Droga

Fuori i condannati per piccolo spaccio

La svolta della Cassazione dopo la bocciatura della legge Giovanardi-Fini

Fuori i condannati per piccolo spaccio

Fumo

5

In due ore la Cassazione ha dato una mano alla soluzione del problema del sovraffollamento carcerario: i supremi giudici, infatti, presieduti dal Pprimo presidente Giorgio Santacroce, hanno dato il via libera alla riduzione delle pene definitive per gli spacciatori abituali di droghe leggere - o comunque in carcere per fatti di lieve entità legati agli stupefacenti - ai quali non erano state concesse le circostanze attenuanti prevalenti sulla recidiva dopo il giro di vite introdotto dalla Fini-Giovanardi.
Alcune migliaia di persone in cella, dunque, potrebbero presto uscire dalle prigioni: tre-quattro mila secondo una prima stima dell’amministrazione penitenziaria. Fino a diecimila secondo i numeri, meno cauti, forniti da Franco Corleone, il coordinatore dei garanti dei detenuti. Complessivamente, per reati legati agli stupefacenti, sono in carcere circa 21mila detenuti. Senz’altro - hanno chiarito subito fonti della Suprema Corte - non saranno rimessi in libertà i condannati per spaccio di droghe pesanti commesso con l’aggravante dell’associazione.
Quello fornito dalla Cassazione è un aiuto per il Guardasigilli Andrea Orlando che sottolinea come, adesso, in forza di questo verdetto, «l’uscita dall’emergenza carceri sarà più rapida». «Tra gli effetti delle misure sulle carceri - ammette il ministro - non avevamo previsto un’aggressione del giudicato». Le Sezioni Unite hanno spazzato via il dogma della cosiddetta «intangibilità» delle condanne definitive facendo prevalere il principio del «favor rei».
Che a uscire dalle carceri possano essere a questo punto migliaia di detenuti, non c’è dubbio: a confermarlo è la stessa Cassazione. Per capire quante migliaia, bisognerà affinare i calcoli e non è cosa facile. Ma una prima stima indicativa fornita da fonti dell’Amministrazione penitenziaria indica una forchetta tra 3 e 4 mila potenziali beneficiari.
La sentenza della Suprema Corte ha stabilito la possibilità di ricalcolare la pena per quanti sono stati condannati, anche in via definitiva, sulla base della Fini-Giovanardi bocciata dalla Consulta. La Fini-Giovanardi aveva eliminato la distinzione droghe pensanti-droghe leggere. Caduta la norma, la distinzione rivive. E con essa il distinto impianto sanzionatorio previsto in precedenza dalla Jervolino-Vassalli: le pene indistintamente comprese tra 6 e 20 anni, tornano ora per le leggere da 2 a 6 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gigiprimo

    30 Maggio @ 14.47

    A L L E G R I A ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !

    Rispondi

  • eugenio

    30 Maggio @ 14.42

    D'altra parte si sà.. Meglio spacciare che pagare in ritardo.. Che paese schifoso.

    Rispondi

  • eugenio

    30 Maggio @ 14.38

    Complimenti.

    Rispondi

  • gigiprimo

    30 Maggio @ 14.14

    allegria !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • Angelo

    30 Maggio @ 13.19

    Circa 10.000 nuovi posti di lavoro, daranno una mano alla crescita del PIL sommerso ma che ormai fà parte delle statistiche economiche ufficiali. Auguri a tutti

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I 100 anni di Kirk Douglas

Youtube

I 100 anni di Kirk Douglas Video

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Il 10 giugno

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

Palanzano

Sandra, la «musicista» delle campane

Progetto

L'auditorium a Busseto? Per ora non si fa

Lega Pro

Oggi Parma-Bassano

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

LEGA PRO

D'Aversa per la panchina, ballottaggio Sensibile-Faggioni per il ds. E' questione di ore Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

4commenti

incidente

Auto si ribalta a Fidenza: un ferito grave

Anteprima Gazzetta

Terremoto: l'aiuto di Parma

Domani si parla anche di San Leonardo, di coca a Sorbolo, di un incredibile furto a un asilo

parma senza amore

Dieci frigoriferi (con materasso e rifiuti) sul marciapiede di via Boraschi

9commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

2commenti

Sorbolo

Addio a Roberta Petrolini, la voce della Cri

cantieri e eventi

Come cambia la viabilità a Parma in settimana 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

LETTERE AL DIRETTORE

Una piccola storia nobile

2commenti

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

PISA

Bimba di 6 anni muore soffocata da una spugna a scuola

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery