Il racconto della domenica

Vetrate e grandi luci per il ballo

il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

Ricevi gratis le news
0
 

Cinema, teatro e balere erano un divertimento assicurato per una cittadina ricca di storia antica. Aveva fatto parte di un ducato e prima ancora era stato il territorio di una famiglia principesca. Gli abitanti ne andavano fieri e non c'era occasione in cui non lo facessero notare. Erano orgogliosi della loro piazza e di tutto ciò che rendeva piacevole l'insieme di questo nucleo.

Il palazzo che era stato dei principi era sempre aperto per chi lo volesse visitare. Il salone d'entrata era l'unico ambiente adibito a feste e a qualche ricevimento importante. Soprattutto era adibito a sala da ballo, poiché non esisteva in paese altro luogo per questo divertimento.

Giovani e anziani volteggiavano per intere serate in quella bellissima sala di specchi. Un bel giorno il palazzo venne venduto, anche se rimaneva monumento nazionale. Così, niente più balli, niente più incontri che avevano avuto un lieto fine.

Si pensò di costruire un luogo solo per il ballo. Si contattò un bravo architetto e con un buon progetto si iniziò a lavorare. Dopo qualche mese l'edificio fu completato. Vetrate e grandi luci l'abbellirono. Era ciò che di più moderno si potesse vedere.

L'inaugurazione fu una festa magnifica e il nome che fu dato davvero appropriato: la Spirale. Proprio per il movimento di architettura a cui assomigliava. Un luogo elegante e il proprietario lo aveva arredato in modo davvero chic.

Orchestre famose e cantanti noti richiamavano gente anche dai paesi vicini. Il locale aveva un'impronta signorile. Quindi l'accesso era ad invito e soltanto per gente di un certo ceto sociale. Le serate solo con l'abito da sera, si beveva champagne. Non era il luogo per gli abitanti del paese che erano di origini modeste. Non era possibile che esistesse una discriminazione per un divertimento.

Il malcontento era evidente, ma dopo una riunione degli insoddisfatti si chiese al Comune una vecchia costruzione proprio in fondo al paese, che non aveva mai avuto alcuna funzione. In poco tempo alcuni volontari si offrirono per un piccolo restauro.

Alla Spirale c'era il lusso, c'era un'etichetta da rispettare, anche se il tutto sembrava persino forzato. Nel rinnovato edificio, invece, si incontrava la vita vera, ragazzi e ragazze che ogni domenica sapevano di non restare delusi: bastava un abitino grazioso, per gli uomini c'erano i primi jeans. Le consumazioni erano una gazzosa e una Coca-Cola.

Tornavano stanchi, ma erano stati felici e, soprattutto, erano stati se stessi. La chiamavano l'Incompiuta, quella costruzione senza fronzoli e con le rifiniture non ancora ultimate. Era la rivalsa, dopo l'arrabbiatura iniziale: una specie di ricompensa.

Dopo tanto lusso per chi aveva possibilità economiche, anche loro, gente di poche pretese, aveva avuto la propria sala da ballo. Incompiuta o Spirale? A voi la scelta!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Colorno, tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza"

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

1commento

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS