-2°

Stati Uniti

Obama estende i raid contro Isis: "Li colpiremo ovunque"

Obama estende i raid contro Isis: "Li colpiremo ovunque"
Ricevi gratis le news
0

«Li colpiremo ovunque. Li distruggeremo. Non c'è alcun paradiso sicuro per chi minaccia l'America»: mancano poche ore al tragico anniversario degli attentati dell’11 settembre 2001 e Barack Obama parla in diretta tv alla nazione per spiegare la necessità di lanciare una nuova offensiva militare contro il terrorismo islamico. Quello degli jihadisti dell’Isis che avanza in Iraq e Siria e che rischia di diventare un pericolo serio anche per l'Occidente.
«Piccoli gruppi di assassini possono fare gravi danni. Per questo dobbiamo rimanere vigili», spiega il presidente americano in quello che in molti considerano come il discorso più delicato della sua presidenza. Lui che voleva chiudere un decennio di guerre si ritrova, suo malgrado, a dover combattere. Ma a differenza di 13 anni fa - promette - l’America non sarà trascinata in una nuovo conflitto come in Iraq o in Afghanistan. «Non saranno coinvolte truppe americane sul suolo straniero», scandisce. Ma allo stesso tempo annuncia che invierà a Baghdad altri 475 soldati, che insieme ai consiglieri militari già inviati nelle scorse settimane faranno salire la presenza armata degli Usa in Iraq a circa 1.600 unità. Il loro compito non è quello di partecipare a missioni di combattimento, ha però ribadito il Pentagono, ma quello di difendere il personale Usa e di supportare, non sul campo, le forze irachene.
Obama paragona quindi la strategia che verrà adottata contro l'Isis come quella già portata avanti «con successo in Yemen e Somalia». Una campagna «sistematica» fatta di massicci bombardamenti aerei, quelli che ora colpiranno gli uomini del califfo al Baghdadi ovunque essi siano, anche in Siria. Raid che avranno l’obiettivo di sostenere l’azione delle truppe che combattono contro gli jihadisti sul campo: iracheni, curdi e i gruppi di ribelli siriani considerati più moderati che riceveranno aiuti militari. «Ma non ci possiamo fidare del regime di Assad - chiarisce - un regime che terrorizza il suo popolo».
«Useremo tutta la nostra potenza aerea» nell’ambito di una campagna «prolungata e senza sosta», specifica dunque Obama, che però parla di «strategia articolata» che va oltre l’opzione militare. Insieme agli alleati si lavorerà su tutti i fronti per indebolire sempre di più l’influenza dell’Isis: dalla lotta alla propaganda jihadista, agli aiuti umanitari alle popolazioni minacciate, alla lotta per contrastare il flusso di combattenti stranieri (anche dall’Occidente) in Iraq e Siria.
«L'America guiderà una vasta coalizione per respingere la minaccia terrorista e distruggerla», spiega Obama, sottolineando come «solo l’America ha la capacità e la volontà di mobilitare il mondo contro il terrorismo. E gli americani hanno la responsabilità di esercitare questa leadership».
Poi un messaggio rivolto al mondo musulmano: «L'Isis non è l'Islam. Perchè nessuna religione può giustificare l’assassinio di persone innocenti e la barbarie». E di fronte alla furia jihadista i musulmani, sottolinea il presidente Usa, finora hanno pagato il prezzo più alto in termini di vittime.
Intanto poche ore prima del suo discorso Obama ha autorizzato 25 milioni di dollari in aiuti militari al nuovo governo iracheno e al governo regionale dei curdi in Iraq.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biancanve

fiabe

Biancaneve, gli 80 anni della prima principessa Disney

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

13commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

7commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

vela

Gabart, poco più di un mese per fare il giro del mondo in solitario

sci

Sofia Goggia e' tornata, Hirscher gigante in Badia

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande