13°

31°

Droga

Fuori i condannati per piccolo spaccio

La svolta della Cassazione dopo la bocciatura della legge Giovanardi-Fini

Fuori i condannati per piccolo spaccio

Fumo

5

In due ore la Cassazione ha dato una mano alla soluzione del problema del sovraffollamento carcerario: i supremi giudici, infatti, presieduti dal Pprimo presidente Giorgio Santacroce, hanno dato il via libera alla riduzione delle pene definitive per gli spacciatori abituali di droghe leggere - o comunque in carcere per fatti di lieve entità legati agli stupefacenti - ai quali non erano state concesse le circostanze attenuanti prevalenti sulla recidiva dopo il giro di vite introdotto dalla Fini-Giovanardi.
Alcune migliaia di persone in cella, dunque, potrebbero presto uscire dalle prigioni: tre-quattro mila secondo una prima stima dell’amministrazione penitenziaria. Fino a diecimila secondo i numeri, meno cauti, forniti da Franco Corleone, il coordinatore dei garanti dei detenuti. Complessivamente, per reati legati agli stupefacenti, sono in carcere circa 21mila detenuti. Senz’altro - hanno chiarito subito fonti della Suprema Corte - non saranno rimessi in libertà i condannati per spaccio di droghe pesanti commesso con l’aggravante dell’associazione.
Quello fornito dalla Cassazione è un aiuto per il Guardasigilli Andrea Orlando che sottolinea come, adesso, in forza di questo verdetto, «l’uscita dall’emergenza carceri sarà più rapida». «Tra gli effetti delle misure sulle carceri - ammette il ministro - non avevamo previsto un’aggressione del giudicato». Le Sezioni Unite hanno spazzato via il dogma della cosiddetta «intangibilità» delle condanne definitive facendo prevalere il principio del «favor rei».
Che a uscire dalle carceri possano essere a questo punto migliaia di detenuti, non c’è dubbio: a confermarlo è la stessa Cassazione. Per capire quante migliaia, bisognerà affinare i calcoli e non è cosa facile. Ma una prima stima indicativa fornita da fonti dell’Amministrazione penitenziaria indica una forchetta tra 3 e 4 mila potenziali beneficiari.
La sentenza della Suprema Corte ha stabilito la possibilità di ricalcolare la pena per quanti sono stati condannati, anche in via definitiva, sulla base della Fini-Giovanardi bocciata dalla Consulta. La Fini-Giovanardi aveva eliminato la distinzione droghe pensanti-droghe leggere. Caduta la norma, la distinzione rivive. E con essa il distinto impianto sanzionatorio previsto in precedenza dalla Jervolino-Vassalli: le pene indistintamente comprese tra 6 e 20 anni, tornano ora per le leggere da 2 a 6 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gigiprimo

    30 Maggio @ 14.47

    vignolipierluigi@alice.it

    A L L E G R I A ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !

    Rispondi

  • eugenio

    30 Maggio @ 14.42

    D'altra parte si sà.. Meglio spacciare che pagare in ritardo.. Che paese schifoso.

    Rispondi

  • eugenio

    30 Maggio @ 14.38

    Complimenti.

    Rispondi

  • gigiprimo

    30 Maggio @ 14.14

    vignolipierluigi@alice.it

    allegria !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • Angelo

    30 Maggio @ 13.19

    Circa 10.000 nuovi posti di lavoro, daranno una mano alla crescita del PIL sommerso ma che ormai fà parte delle statistiche economiche ufficiali. Auguri a tutti

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

4commenti

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover