata allontanarsi. Era triste. Topsi vide emergere dalla nebbia l’Isola della Solitudine. Nuotò velocemente. Molte foche erano già arrivate. La spiaggia era coperta di un’arena grigia, monti rocciosi dal colore dell’acciaio s’alzavano nell’isola e si perdevano nell’acqua cupa.
Grandi pezzi di ghiaccio galleggiavano nell’acqua perlacea, un freddo delizioso era intorno. Pilco l’aspettava. Come la vide si tuffò e le andò incontro: «Bene arrivata» le disse. «Finalmente - rispose lei - finalmente insieme». «Ho già segnato i confini di casa - disse Pilco - vieni». La condusse in un punto della spiaggia dove un bel quadrato di terra era ormai di loro proprietà. Topsi ora sentiva una grande stanchezza. Tornò in mare per dormire. Si addormentò sulle onde che la cullavano. Dormì parecchie ore. Finalmente riposata uscì dal mare e camminò sulla spiaggia. Camminava con grazia appoggiando le pinne anteriori a terra e trascinando le posteriori, riunite. Inarcava la schiena a ogni passo, tenendo la testa alta. Era felice. Sentiva che molto presto le sarebbe nato un figlio. Pilco l’attendeva al confine di casa. Insieme fecero il giro dell’isola, parlando del più e del meno. L’isola era ormai piena di foche. Ogni famiglia possedeva la propria casa e ne era gelosissima. Una fitta nebbia era intorno, ma il mare era abbastanza calmo. Volavano qua e là cormorani e gabbiani; le anatre delle nevi si muovevano goffamente sulla spiaggia. Molte foche erano già nate: le madri le allattavano e le cullavano con tenerissimi occhi. L’indomani anche Topsi divenne mamma. Sua figlia esibiva una pelliccia nera e lucida, gli occhi erano grandi, luminosi. Pilco la guardava con orgoglio di padre. «La chiamiamo Pilla?». «Va bene» rispose docile Topsi. Pilla succhiava il latte materno con avidità. Ogni giorno ingrassava. Topsi e Pilco decisero di lasciarla sola: desideravano fare un bagno. S’avviarono verso il mare. Pilla uscì di casa e andò a giocare sulla spiaggia con altri piccolini. Camminavano goffamente tutti allo stesso modo ed erano tutti uguali. Come avrebbe fatto Topsi a riconoscere sua figlia? Topsi, quando tornò, la riconobbe subito, tra centinaia di piccole foche e la riconobbe dalla voce. Senza esitare si diresse verso di lei, l’afferrò per la collottola e la riportò a casa. «Sei ancora troppo piccina per andartene in giro» le disse. Così i giorni passavano, ogni tanto una burrasca alzava paurosamente le onde del mare e il cielo si faceva nero e minaccioso. Poi tornava tutto tranquillo e un vastissimo silenzio, rotto ogni tanto dal grido dei gabbiani, circondava l’Isola della Solitudine. Pilla era ormai una foca grandicella; usciva sola, ma continuava a nutrirsi del latte della mamma. Soltanto in autunno, quando avrebbe lasciato l’isola per migrare verso luoghi più clementi, il pesce sarebbe diventato il suo unico nutrimento. Ormai la nebbia si faceva sempre più fitta e il cielo s’incupiva; raffiche forti di vento arrivavano dal nord sibilando, l’Isola della Solitudine era un punto scuro nel mare burrascoso. Era finita la breve estate artica: era tempo di migrare. Topsi e Pilco non sarebbero partiti insieme. Così voleva la legge delle foche. Si sarebbero rivisti nell’Isola della Solitudine a primavera. Così ogni anno, fino all’ultimo della loro vita.
«Andate - disse Pilco - è ormai tempo». Topsi e Pilla lo salutarono. Anch’esso avrebbe lasciato l’Isola della Solitudine per ritornare a primavera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS