19°

30°

REGGIO EMILIA

I funerali di Gallinari: quattro indagati ma la Procura chiede l'archiviazione

L'indagine è stata aperta per istigazione a delinquere in concorso

Il funerale di Prospero Gallinari

Il funerale di Prospero Gallinari

Ricevi gratis le news
2

 

Quattro persone sono finite indagate per istigazione a delinquere in concorso per il funerale, a Reggio Emilia, di Prospero Gallinari, ex brigatista condannato per il sequestro e l’omicidio di Aldo Moro. Ma per loro la Procura ha già chiesto l’archiviazione.
Si tratta degli ex br Loris Tonino Paroli e Salvatore Ricciardi, di un giovane 'No tav' Davide Mattioli, e di Sante Notarnicola, ex della banda Cavallero.
Del fatto che sono finiti sotto indagine scrivono alcuni quotidiani locali, riportando che è stata chiesta una proroga delle indagini dal pm Antonello Gustapane, della Procura di Bologna, cui è affidato il fascicolo. Ma a quanto apprende l'ANSA, la richiesta di proroga è stata solo un fatto tecnico, e per il fascicolo c'è già una richiesta di archiviazione. A gennaio le modalità delle esequie, cui parteciparono molti ex brigatisti, suscitarono molte polemiche. (SEGUE).
   BNT-Funerale Gallinari: 4 indagati, ma chiesta archiviazione (2)
REGGIO EMILIA, 29 NOV – Gallinari, 62 anni, fu trovato morto nella sua automobile dopo un infarto. I funerali si svolsero a Coviolo, frazione di Reggio Emilia, il 19 gennaio. Le polemiche nacquero non solo perchè alla cerimonia erano presenti molti dei reduci Br – tra loro anche Renato Curcio - che salutarono l’ex compagno scomparso con pugni alzati, drappi rossi e cori di Internazionale, ma anche perchè nelle orazioni pronunciate in molti lessero una sorta di apologia al terrorismo.
Indignazione fu poi espressa in una lettera aperta firmata dall’ex sindaco Graziano Delrio e dalla presidente della Provincia, Sonia Masini. "L'unica canzone che Scalzone, Curcio e soci avrebbero dovuto cantare – scrissero - avrebbe dovuto essere 'Perdonò. Hanno scientemente dato vita invece, e questo è quel che deve preoccupare tutta Italia, ad un pericoloso quanto sciagurato tentativo di passaggio di testimone politico, dai vecchi brigatisti ai giovani no Tav e dei centri sociali. Hanno inneggiato ad ideologie di rivolta sociale e violenza che sono state dannose in passato per la democrazia, la classe operaia, per una intera generazione che si era avvicinata alla politica".
A dare il via all’inchiesta è stata una relazione della Digos reggiana, girata dalla procura di Reggio Emilia a quella distrettuale bolognese per la competenza su ipotetici reati legati al terrorismo.
Quattro persone sono indagate per istigazione a delinquere in concorso per il funerale, a Reggio Emilia, di Prospero Gallinari, ex brigatista condannato per il sequestro e l’omicidio di Aldo Moro. Ma per loro la Procura di Reggio  ha già chiesto l’archiviazione.
Si tratta degli ex br Loris Tonino Paroli e Salvatore Ricciardi, di un giovane 'No tav' Davide Mattioli, e di Sante Notarnicola, ex della banda Cavallero.
Del fatto che sono finiti sotto indagine scrivono alcuni quotidiani locali, riportando che è stata chiesta una proroga delle indagini dal pm Antonello Gustapane, della Procura di Bologna, cui è affidato il fascicolo. Ma a quanto apprende l'agenzia Ansa, la richiesta di proroga è stata solo un fatto tecnico, e per il fascicolo c'è già una richiesta di archiviazione. A gennaio le modalità delle esequie, cui parteciparono molti ex brigatisti, suscitarono molte polemiche.

Gallinari, 62 anni, fu trovato morto nella sua automobile dopo un infarto. I funerali si svolsero a Coviolo, frazione di Reggio Emilia, il 19 gennaio. Le polemiche nacquero non solo perché alla cerimonia erano presenti molti dei reduci Br – tra loro anche Renato Curcio - che salutarono l’ex compagno scomparso con pugni alzati, drappi rossi e cori di Internazionale, ma anche perché nelle orazioni pronunciate in molti lessero una sorta di apologia al terrorismo.

Indignazione fu poi espressa in una lettera aperta firmata dall’ex sindaco Graziano Delrio e dalla presidente della Provincia, Sonia Masini. "L'unica canzone che Scalzone, Curcio e soci avrebbero dovuto cantare – scrissero - avrebbe dovuto essere "Perdono". Hanno scientemente dato vita invece, e questo è quel che deve preoccupare tutta Italia, ad un pericoloso quanto sciagurato tentativo di passaggio di testimone politico, dai vecchi brigatisti ai giovani no Tav e dei centri sociali. Hanno inneggiato ad ideologie di rivolta sociale e violenza che sono state dannose in passato per la democrazia, la classe operaia, per una intera generazione che si era avvicinata alla politica".
A dare il via all’inchiesta è stata una relazione della Digos reggiana, girata dalla procura di Reggio Emilia a quella distrettuale bolognese per la competenza su ipotetici reati legati al terrorismo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giligan

    30 Novembre @ 06.47

    ma il Presidente della Repubblica cosa aspetta a dar loro un riconoscimento ufficiale?

    Rispondi

  • Giorgio

    29 Novembre @ 14.25

    Riportiamoli agli onori della cronaca,questi benemeriti!!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

America si infuria con Phelps, gara squalo 'truffa'

il caso

L'America s'infuria con Phelps: la gara con lo squalo è una "truffa" Video

Una corona per Miss Parma: chi sarà la più bella del reame?

concorso

Una corona per Miss Parma: chi sarà la più bella del reame?

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

documentario

William e Harry: "Quell'ultima telefonata con mamma Diana" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Lascia la figlia addormentata in auto sotto il sole: denunciato

parma

Lascia la figlia addormentata in auto sotto il sole: denunciato

Il padre accusato di abbandono di minore

DELITTO DI VIA SIDOLI

«Elisa voleva andare a un concerto, io ho perso la testa»

Nuove rivelazioni dell'ex fidanzato

3commenti

anteprima gazzetta

Pusher, la città adesso chiede risposte

3commenti

MERCATO

Dezi e Insigne jr, doppio colpo del Parma

1commento

tg parma

Rapina un'anziana sul treno durante la sosta a Parma: arrestato Video

Aveva anche molestato altri viaggiatori e spaventato tutti azionando il freno d'emergenza

3commenti

langhirano

Un "dolce" Festival del Prosciutto: arriva Ernst Knam Foto

L'INCHIESTA

Viale Vittoria, è sempre emergenza spaccio

46commenti

Fraore

Black-out programmato. Ma nessuno lo sapeva

1commento

SALA

E' morta la Milla, regina della torta fritta

fontevivo

Schianto tra furgone e bicicletta: un ferito

UN MACEDONE

Ricercato per condanna a Parma, arrestato al confine a Trieste

INTERVISTA

Bonatti, utili triplicati e maxi-commessa in Egitto

Intervista al presidente Paolo Ghirelli: il 90% dei ricavi (saliti a 800 milioni) all'estero. E il portafoglioordini sale a 1,4 miliardi di euro

tortiano

Vede scappare i ladri sull'auto della cliente. Ora il lieto fine

Incredibile

Straordinaria scoperta nel Po: trovata la mandibola di un leone

8commenti

Traversetolo

Escluso dai servizi scolastici chi non paga

2commenti

RUGBY

Ufficiale: le Zebre tornano «federali»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

2commenti

AMARCORD/1

Quando c'era "Un disco per l'estate" Video

di Vanni Buttasi

ITALIA/MONDO

LONDRA

I genitori di Charlie si arrendono, "Vai con gli angeli" Video

torino

Assalti ai bancomat, presi i banditi mascherati da Trump Video

1commento

SPORT

Calciomercato

Cassano: "Mia moglie ha sbagliato, mi ritiro"

PARMA CALCIO

Open Day femminile il 2 agosto

SOCIETA'

FRANCIA

Il leader degli U2 Bono ricevuto da Macron Video

il caso

Bibbia in ebraico, Verde respinge le accuse di Klaus Davi

MOTORI

BMW

Serie 2 Coupé e Cabrio, debutta il restyling

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori