17°

Il racconto della domenica

Tana, fuori tutti!

Tana, fuori tutti!

Rubrica: il Racconto della Domenica

0

La bambina e i suoi compagni erano attratti da quel grande magazzino che conteneva materiale da costruzione e sorgeva proprio dietro la casa cantoniera. Si ritrovavano spesso lì per giocare «a tana».
Il gioco più antico del mondo: povero, ma ricco di una fantasia maliziosa.
A trovare il posto giusto ci voleva astuzia per chi si doveva nascondere a quegli occhi chiusi contro il muro, e poi toccava a lui usare l'ingegno nella ricerca.
Dopo c'era la prova finale, lo scatto veloce per arrivare primi a quel muro. Si doveva fare tana. Fuori tutti!
La tana era la colonna che reggeva il cancello del magazzino. Nel grande cortile c'era una palazzina padronale adibita a ufficio. Tutt'intorno grossi tubi di cemento, vasi da giardino dove neanche la testa di un bambino si poteva vedere emergere. 
Grandi mucchi di sabbia. La bambina giocava con quella polvere grigia impastando tortini, ma il suo pollice destro, quello che usava per la ninna nanna e aveva la pelle lisa dal tanto succhiare, s'infettò. In casa Bianca e la nonna approfittarono di questo incidente: «Non metterlo più in bocca, il dito si è avvelenato!». E lei piangeva, piangeva.
Dopo qualche giorno di silenzio forzato, Paride disse alla bambina coccolandola: «Rimettiti in bocca il tuo ditone! Dormi, sta' tranquilla!». Poi si giustificò: «Smetterà, smetterà...».
Amleto gestiva il magazzino: era un uomo sui cinquant'anni, con il berretto sempre calato sugli occhi. Era buono, faceva finta di niente quando i bambini invadevano il cortile per cercare di nascondersi.
Il padrone, il vecchio Manilio, era più severo, anche per ragioni di sicurezza.
Ma al magazzino ci andava poche volte durante la settimana, e portava sempre con sé la nipotina Giovanna che si aggregava ai bambini, anche se in casa di giochi costosi ne aveva parecchi. La bambina le invidiava quelle bellissime bambole di porcellana con lunghi capelli veri che si potevano pettinare. Giovanna era poliomielitica. Un parolone.
Per loro era la bambina che non poteva correre, portava un alto stivaletto di pelle, ma zoppicava.
Un giorno regalò alla bambina del casello un bambolotto che apriva e chiudeva gli occhi, e scuotendolo diceva «mamma».
Giovanna aveva fatto felice la sua amichetta che giocava soltanto con bambole di pezza. Ora, insieme, si sarebbero nascoste per la tana.
Una volta la bambina sentì la nonna e la zia che parlottavano davanti alla finestra.
La nonna diceva: «Vedrai che oggi il cancello di Manilio rimarrà chiuso, sta arrivando la ruffiana...». Incuriosita la bambina guardò quella donna che stava entrando nel magazzino.
Alta, magra, dimessa, il viso arcigno. L'aveva notata altre volte: come diceva la nonna, a una certa ora del pomeriggio accompagnava una grassona flaccida, con un vestito dalla grande scollatura.
Manilio chiudeva tutto, anche le finestre della palazzina. E per quel giorno non si giocava «a tana».
Così, assieme ai compagni, diventò un'abitudine osservare quei segnali e quei passaparola, e poi gridare: «Oggi andremo a giocare nei fossi di Mingori, è arrivata la ruffiana!». La bambina capì con gli anni che cosa avevano significato quelle visite per il vecchio Manilio, che non voleva cedere all'età il desiderio di una triste virilità rimasta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105, è morto Leone Di Lernia - VIDEO

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia