Il racconto della domenica

La pulce e il gatto nero

La  pulce e il gatto nero
Ricevi gratis le news
0

Una pulce viveva tra il pelo di un gatto nero. Il gatto ronfava sul cuscino e la pulce... pic... lo pizzicava sulla zampa. «Uhm - diceva il gatto - se ti prendo!». La pulce faceva cu cu e se ne andava a zonzo tra i peli del gatto. Era un gatto grasso; mangiava regolarmente ogni giorno e si lavava con scrupolo. Frugava tra il pelo e coi denti aguzzi «crac» ammazzava ogni giorno qualche pulce. Povere pulci! Ma quella mai. Era una pulce enorme, così svelta e furba che il gatto non riusciva a prenderla. «Perché vuoi prendermi?» diceva la pulce. «Perché mi disturbi». «Per così poche pizzicate?». «Poche? Mi pizzichi tutto il giorno». «Non esagerare; mi accontento di due pasti al dì». La pulce faceva l’altalena tra due peli del gatto e si divertiva un mondo. Era un gatto simpatico; non s’interessava mai dei fatti altrui e la portava in giro sui tetti almeno tre volte al giorno. Allora la pulce usciva fuori dal pelo per godersi un poco d’aria fresca. Il gatto diceva: «Che bel sole oggi!». «Davvero - rispondeva la pulce – non viene voglia di tornare in casa». «Vedi - le diceva il gatto -, se tu fossi sempre così buona, si potrebbe anche andare d’accordo». «Che cosa pretendi - rispondeva essa - da una povera pulce come me! Dovrei morire di fame?». «E…pic… una pizzicata». «Sei anche dispettosa - diceva il gatto - proprio quando si conversa un poco… Insomma, se ti prendo!». «Cu cu» faceva la pulce; e se ne andava a zonzo tra il pelo del gatto nero. Una sera il gatto stava sognando un topolino rosso; era già lì per prenderlo e mangiarlo, quando la pulce lo svegliò. Il gatto s’arrabbiò e prese a cercarla disperatamente.
Aveva la coda gonfia e il pelo irto. Faceva fu fu e a vederlo era proprio un gatto nero da far paura. La pulce questa volta se la vide brutta; salta di qua, salta di là i denti bianchi del gatto erano sempre lì dietro. Essa fece un balzo, infilò un’orecchia del gatto e lì si rannicchiò, in fondo in fondo. «Dove ti sei cacciata» disse il gatto. «Cu cu - fece la pulce -, che salto mortale!». «Dove sei?» continuò il gatto. La pulce, furba, non fiatò. Lasciò che il gatto s’addormentasse e poi, pian piano, tornò tra il pelo morbido, al calduccio. Un giorno il gatto fu invitato dalla gatta bianca. S’era lisciato il pelo e s’era pulito per bene le zampe. Miagolava sui tetti come un matto. La gatta bianca l’udì e gli disse: «Son qui son qui». Viveva in un bel solaio grande; aveva preparato per pranzo due ossa tenere, un pezzo di formaggio e tre pesci grassi. Il gatto nero aveva molta fame, ma per educazione mangiò poco. «Mangia - gli diceva la gatta bianca -, non fare complimenti». Il gatto nero rispondeva: «Non ho appetito, grazie». Voleva comportarsi proprio bene, il gatto nero. Ma ecco che: «Miao miao marmagnaoooo!!». La coda gli si gonfiò e il pelo gli si fece irto. Che tremenda pizzicata, quella pulce! La gatta bianca lo guardò inorridita. Gli disse: «Vattene pure, mio caro, visto che non conosci le buone creanze». «Ha gli occhi rossi, quella gatta; non fa per te». Ma il gatto miagolava. «E’ schizzinosa, la gatta bianca, credi a me, gli diceva la pulce, per due miagolate ti ha messo alla porta». «Che figura!» pensava il gatto nero. Cercò la pulce, ma non la trovò. S’era accucciata nel bel mezzo della schiena, là dove il gatto non poteva arrivare. Una notte d’inverno il gatto nero uscì di casa; c’era la neve alta, c’era un freddo pungente. «Dai retta a me - gli disse la pulce - torna a casa. C’è l’aria che arriva fin qui dove sono io». Ma il gatto non le rispose: «La notte è buia, non ci sono nemmeno le stelle; fra poco riprende a nevicare. Torna a casa, originale che sei».
La pulce uscì dal pelo per vedere da vicino la neve bianca; ma vide invece un uomo che si avvicinava con un sacco. Vide una manaccia toccar quasi la testa del gatto; la pulce non ci pensò: con un salto fu sulla mano e la pizzicò con un tale forza che l’uomo disse: «Ahi… che puntura!». Il gatto nero capì e quatto quatto se ne andò. «Dove vai - disse la pulce ch’era caduta sulla neve bianca -, dove vai?». Il gatto nero allora si fermò; allungò la coda e la pulce con un salto tornò tra il pelo del suo gatto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

PIENA

Enza in piena: evacuazioni in corso a Casaltone e Lentigione Foto

emergenza

La Parma esonda a Colorno: acqua nel cortile della Reggia. Evacuata la piazza Video

La sindaca: "State lontani dagli argini"

emergenza

Lentigione finisce sott'acqua: evacuazioni in corso Foto

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

IL CASO

Collecchio dichiara guerra al gioco d'azzardo

LUTTO

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

SEMBRA IERI

Una "pennellata" di teatro con Maurizio Schiaretti (1993)

Incidenti

Corcagnano e via Spezia: due pedoni investiti, sono in gravi condizioni Video

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

UNIVERSITA'

Smart Production Lab 4.0 al servizio del futuro

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

VAPRIO D'ADDA

Sparò e uccise il ladro: "Legittima difesa". Caso archiviato

COREA DEL NORD

Pyongyang prepara la guerra batteriologica?

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS