-4°

Il racconto della domenica

Le coccinelle e lo scoiattolo

il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

Ricevi gratis le news
0
 

Il paese era adagiato, muto, in una campagna desolata, dove neppure una pianta muoveva allegra i verdi rami al vento amico. Era abitato da alcune famiglie di persone molto vecchie che si nutrivano di funghi, di erbe varie gustose e di alcune galline. L’unica nota di allegria era dovuta a una numerosa famiglia di coccinelle che viveva, insieme con un bellissimo scoiattolo, in una cantina abbandonata. Quel giorno un sole rovente arrivava con i suoi raggi, nell’angolo più buio della cantina. «Possibile - disse nervoso lo Scoiattolo -, che nessuno abbia mai pensato di mettere a dimora alcune piante?». Muoveva la sua folta coda, piegata in su con estrema eleganza. Era simpatico, il più simpatico dei roditori e le Coccinelle gli volevano bene. Era il loro saggio compagno, ogni parola sua veniva accettata con rispetto. Una comunità perfetta. Disse lo Scoiattolo: «Chi ci proibisce di abbandonare questo luogo così squallido? La “Cocciscoi” (coccinelle più scoiattolo) è in grado di andarsene e cercare un luogo un poco più ospitale». Si alzò un urlo di gioia: le coccinelle erano d’accordo e felici. «Però, continuò lo Scoiattolo, come occorre partire? Voi siete tante, dovete volare tutte unite, formare un perfetto cerchio, un piccolo sole vagante. Io sarò sotto di voi e vi guiderò». «Benissimo» risposero le Coccinelle. Così fu. Si vide nel cielo un disco compatto e uno Scoiattolo sotto che correva. Uno spettacolo insolito. Infatti qualcuno disse: «Una piccola parte del sole è venuta a trovarci: guardate quel disco rosso che vola. Cose strane accadono oggigiorno».

Dopo ore di volo e di corsa la «Comunità Cocciscoi» vide un paesino bianco, proprio tutto bianco, le case basse e ben tenute, i bimbi che giocavano in una piazzetta dove s’alzavano bellissimi alberi. I negozi erano aperti, i bar ospitavano molte persone che gustavano dolci e bevande. Appena fuori paese si alzavano villette bianche con ampie terrazze e fioriti giardini. In una terrazza era seduta su una carrozzella una bimba dai capelli ricci e neri, gli occhi erano di un intenso azzurro, due piccoli laghi su cui s’adagiava un velo di tristezza. «Andiamo a salutare la bimba, è sola e non pare allegra» disse lo Scoiattolo. Il «Piccolo sole vagante» rispose con una nota di allegria. S’abbassò, la vide, come vide lo Scoiattolo che muoveva, per divertirla, la sua coda folta e piegata in su: una coda fantastica. La bimba sfoderò un sorriso bellissimo, il viso s’illuminò, le mani si alzarono. Disse: «Venite, venite, mi chiamo Erica: non posso muovermi». Le sue gambe uscivano dalla carrozzella: una posizione strana. Pareva volessero andare, andare. Evidentemente, pensò lo Scoiattolo, la bimba è paralizzata. Con segni particolari lo annunciò alle Coccinelle, le quali iniziarono a cantare una dolce canzone. «Ciao piccolina, Erica cara sei una bellissima bambina, noi vogliamo divertirti con canti e con storielle corte e belle». La bimba sorrise e allungò le braccia, battendo le mani. Chiese lo Scoiattolo: «Quando è successo che le tue gambe hanno deciso di non muoversi più?». «Quando il mio papà è partito improvvisamente per il Paradiso e la mamma mi ha detto che forse non tornava». Le Coccinelle presero a cantare una tenerissima nenia: la bimba sorrideva. Questo fatto, pensò lo Scoiattolo, è un fatto di… di… psiche, che non conosco, che non ho mai incontrato in vita mia… ma so che esiste la psiche. Si avvicinò a Erica e disse alle Coccinelle: «Cantate, per favore, inventate eventi bellissimi». Le Coccinelle cantavano con allegria e la bimba si divertiva. Lo Scoiattolo le si avvicinò e le disse: «Vorrei giocare con la mia coda: allunga le gambe, piccola». La bimba ubbidì e lo Scoiattolo mosse la sua coda sulle gambette: massaggiava come un perfetto fisioterapista. Erica ascoltava le canzoni del “Piccolo sole vagante” e si divertiva e anche lei cantava. A un tratto disse: «Scoiattolo, sai che mi viene voglia di ballare? Ma temo di cadere». «Non temere. Ci sono io accanto a te: suvvia, balla». La bimba scese dalla carrozzella e prese a ballare. La mamma la vide e pianse per la gioia e la chiamava «Erica, Erica, mia dolce bambina!». Poi si rivolse alla comunità: «Siete stati voi: il “Piccolo sole vagante” e il meraviglioso Scoiattolo. Vivrete con noi, farete parte della famiglia». La festa non finiva più. Una profonda gioia aleggiava intorno. La bimba prese a camminare. Il «Cocciscoi» divenne in paese un amico carissimo: il simbolo di una felice bontà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sant'Ilario: allegria al Be Movie

FESTE PGN

Sant'Ilario: allegria al Be Movie Foto

Emma Chambers

Emma Chambers

Gran Bretagna

Morta Emma Chambers, sorella di Hugh Grant in "Notting Hill"

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

social

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Rischio gelo: scuole chiuse a Bardi, Bore, Varsi, Varano Melegari e Berceto

APPENNINO

Rischio gelo: scuole chiuse a Bardi, Bore, Varsi, Varano Melegari e Berceto

MALTEMPO

Ancora neve: rischio gelate in Appennino, stasera stop ai mezzi pesanti in A1 e via Emilia

Disagi limitati in autostrada

GAZZAREPORTER

Le foto di una lettrice: "Piazzale San Lorenzo, rifiuti abbandonati nonostante l'ecostation"

MONTICELLI

Si sentono male alla festa: 45 persone finiscono in ospedale a Parma

SALSO-BUSSETO

La neve non ferma la Sojasun Verdi Marathon: vincono Tariq Bamaarouf ed Elenora Gardelli Foto

WEEKEND

Tra sci, escursioni e tavole golose: l'agenda della domenica

Via Picasso

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

1commento

Attore

Addio a Poletti, recitò con Fellini

In treno

Violinista dimentica la valigia, «miracolo» della Polfer

CALCIO

Salernitana-Parma, non ci saranno Siligardi, Munari e Di Gaudio: parla D'Aversa Video

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

2commenti

GAZZAREPORTER

Domenica, ore 7: "Sta nevicando abbondantemente a Panocchia" Foto

VIADANA

Sequestrato un furgone carico di agnelli maltrattati

1commento

PARMA 2020

Capitale della cultura: svelati tutti i progetti

Ex Eridania

Rubata di nuovo la bacchetta di Toscanini

1commento

Traversetolo

I profughi spalano la neve: tregua tra Comune e Betania

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il misterioso filo che lega le vite di tutti noi

di Michele Brambilla

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Pilone crolla sul ponte: bloccato l'accesso stradale a Venezia Foto Video

BRESCIA

Incendio in discoteca a Desenzano: 17 intossicati

SPORT

OLIMPIADI INVERNALI

Cerimonia di chiusura: Arianna Fontana portata in trionfo Foto

RUGBY

Zebre sconfitte in casa 10-7 dal Cardiff Blues

SOCIETA'

LA PEPPA

Frittata di spaghetti, la ricetta del cuore

il disco

1973: Edoardo Bennato spicca il volo

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day