ragusa

Loris: quei 6 minuti dell'auto della mamma vicino al mulino

Il bimbo aveva i polsi legati. Anche elicotteri per cercare zainetto

Loris: quei 6 minuti dell'auto della mamma vicino al mulino
Ricevi gratis le news
1



(ANSA) - SANTA CROCE CAMERINA (RAGUSA), 6 DIC - Sono 6 minuti quelli che potrebbero cambiare il destino di Veronica Panarello: i 360 secondi che, senza un’apparente spiegazione plausibile, la donna passa, la mattina della scomparsa del piccolo Loris, a poche decine di metri dal punto in cui troveranno ore dopo suo figlio morto. Perchè è lì? Perchè impiega 9 minuti per percorrere un tratto di strada che gli investigatori, rifacendolo in auto con lei, hanno percorso in 3 minuti? Domande che il marito e papà di Loris sembra non volersi porre, difendendo a spada tratta la moglie. «E' una mamma speciale - dice Davide Stival - non voglio che si infanghi il suo nome».
L’ennesimo tassello di un’inchiesta complessa e delicata arriva ancora una volta dalle telecamere, che finora si sono rivelate fondamentali per portare alla luce le contraddizioni del racconto fatto dalla mamma di Loris. Una donna distrutta che non è indagata e che continua a piangere chiedendo di essere lasciata in pace. E’ il grande fratello di Santa Croce Camerina, infatti, a documentare che il bambino sabato mattina non sale in auto con la mamma ma torna subito a casa. E dunque non arriverà mai a scuola. Ed è sempre lui che documenta come non solo Loris ma anche la Polo nera di Veronica non abbia mai raggiunto l'istituto Falcone e Borsellino.
L’occhio elettronico tradisce ancora una volta Veronica. "Dopo aver lasciato il bambino sono tornata a casa per sbrigare delle faccende domestiche...poi alle 9.15 sono uscita e sono andata al castello di Donnafugata» ha messo a verbale la mamma di Loris. Ma non è vero. La telecamera riprende l’uscita di casa alle 9.25 e alle 9.27 la polo di Veronica viene vista dalla telecamera del distributore della Erg sulla provinciale 35 che da Santa Croce porta a punta Secca, a 50 metri dalla strada che porta al Mulino Vecchio. Da questo punto in poi l’auto 'scomparè dalla vista delle telecamere per 9 minuti esatti: si rivede infatti alle 9.36 inquadrata in quella della ditta dei fratelli Granato, sempre sulla provinciale 35. Gli investigatori, con Veronica nell’auto, hanno rifatto il percorso e hanno impiegato 3 minuti. Dunque cosa è successo in quei 6 minuti? Cosa ha fatto Veronica in una strada che corre parallela a quella del mulino Vecchio? La madre di Loris non li ha ancora spiegati. Prima di raggiungere la tenuta di Donnafugata, inoltre, Veronica è tornata a casa, dove è rimasta tre minuti e mezzo o poco meno. A fare che?
Ma non sono le uniche domande ancora senza risposta. Una, forse più inquietante, la pone l’ulteriore novità che arriva dagli esami autoptici. Gli esperti che da giorni sono al lavoro per cercare di avere da quel povero corpicino più risposte possibili per incastrare l’assassino, o gli assassini, hanno aggiunto un altro tassello alla dinamica dell’omicidio. Loris è stato soffocato con delle fascette elettriche, ma delle fascette analoghe sono state utilizzate per bloccargli entrambi i polsi: l'autopsia ha infatti rilevato segni sul collo e segni evidenti sulla parte superiore di entrambi i polsi. Dunque il bambino è stato legato con le mani attaccate l’una all’altra.
Un’altra domanda che attende un chiarimento è: che fine ha fatto lo zainetto blu con le cinghie gialle di Loris? Buttato da qualche parte in mezzo alle campagne, è l’ipotesi degli investigatori che proprio per questo oggi l’hanno cercato per tutta la mattina, senza successo, facendo alzare in volo anche gli elicotteri. E intanto è tornato a parlare ancora una volta il cacciatore Orazio Fidone, che ormai tiene dei veri e propri comizi nella piazza di Santa Croce Camerina. Oggi ha ribadito che non è pentito di quel che ha fatto e di sentirsi sollevato, "anche se - dice - non ho mai avuto paura di restare impigliato" nella rete delle indagini. Per il momento è l’unico indagato per sequestro di persone e omicidio, ma il suo avvocato fornisce un altro pezzo di verità per scagionarlo. Perchè la domanda che ancora non ha avuto risposta è come mai Fidone è andato subito proprio in quel punto. Gli investigatori non escludono che, nel suo passaggio nella piazza del paese prima di iniziare le ricerche, possa aver avuto qualche indicazione da qualcuno vicino alla famiglia. Ma l’avvocato smentisce. «Tutto falso, anche perchè non è andato direttamente al mulino vecchio. Prima è stato in largo Fontana e poi all’hard discount. Solo allora è andato verso il canalone». (ANSA)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • E

    07 Dicembre @ 14.58

    Che scandalo trovi un cadavere e vieni indagato di omicidio...e se poi fosse stata la madre che tristezza come fai a legare i polsi del tuo bambini nel caso sarebbe una nuova Franzoni esaurita a tali punti..,forse il bambino non voleva andare a scuola e l ha risolta cosi..,mah che storie oscene Elena

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Colorno, tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza"

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

1commento

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS