12°

23°

il ristorante

La «Stella d'Oro» brilla sempre di più

Il ristorante di Chichibio

Il ristorante di Chichibio

Ricevi gratis le news
0

 

E' da molti anni ai vertici della cucina parmigiana e ha tutta la voglia di restarci Marco Dallabona, cuoco proprietario della «Stella d’oro» di Soragna. Insieme a pochi altri suoi colleghi, prosegue nel lavoro di ricerca di prodotti e messa a punto di ricette, nel segno della riscoperta della tradizione resa però più leggera nella sostanza e vivacizzata nella forma. Cucina della Bassa, ma anche porcini e tartufo, foie gras, maiale di Cinta Senese e prodotti «poveri» come musetto, testina, piede di maiale e lingua in composizioni ardite (calamari e piedino, per esempio), ricette classiche un po' desuete (Rosa di Parma, Savarin di riso) e i classici tortelli, gli anolini, il bollito. Questo è il catalogo con in più qualche piatto di pesce, tutti vogliamo star leggeri, e, specifica il cuoco, «senza aglio» -e chissà mai cosa avrà fatto di male questo bulbo delle Liliacee, ricco di proprietà terapeutiche e perfetto nel bilanciare i piatti. Arredi curati senza eccessi, atmosfera accogliente e calda, servizio professionale e non ingessato, tutta la famiglia all’opera e lo chef che entra ed esce dalla cucina, cura i clienti che lo cercano, fa un po' di confusione, ma tant'è...
La cucina i piatti La lista dei piatti è ben articolata (sette proposte per settore, tre nel pesce), il menu di tradizione e territorio ha sei piatti per 50 euro; la domenica il carrello dei bolliti è a 25 euro (15 la mezza porzione). Sempre qualche proposta del giorno e aspettatevi assaggi extra. Si comincia col culatello di due anni e ci si potrebbe fermare qui, perché si trattava di un esemplare eccellente per fragranza, persistenza di sapore e suadente masticabilità; allo stesso livello il prosciutto di 24 mesi di nobile dolcezza ricca di sfumature. Ma, tra gli antipasti (20-24 euro), c'è anche una ghiotta e intensa insalata calda di musetto, nervetti, fagioli e julienne di porro o un equilibrato cannolo di lumache e porcini con erbe aromatiche. Le pappardelle con salamino fresco e fonduta di formaggi sono ormai un piatto bandiera e sono di disarmante bontà; bene anche i tortelli d’erbetta con una goccia di clorofilla a rinforzare il sapore vegetale; meno bene quelli di zucca, dal ripieno spento (sono alla parmigiana, senza amaretti né mostarda) conditi coi propri semi, menta e pepe rosa. Resta, e non ultimo, il savarin al riso: in omaggio ai Cantarelli, con l’indispensabile lingua salmistrata, le polpettine, i funghi porcini secchi. Altri primi (15 euro): anolini, risotto al lambrusco. Ai secondi (20 euro), coniglio in porchetta con carciofi e squacquerone; testina di vitello, lingua salmistrata, pieno dorato, ortaggi crudi e rafano; maialino di Cinta glassato con timo e cicoria; calamari alla plancia con piede di maiale e broccoli su passata di borlotti. Piatti ricchi di sapore, equilibrio, tecnica e tocchi di fantasia.
Per finire Il fondente di cioccolato, omaggio a Georges Cogny; il cacio bavarese della Bassa; lo zabaione al moscato rosa, la zuppa inglese con zabaione caldo (11 euro). Una cantina ricchissima e una selezione di champagne e spumanti senza fine. Il conto sui 70 euro (4 piatti, bevande escluse). Coperto 4 euro, menu esposto, ingresso con gradino, bagni comodi. Non mancate Culatello, savarin.

E' da molti anni ai vertici della cucina parmigiana e ha tutta la voglia di restarci Marco Dallabona, cuoco proprietario della «Stella d’oro» di Soragna. Insieme a pochi altri suoi colleghi, prosegue nel lavoro di ricerca di prodotti e messa a punto di ricette, nel segno della riscoperta della tradizione resa però più leggera nella sostanza e vivacizzata nella forma.
Cucina della Bassa, ma anche porcini e tartufo, foie gras, maiale di Cinta Senese e prodotti «poveri» come musetto, testina, piede di maiale e lingua in composizioni ardite (calamari e piedino, per esempio), ricette classiche un po' desuete (Rosa di Parma, Savarin di riso) e i classici tortelli, gli anolini, il bollito. Questo è il catalogo con in più qualche piatto di pesce, tutti vogliamo star leggeri, e, specifica il cuoco, «senza aglio» -e chissà mai cosa avrà fatto di male questo bulbo delle Liliacee, ricco di proprietà terapeutiche e perfetto nel bilanciare i piatti. Arredi curati senza eccessi, atmosfera accogliente e calda, servizio professionale e non ingessato, tutta la famiglia all’opera e lo chef che entra ed esce dalla cucina, cura i clienti che lo cercano, fa un po' di confusione, ma tant'è...
La cucina i piatti La lista dei piatti è ben articolata (sette proposte per settore, tre nel pesce), il menu di tradizione e territorio ha sei piatti per 50 euro; la domenica il carrello dei bolliti è a 25 euro (15 la mezza porzione). Sempre qualche proposta del giorno e aspettatevi assaggi extra. Si comincia col culatello di due anni e ci si potrebbe fermare qui, perché si trattava di un esemplare eccellente per fragranza, persistenza di sapore e suadente masticabilità; allo stesso livello il prosciutto di 24 mesi di nobile dolcezza ricca di sfumature. Ma, tra gli antipasti (20-24 euro), c'è anche una ghiotta e intensa insalata calda di musetto, nervetti, fagioli e julienne di porro o un equilibrato cannolo di lumache e porcini con erbe aromatiche. Le pappardelle con salamino fresco e fonduta di formaggi sono ormai un piatto bandiera e sono di disarmante bontà; bene anche i tortelli d’erbetta con una goccia di clorofilla a rinforzare il sapore vegetale; meno bene quelli di zucca, dal ripieno spento (sono alla parmigiana, senza amaretti né mostarda) conditi coi propri semi, menta e pepe rosa. Resta, e non ultimo, il savarin al riso: in omaggio ai Cantarelli, con l’indispensabile lingua salmistrata, le polpettine, i funghi porcini secchi.
Altri primi (15 euro): anolini, risotto al lambrusco. Ai secondi (20 euro), coniglio in porchetta con carciofi e squacquerone; testina di vitello, lingua salmistrata, pieno dorato, ortaggi crudi e rafano; maialino di Cinta glassato con timo e cicoria; calamari alla plancia con piede di maiale e broccoli su passata di borlotti.
Piatti ricchi di sapore, equilibrio, tecnica e tocchi di fantasia.Per finire Il fondente di cioccolato, omaggio a Georges Cogny; il cacio bavarese della Bassa; lo zabaione al moscato rosa, la zuppa inglese con zabaione caldo (11 euro). Una cantina ricchissima e una selezione di champagne e spumanti senza fine. Il conto sui 70 euro (4 piatti, bevande escluse).
Coperto 4 euro, menu esposto, ingresso con gradino, bagni comodi.
Non mancate Culatello, savarin.





 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Artaj", osteria moderna all'insegna della tradizione

IL RISTORANTE

"Artaj", osteria moderna all'insegna della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Terzo stop di fila, Parma ko anche con l'Empoli

TARDINI

Terzo stop di fila, Parma ko anche con l'Empoli

Nocciolini si fa parare un rigore. La "rivoluzione" di D'Aversa non basta

3commenti

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

39commenti

san leonardo

Nel casolare scoperte 5 persone (2 bimbi) e condizioni disumane

8commenti

anteprima gazzetta

Tante truffe, quando i tecnici veri suonano e si trovano una pistola finta

1commento

tg parma

Furgone come ariete: spaccata alla Moto Ducati di Pilastrello

2commenti

tamponamento

Incidente in Tangenziale Nord (via Venezia): in due al Ps Foto

nella notte

Incidente, schianto contro un traliccio in via Langhirano

elettricità

Il guasto è nel campo coltivato: black-out nella zona di Gaione

incidente

86enne in bici urtato da uno scooter in via Baganza: è grave

1commento

annuncio

Parma si candida a capitale italiana della cultura 2020

8commenti

Economia

Banca di Parma entra in Emil Banca

inchiesta

Milioni nascosti al fisco, Zamparini: "Nessuna attività illecita"

Ritratto

Wally Bonvicini, l'imprenditrice che voleva fare il sindaco

Paladina dei diritti dei cittadini nella lotta contro la banche ed Equitalia, ma anche candidata alla poltrona di primo cittadino

11commenti

viabilità

Grosso ramo caduto in strada: chiusa per un'ora via Gramsci

2commenti

Ponte chiuso

La sindaca di Colorno: «Un ponte di barche per le auto»

5commenti

serie b

Parma-Empoli: dalle 17.30 «isola analcolica» e stop alle lattine

Dalle 20.30 la cronaca in diretta sul sito

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

MESSICO

Terremoto devastante di 7.1. Molti morti. Le prime immagini Video

ONU

Trump: "Se la Corea del Nord attacca la distruggiamo"

SPORT

calcio

Cori sulla sua virilità a Lukaku, tifosi dello United accusati di razzismo

MotoGp

Vale torna in pista a Misano. Il padre: "Ottimista per Aragon"

SOCIETA'

Inghilterra

In due aggrediscono autista: ma lui è esperto di arti marziali Video

USA

Toys R' Us getta la spugna: chiesta la bancarotta

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...