20°

34°

Politica

Letta rinuncia al decreto "Salva Roma"

La decisione dopo un colloquio con il presidente Napolitano

Letta rinuncia al decreto "Salva Roma"
Ricevi gratis le news
2

Tutto da rifare. Enrico Letta, dopo un colloquio risolutivo con Giorgio Napolitano, e dopo le violente polemiche delle ultime ore a livello parlamentare e non, rinuncia alla conversione del cosiddetto decreto Salva Roma. È stato il ministro per i Rapporti con il Parlamento Dario Franceschini ad informare ieri sera i presidenti delle Camere spiegando che alcune norme, non indifferibili, di questo provvedimento saranno inserite nel decreto "Milleproroghe" all’esame del Consiglio dei ministri venerdì prossimo. Tra queste, le misure in base alle quali il Comune di Roma ha approvato il proprio bilancio. Nel Milleproroghe anche la correzione, già annunciata in Parlamento, della norma relativa agli affitti di immobili da parte della Pubblica amministrazione. 

La decisione del presidente del Consiglio è dunque maturata dopo aver sentito il Capo dello Stato che, si apprende da fonti di Palazzo Chigi, ha mosso rilievi sulla insostenibilità della legge di conversione del decreto a seguito dell’appesantimento emendativo che di fatto aveva trasformato il provvedimento firmato dal presidente della Repubblica. Questi rilievi sono da mettere in relazione alla eterogeneità ed estraneità ai contenuti originari delle numerose disposizioni inserite dalle Camere in sede di conversione, spiegano poi fonti del Quirinale. 

Il decreto Salva Roma aveva incassato la fiducia alla Camera con 340 sì e 155 no, tra cui quello di Gianluca Bonanno (Lega) che ha votato contro il provvedimento con una molletta per panni sul naso ("Questo decreto puzza"). Il voto definitivo sul testo era slittato al 27 dicembre. E ciò anche a causa della violenta opposizione del movimento M5S, che aveva annunciato battaglia totale fino a quando non avrebbe avuto la certezza che la norma sugli affitti d’oro intestati alla Pubblica Amministrazione, al centro delle polemiche nelle ultime 48 ore prima di Natale, non fosse stata definitivamente cancellata.

Comunque sia, la maggioranza, per evitare ulteriori fibrillazioni politiche (M5S e Lega avevano minacciato ostruzionismo anche oltre il 31 dicembre), aveva assicurato che la questione sarebbe stata affrontata sia nei 137 ordini del giorno che sarebbero stati esaminati il 27 dicembre, sia nel dl milleproroghe.

L'altra norma della discordia, quella che penalizza i Comuni che cercano di arginare il gioco d’azzardo, definita da Renzi "una porcata" e da Letta "un errore", invece, era già stata cassata. Restavano in piedi solo tre commi che disciplinavano per lo più il contenzioso tra Stato e concessionari di slot.
La norma sul gioco d’azzardo aveva innescato polemiche anche fuori dalle aule parlamentari: nel blog di Grillo viene messo all’indice il vicedirettore de "La Stampa" Massimo Gramellini, "responsabile" di non aver dato il giusto risalto all’azione del M5S contro l’emendamento a favore del gioco d’azzardo, dando importanza invece solo alla reazione di Renzi che ha invitato il Pd (che prima l’aveva approvata) a bocciare la misura pro-slot. 

Tra i temi affrontati nel Dl c'erano anche le norme che regolano il trasporto ferroviario in Campania, Sicilia e Valle d’Aosta; misure su Roma capitale e, tra l’altro, sulla gestione dei crediti di questa verso le società partecipate. Si stanziavano inoltre 25 milioni per Expo 2015 e si prevedevano misure a favore delle zone colpite da terremoti e alluvioni. Si obbligavano gli enti locali che hanno superato i limiti finanziari posti alla contrattazione integrativa a recuperare le somme indebitamente erogate al personale. E si stabiliva, tra l'altro, che beni aziendali confiscati alla mafia potessero essere trasferiti a comuni, province o regioni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marirhugo

    26 Dicembre @ 20.03

    caso mai "cos'era," visto che che il salvaroma non c'e'piu.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    25 Dicembre @ 20.09

    E VA BENE , MA ERA UNA VERGOGNA ! CI AVEVANO INFILATO DENTRO DI TUTTO , a beneficio di amici , parenti e benefattori ! Mi hanno detto che, a Roma , su una trentina di commissariati della Polizia di Stato , una decina ha uno sfratto esecutivo perchè la Prefettura non paga l' affitto da anni . Da anni non viene fatta neppure nessuna manutenzione . Locali freddi , intonaci scrostati e cadenti , gabinetti "alla turca" con sciacquoni rotti dentro i quali i poliziotti devono vuotare secchi d' acqua. E ci sono agenti "accasermati" che devono non solo lavorare , ma pure vivere lì dentro ! Intanto ci sono edifici di proprietà dello Stato inutilizzati , e che si vogliono vendere per far cassa , ma , soprattutto, ci sono alloggi di lusso , del Demanio o di Enti parastatali , in quartieri prestigiosi di Roma dati in affitto , con un canone simbolico, ad alti funzionari ministeriali che non ne avrebbero più titolo. Gente in pensione da anni , e, addirittura figli, vedove , parenti di quei funzionari . Nel decreto "Salva Roma" ci avevano pure infilato la proroga di queste locazioni ! E caspita ! E cos' è ? L' assalto alla diligenza ?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

calestano

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

Madonna festeggia il suo compleanno ballando la pizzica in Puglia

social network

Madonna balla la pizzica alla sua festa di compleanno in Puglia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Lealtrenotizie

«Non siamo riusciti a salvarlo»

Tragedia

«Non siamo riusciti a salvarlo»

DELITTO DI NATALE

Suicidio di Turco, si indaga per omicidio colposo

Solidarietà

L'«altro» Ferragosto

Traversetolo

Croce azzurra, volontari cercansi

VISITE

Collecchio, il Ferragosto si passa nei Parchi

SALSO

In nove giorni due visite dei ladri

Appello

«Parma aiuti la Sierra Leone»

Lutto

Addio a Giovanni Mori, il medico filosofo

BORGOTARO

Annegato dopo un tuffo: amici e operatori sotto shock per Diawara Video

Si cerca di contattare i parenti in Costa D'Avorio

Medesano

Cade dalla finestra e resta sospesa nel vuoto: paura per una donna a Ramiola

Sul posto il 118 e i vigili del fuoco

ANTEPRIMA GAZZETTA

Il suicidio di Samuele Turco: aperto un fascicolo per omicidio colposo Video

La Gazzetta di Parma di domani: le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

Lutto

Addio al medico Giovanni Mori

PARMENSE

Incendio vicino ai binari: disagi sulla ferrovia tra Parma e Fornovo Foto

Le foto dei nostri lettori

temperature

Torna l'allerta caldo: verso un giovedì e un venerdì a oltre 35°

chiesa

Parroci, si cambia. Dalla città alla montagna: le nomine del vescovo

Il saluto degli "storici" don Mora e don Fontana. Novità anche per Marano, Langhirano, Corniglio

1commento

Tg Parma

Ferragosto a Parma, qualche turista e città chiusa per ferie. San Paolo compreso Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

1commento

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

roma

Donna fatta a pezzi: trovati busto e testa in cassonetto. Il fratello confessa

giallo

Modella rapita e messa all'asta: un arresto in Gran Bretagna

SPORT

Tg Parma

Parma, Caputo vuole un club ambizioso. Evacuo e Giorgino ai saluti Video

Gossip Sportivo

Diletta Leotta, anche il compleanno è social

SOCIETA'

ZURIGO

"Ebrei fatevi la doccia": proteste per l'avviso in una piscina svizzera

montanara

«D(io)», la web series dell'ottimismo: un inno alla passione

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti