-0°

12°

Il racconto della domenica

Un insolito incontro

Rubrica: il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

Ricevi gratis le news
0

Troppe fotografie quel giorno. D'altronde la bellezza e l’unicità del paesaggio, la collina dolcissima sormontata da un mastio vigoroso, mi avevano costretto ad una sosta in quello strano paese in cui l’aria sembrava quasi sospesa. Respiravo la promessa di qualcosa che dovesse accadere. Ma ormai l’aria era frizzante così decisi di mettere via tutto il mio armamentario. Erano i primi di ottobre e lo spazio della luce veniva via via inghiottito dalla sera autunnale. Riponendo con cura obiettivi e cavalletto non potei fare ameno di indugiare ancora nella contemplazione: il castello fascinoso dall’alto dei suoi merli e dongioni, stava sempre lì e le sue fessure raccontavano di duelli e tradimenti. Il borgo cominciava ad illuminarsi e le minuscole botteghe attorno al maestoso edificio invitavano ad entrare. Pensando al buon lavoro svolto e al gruzzolo che avrei potuto ricavarne, realizzai che avevo fame.
Un signore dal viso rubizzo mi porse un bicchiere: dal profumo e dalle bollicine poteva essere una malvasia secca e volentieri entrai per assaggiare il parmigiano ed i profumati salumi in bella esposizione. Un suono di batteria rompeva il silenzio ma non era sgradevole: tutt’altro. Era uno che ci sapeva fare. Intanto mi riportava sulla terra ed assieme al bicchiere di vino aveva interrotto il mio rimuginare che è propensione naturale del mio essere parte di un mondo parallelo. «Questo è un paese di artisti cara signorina» precisò l’anziano piuttosto in carne col suo sorriso compiaciuto: «abbiamo due tenori, tanti musicisti e un pittore. Ah, ma un pittore ormai affermato sa? Dicono che sia matto ma io non l’ho mai visto se ne sta sempre rintanato in casa sua». Ci facemmo una risata tra una fetta di crudo ed una di salame e mi venne voglia di fare acquisti. Si era fatto tardi, sul serio. Incamminandomi verso il borgo illuminato mi incuriosì un edificio medievale: dalle finestre a bifora un buio quasi totale: usciva solamente una luce fioca e non era il neon azzurrino di una tv. Mi accinsi ad installare di nuovo il cavalletto davanti a quella casa.
Una mano dietro la schiena mi fece raggelare. «Ma lei non mi ha chiesto il permesso di fotografare casa mia» tuonò una voce che mi fece quasi sobbalzare. Mi girai. Era alto, bello con dei capelli neri che luccicavano sotto i raggi lunari. Infagottato in un ampio mantello quella visione inaspettata mi lasciò folgorata. Il suo tono si fece più gentile e mi invitò ad entrare. Ero molto incuriosita. Quell’uomo mi piacque da subito: era un fratello selvaggio, burbero ma gentile, apparso dal nulla , da un buco della terra. Mi sembrava di conoscerlo da sempre e allora entrai. Senza dire una parola. Le pareti erano nere drappeggiate di velluti lucenti ed ebbi la sensazione di essere già stata lì. I mobili bianchi emanavano una luce candida e tutt’intorno erano grandi tele dalle campiture oscure attraversate da rigagnoli argentati, rossi imperatore, verdi squillanti. Intrecci dosati con la trasparenza dell’amore. Mi incantai ad osservare quelle tele così fascinose così pregne di una dolcezza stillata probabilmente da un dolore. Da sofferenze antiche. Mi erano così familiari che non mi venne nemmeno in mente di immortalarle per arricchire il mio già valido servizio fotografico. Questo fratello mi era venuto incontro per darmi ciò di cui avevo bisogno. Il suono disteso delle campane mi riportava ad una condizione di vita che da sempre desideravo. La semplicità di un incontro inaspettato mi offriva attimi di qualità. Mi facevo piccola piccola, attenta a non lasciarmi sfuggire passi falsi: non volevo perdere l’occasione di stabilire legami di quale natura e specie ancora non potevo prevedere. Lo vidi sorridere nel buio rischiarato dall’amalgama d’argento sopra un bacile. Scoprii che sapeva ridere. Rideva di me, del mio stupore. Della mia felicità che faticavo a mascherare. Mi piaceva toccare i suoi pennelli, annusavo con insolito piacere l’odore dell’acqua ragia, degli acrilici, degli oli. Anche gli schizzi inconclusi, appena abbozzati mi attraevano. Forse ero preda di una incommensurabile follia ma mi accorsi che non avevo più paura. Dichiarai che avevo fame allora e lui mi disse che sarebbe stato molto felice di invitarmi ma in casa non aveva granché. Aprii allora la borsa di provviste appena fatte e decisi di condividerle con colui che aveva intercettato le mie frequenze nell’universo. A casa nessuno mi aspettava e le lingue scoppiettanti del camino regalavano un fugace guizzo di sole alla nostra strana serata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cecilia Rodriguez accolta dai fischi in discoteca fa il gesto dell'ombrello

Gf Vip

Fischi per Cecilia Rodriguez, che fa il gesto dell'ombrello

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo"

Spettacolo

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo" Video

Extra Urban Fashion Party al Cubo: ecco chi c'era

FESTE PGN

Extra Urban Fashion Party al Cubo: ecco chi c'era Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Massese bloccata

maltempo

Vetroghiaccio e rami rotti: Massese bloccata nel Tizzanese

ALLE PORTE DELLA CITTA'

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

5commenti

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Intervista

Paolo Fresu mercoledì al Regio

Rimpatriata

Caro, vecchio quartiere Marchi

inverno

Neve nel Parmense: rischio strade ghiacciate. Treni fermi. Bardi e Berceto: domani scuole chiuse Video - Foto

1commento

ecco la neve in città

Parma indossa un manto bianco Gallery

gabriella corsaro

Concerto di Natale al presidio Froneri Video

1commento

via fratti

Ruba un cane per mendicare: pochi giorni dopo entra in azione in un distributore

3commenti

antidroga

Marijuana tra i mattoni della Pilotta e nelle siepi di via dei Mille: blitz dei carabinieri

4commenti

classifica

Furti nei negozi? Ancora noi sul podio: la terza merce più rubata è il parmigiano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, il difficile comincia adesso

di Paolo Ferrandi

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

GRAN BRETAGNA

Neve, caos a Heathrow. Scuole chiuse e -15°

Pania della croce

Tragedia sulle Apuane, escursionista muore cadendo, ferito il compagno

SPORT

POSTICIPO

Il Milan soffre ma piega il Bologna

SERIE B

Il Palermo stende il Bari 3-0 e prende il volo. Parma secondo La classifica

SOCIETA'

Calcio

Le magie di Zola nel disco del rocker King Krule Video

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS