-2°

tragedia

L'aereo malese precipitato non poteva volare quel giorno

Le autorità fermano il traffico AirAsia sulla rotta del disastro

L'aereo malese precipitato non poteva volare quel giorno

Recupero dei corpi del volo AirAsia QZ8501 che si è schiantato il 28 dicembre

Ricevi gratis le news
0

L’aereo AirAsia QZ8501 che si è schiantato il 28 dicembre non avrebbe dovuto prendere il volo, perchè senza licenza di farlo in quel giorno. Con la dinamica dell’incidente ancora incerta, e mentre le operazioni di recupero dei corpi sono rallentate dal maltempo, le rivelazioni delle autorità indonesiane aggiungono un sapore di beffa a una tragedia costata 162 vite. E al contempo, sollevano importanti questioni sulla sicurezza, le norme e le infrastrutture di controllo di un settore aereo che nell’ultimo decennio ha visto un boom del traffico nel popoloso arcipelago.
Secondo il ministero dei Trasporti di Giakarta, la compagnia aerea malese - che in Indonesia opera sotto il nome di un’affiliata locale - era autorizzata a volare quotidianamente sulla tratta Surabaya-Singapore fino allo scorso ottobre. Per la stagione invernale, tuttavia, il permesso era limitato alle giornate di lunedì, martedì, giovedì e sabato. E l’incidente è avvenuto di domenica.
Mentre non è ancora chiaro come l’AirAsia abbia potuto proseguire con voli giornalieri senza autorizzazione, le autorità hanno immediatamente sospeso il permesso per quella rotta, che sul sito della compagnia è ora «non disponibile».
Nel frattempo, nel mare di Giava prosegue il lento recupero dei detriti dell’Airbus 320-200 e dei corpi. Finora ne sono stati recuperati 46, ma solo tre di essi sono stati identificati, prolungando lo stillicidio di dolore per i familiari. Quanto al relitto, i sonar impiegati dalla task force multinazionale, composta da decine tra navi e aerei, hanno individuato due «enormi pezzi» sul fondale a 30 metri di profondità. Il persistere del maltempo causato dai monsoni, con correnti impetuose e onde alte fino a cinque metri, ha però impedito finora il ripescaggio. Le scatole nere, che contengono informazioni cruciali per far luce sulle cause del disastro, non sono state ancora localizzate.
L’incidente è avvenuto pochi minuti dopo la richiesta del volo QZ8501 di salire di quota per evitare delle nubi temporalesche. In base ai dati finora pubblicati, la maggior parte degli esperti crede che l’aereo sia entrato in fase di stallo dopo un’ascesa troppo verticale, che avrebbe fatto perdere il controllo ai due piloti. Altri ipotizzano tuttavia che il volo abbia quasi completato un atterraggio di emergenza sull'acqua, finito male sotto la forza delle onde. Secondo un rapporto dell’agenzia meteorologica indonesiana, l’eventualità "più probabile» è che i motori dell’Airbus si siano ghiacciati in quella sacca di estremo maltempo.
In ogni caso, le rivelazioni sul contesto dell’incidente stanno mettendo sempre più sotto esame il settore aereo in Indonesia (240 milioni di abitanti), che più di ogni altro Paese nella regione ha visto una crescita esponenziale dei voli nell’ultimo decennio. Oltre alle disposizioni disattese dalla AirAsia, la regina delle low-cost con lo slogan «Ora tutti possono volare», c'è anche il fatto che la richiesta dei piloti del QZ8501 abbia avuto risposta solo dopo due minuti, quando l'aereo era già sparito dai radar. Risposto che peraltro fu negativa, dato che nella zona stavano viaggiando altri sei aerei.(

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biancanve

fiabe

Biancaneve, gli 80 anni della prima principessa Disney

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

6commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

PADOVA

Azienda non riusciva a trovare 70 operai: dopo l'appello 5mila domande

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPORT

sci

Sofia Goggia e' tornata, Hirscher gigante in Badia

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande