22°

Elezioni europee

Terremoto politico in Francia e Regno Unito

Terremoto politico in Francia e Regno Unito
Ricevi gratis le news
2


BRUXELLES, 25 MAG - Terremoto in Francia e nel Regno Unito, dove i governi sono pesantemente battuti dal Front National di Marine Le Pen e dall’Ukip di Nigel Farage, ma l'Unione europea non crolla. Nelle prime proiezioni del Parlamento europeo basate sui risultati disponibili, lo tsunami euroscettico è meno violento del previsto. Non solo per il risultato italiano, che sembra premiare il Pd molto al di là delle previsioni. Persino l’affluenza "inverte la tendenza" per la prima volta in dal 1979: era sempre calata, stavolta si attesta al 43,1% su base europea, appena lo 0,1% in più rispetto al 2009, ma è considerato un segnale positivo.
I sondaggi indicavano la possibilità che gli euroscettici arrivassero abbondantemente oltre il 25%, sarebbero invece sotto il 20%. E mentre a Bruxelles arrivano i primi dati reali dai 28 paesi dell’Unione, sembra confermato che i 'popolarì del Ppe, che hanno guidato l’Europa negli ultimi dieci anni, pur perdendo una sessantina di seggi restano la 'famiglia politicà di maggioranza relativa. E che i socialisti dello S&D, cresciuti in Germania e Italia, pagherebbero il crollo a Parigi.
Il risultato del Front National è però quello che sciocca. E' il primo ministro Valls a parlare di "terremoto". Marine Le Pen arriva a chiedere al presidente Hollande di sciogliere il Parlamento e indire nuove elezioni. L’inquilino dell’Eliseo risponde convocando per le 8.30 una riunione di crisi.
Da Londra arrivano reazioni più composte, ma è proprio il leader dell’Ukip a sottolineare che il suo è un risultato storico: "Non era mai successo che un 'outsider' vincesse un’elezione in Gran Bretagna". Ed il vero sconfitto, in questo caso, è proprio il premier David Cameron, che l’Unione europea vorrebbe rifondarla.
Mentre Le Pen e Farage festeggiano, cominciano però i preparativi per la "grosse koalition" tra socialisti e democristiani che dovrà guidare l’Europa nei prossimi cinque anni. E mentre tutti avvertono che i risultati sono ancora troppo provvisori per poter essere interpretati nel dettaglio, già parte la sfida tra Jean Claude Juncker e Martin Schulz per la presidenza della Commissione.
Ma intanto è evidente il sospiro di sollievo di chi temeva il peggio sul risultato euroscettico. Fanno male i risultati di Francia e Gran Bretagna, però sorprende che la tendenza non sia generalizzata. Il Pvv che in Olanda puntava al primato resta al terzo posto. In Austria il Fpo raddoppia i suoi seggi europei, ma in realtà l’area euroscettica cala complessivamente di un terzo. C'è "una larghissima maggioranza" europeista, sottolineano praticamente tutti i leader che si alternano sul palco tinto di 'azzurro Europà montato al centro dell’emiciclo di Bruxelles, dal francese Joseph Daul presidente del Ppe, al lib-dem Guy Verhofstadt e allo stesso Martin Schulz.
Jean Claude Juncker, pensando alla trattativa che comincerà da martedì, annuncia che "il Ppe è il primo partito e non si metterà in ginocchio" davanti ai socialisti per avere l'indispensabile appoggio alla sua candidatura. D’altro canto lo stesso Schulz afferma che cercherà una maggioranza che lo sosterrà, ma in realtà traspare l’idea di costruire una "grosse koalition" alla tedesca: con guida popolare, ma punti di programma concordati con i socialisti. Tanto che il socialdemocratico tedesco elenca, già dal palco dei primi commenti, le tre condizioni necessarie: lotta contro la disoccupazione giovanile, guerra all’evasione fiscale, più controlli sulle banche. "Siamo pronti a negoziare su queste basi", afferma il tedesco.
Il democristiano lussemburghese poi mette in guardia il Consiglio dalla tentazione di sfruttare lo stallo tra Ppe e S&D per rilanciare la proposta di un candidato dei leader diverso da quei cinque che hanno messo la faccia nella campagna elettorale. "Bisogna rispettare gli elettori", dice Juncker. Mentre Schulz sottolinea la vera novità di queste europee: "Per la prima volta c'è la possibilità che il presidente della Commissione europea non sia scelto con un accordo nel retrobottega". 

DA ALBA DORATA ALL'ALTERNATIVA PER LA GERMANIA, AVANZANO I MOVIMENTI ESTREMI
Nell’Europa che stenta a uscire dalla crisi, e sullo sfondo delle contestazioni ai governi nazionali, avanzano gli euroscettici, in alcuni casi con veri e propri record. E’ il FRONT NATIONAL di Marine Le Pen il simbolo del terremoto che scuote uno dei paesi più grandi dell’Ue, e che con il record storico del 25%, secondo le prime stime, mette all’angolo i socialisti del presidente François Hollande.
In Gran Bretagna anche l’UKIP di Nigel Farage rivendica di essere in testa e di aver sconvolto gli equilibri politici del Regno. In Grecia è terzo il partito ALBA DORATA che nonostante gli arresti e le gravi accuse di reati ottiene quasi il 10%.
E se in Olanda, dove si è votato giovedì, i populisti islamofobi del PVV di Geert Wilders hanno subito un forte arresto, in Danimarca è boom per l’estrema destra del DANISH PEOPLE PARTY, che sarebbe primo partito con il 23,1% guadagnando 3 deputati in più rispetto al 2009, mentre i nazionalisti di estrema destra del piccolo e neonato NPD tedesco otterrebbero un seggio nell’europarlamento. In Germania si afferma inoltre il partito antieuro ALTERNAIVE FUER DEUTSCHLAND (Afd) con il 6,5%. L'austriaco FPOE, il partito fondato negli anni '90 da Haider, ha visto raddoppiare i consensi raccolti superando il 20%.
Successo in Polonia del piccolo partito euroscettico KNP di Janusz Korwin-Mikke, che conquisterebbe 4 seggi col 7,2%.
I leader dei maggiori partiti antieuropeisti, guidati dal Front National, cercano ora di fare quadrato: fra martedì e mercoledì prossimi si riuniranno a Bruxelles per fare il punto della situazione dopo il successo registrato dalla formazione di Marine Le Pen. L’indicazione è giunta dal segretario della Lega Nord Matteo Salvini. Oltre al Fn e alla Ln, al gruppo - che si dovrebbe chiamare European Alliance for Freedom (Alleanza europea per la libertà), Eaf - dovrebbero aderire il partito della Libertà olandese di Wilders e l'austriaco Fpoe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oberto

    26 Maggio @ 09.46

    come sempre all'estero sono più coscienti di noi in merito alla situazione, e si dichiarano contrari a una Europa che impone politiche che non danno crescita, e mandano un messaggio chiaro con Le Pen agli extracomunitari. Noi invece votiamo gente che canta bella ciao, mentre regala miliardi alle banche!

    Rispondi

  • presente

    26 Maggio @ 06.23

    Cari comunisti, l' Europa ha deciso..... Preparatevi, la dipartita è assai vicina..... La gente è stanca del vostro lassismo...... Sentite condoglianze ( politiche ovviamente, come uomo vi rispetto e vi auguro lunga vita, ma..... senza bandiere rosse.)

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Elio e le Storie Tese, dopo 37 anni il valzer d'addio

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

1commento

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

19commenti

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

BASSA

Dalla Regione Lombardia arrivano 3 milioni per il ponte sul Po Video

Primo stanziamento per il ponte fra Colorno e Casalmaggiore

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

1commento

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Vola con la tuta alare e si schianta: morta una donna

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»