22°

32°

Italia/Mondo

Madre e bimbi uccisi: coinvolti i Ris di Parma

Il procuratore: "Ancora nessun indagato"

Madre e bimbi uccisi: coinvolti i Ris di Parma
Ricevi gratis le news
0

Una donna di 38 anni i suoi due bambini una piccola di 5 anni e un maschieto di 20 mesi sono stati trovati uccisi la scorsa notte in una abitazione a Motta Visconti (Milano). A fare la tragica scoperta è stato il marito, al ritorno dalla partita. L'uomo al momento si trova in caserma dei carabinieri. Secondo le prime informazioni l’allarme ai carabinieri della Compagnia di Abbiategrasso (Milano) è giunto dal 118 intorno alle 2, quando l'uomo, un 32enne, è rientrato dopo aver visto la partita fuori casa, nella zona, da amici. Sul posto, in via Ungaretti, una zona residenziale di villette nella periferia del paese, si trovano i carabinieri della Rilievi per le investigazioni scientifiche sulla scena del delitto. 

L’uomo si trova in caserma per essere sentito, come pure vicini di casa e parenti. 

I corpi della donna e dei suoi due figli presentano ferite d’arma bianca al collo, compatibili con uno sgozzamento. 

Erano sposati da circa 6 anni Cristina Omes e Carlo Lissi, 31 anni, professionista milanese che li ha trovati rientrando a casa. I due bambini si chiamavano Giulia e Gabriele.  La coppia e i bambini vivevano in una villa della zona residenziale di Motta Visconti, all’angolo tra via Di Vittorio e via Ungaretti, dove in questo momento i carabinieri hanno chiuso la strada e tengono a distanza le televisioni e i fotografi in attesa dell’arrivo del magistrato.
La casa, su un solo piano e con un grande giardino davanti, è di proprietà della famiglia di lei e vi abitava fino a qualche tempo fa la madre della donna che però, alla morte del padre, si era ritirata in un appartamento lasciando la casa più grande a disposizione della figlia e del genero. Cristina, in particolare, era conosciuta da tutti perchè originaria del paese: “Lavorava come impiegata alle assicurazioni Sai a Motta. Ha sempre aiutato l’oratorio - dice un residente - e prima del secondo figlio faceva la volontaria in Croce Rossa”. Il marito, invece, un economista, lavora a Milano. 

“E' da tempo che assistiamo a una escalation di reati a Motta Visconti, soprattutto furti in abitazioni”. E’ il commento a caldo di Primo De Giuli, sindaco della cittadina, che lancia l’allarme sulla questione sicurezza. “Specialmente nelle villette è un continuo di furti, tanto che uno dei motivi per cui sono stato eletto è proprio per la mia promessa di creare una rete di videosorveglianza all’interno del paese. La gente non ne può più e pur avendo una stazione dei carabinieri ci sono solo sei militari che devono controllare quattro paesi e quindi si trovano in evidente sotto organico”.
“Pensi che solo due mesi fa c'era stato un furto proprio nella villa della vicina - racconta una donna che risiede in via Ungaretti -. So che la padrona di casa rientrando si era trovata i ladri in casa che per fortuna però erano scappati senza aggredirla. Pensi che avevano perfino divelto le inferriate alle finestre”.

 Sono ancora tutte aperte le ipotesi sulla strage avvenuta la scorsa notte a Motta Visconti (Milano), dove un uomo rincasando dopo la partita, ha trovato la moglie e i due figli uccisi. I carabinieri della compagnia di Abbiategrasso e del Nucleo investigativo dei carabinieri di Milano stanno sentendo il capo famiglia e i vicini e i parenti. Al momento però non si sbilanciano su alcuna ipotesi anche se la sensazione che si avverte dopo i primi rilievi scientifici è che la possibilità di una rapina finita nel sangue sia presa un pò meno in considerazione rispetto a una tragedia familiare, come ad esempio un omicidio-suicidio. L'efferatezza dell’esecuzione, infatti, e il fatto che sia stato ucciso anche il bambino più piccolo, incapace di testimoniare alcunchè, lascia pensare che l’obiettivo di chi ha agito sia stato il nucleo familiare e che la tragedia non sia la reazione degenerata di una rapina finita male.
Dopo i primi rilievi effettuati dalla sezione scientifica dei carabinieri di Milano si attende per stasera o domattina anche l'arrivo del Ris di Parma che effettuerà ulteriori analisi sul luogo del delitto.

“Non ci sono al momento ancora indagati”. A precisarlo è stato il procuratore capo di Pavia Gustavo Cioppa rivolgendosi ai giornalisti fuori dalla caserma dei carabinieri di Motta Visconti.
Il procuratore ha parlato di “indagini in corso” e ha espresso un cauto ottimismo sulla possibilità che il caso possa trovare una soluzione nelle prossime ore. Al momento però non si è ancora arrivati a definire un fermo. Dal breve incontro con il procuratore capo di Pavia all’esterno della caserma sono emersi particolari sulla dinamica della strage. Una cassaforte che si trovava nella villa è stata trovata aperta e svuotata dei contanti in essa contenuti definiti “cifra di poco conto”. Ma nè sul forziere nè sulla porta di ingresso sono state rilevate effrazioni macroscopiche. Il particolare della cassaforte aperta, non è detto che da solo configuri una rapina, perchè non si può escludere al momento che si sia trattato di una messa in scena. La dinamica del delitto è ancora in fase di accertamenti, ma intanto è stato confermato che l’arma del delitto non è ancora stata trovata, che la bimba di 5 anni è stata trovata nella sua stanza, il bambino nel letto matrimoniale, mentre il corpo della madre era riverso in soggiorno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

2commenti

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

13commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TERRORISMO

Barcellona: per la polizia sono tutti morti i quattro ricercati. Forse in Francia l'autista-killer

terrorismo

Barcellona, terza vittima italiana: Carmela, residente in Argentina

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti