11°

sbarchi

Arrestati migranti: 12 profughi cristiani gettati in mare. Naufragio a Trapani: 41 morti

Breaking News
Ricevi gratis le news
8

La polizia ha fermato alcuni migranti di fede musulmana  sbarcati nei giorni scorsi a Palermo dopo essere stati soccorsi nel canale di Sicilia perchè avrebbero gettato in mare alcune persone di fede cristiana durante la traversata per raggiungere l’Italia. Non è chiaro, al momento, se sono stati gettati cadaveri o persone in vita.

Un altro naufragio a Trapani

Un altro naufragio con 41 vittime sarebbe avvenuto nei giorni scorsi nel Canale di Sicilia. A sostenerlo 4 superstiti sbarcati stamane nel porto di Trapani dalla nave «Foscari» della Marina Militare. I 4 sopravvissuti hanno riferito agli operatori umanitari e alla Polizia, che sta valutando il loro racconto, di essere partiti in 45 da Tripoli su un gommone naufragato. I migranti tutti maschi - due provenienti dalla Nigeria, uno dal Ghana e uno dal Niger - hanno raccontato di avere preso il largo dalle coste libiche a bordo di un vecchio gommone i cui tubolari si sono ben presto sgonfiati. I naufraghi sono stati avvistati da un aereo in ricognizione nel Canale di Sicilia che ha dato l’allarme, ma quando la nave «Foscari» è giunta sul posto il gommone era già affondati e l’unità militare ha potuto recuperare solo i quattro superstiti.  Complessivamente sono 586 - tra i quali 78 donne, molte delle quali incinte, e 58 bambini, cinque dei quali neonati - i profughi raccolti dalla nave della Marina in tre distinte operazioni di soccorso e sbarcati stamane sul molo Ronciglio del porto di Trapani. I quattro naufraghi, dopo essere stati ascoltati dalla polizia, sono stati trasferiti temporaneamente nel Cie di Milo (Trapani). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    17 Aprile @ 17.56

    ADESSO HANNO COMINCIATO AD ATTACCARE LE NOSTRE NAVI ! Qualche giorno fa ci hanno tirato colpi d' arma da fuoco. La notte scorsa hanno tentato d' abbordare un nostro peschereccio , che è stato protetto da un' unità della nostra Marina Militare. SI STA VERIFICANDO UN' "ESCALATION" ! Non più solo i barconi traboccanti di migranti , ma anche attacchi contro le nostre navi ! ADESSO CI SPARANO ADDOSSO ! SIAMO SOTTO ATTACCO ! Continuiamo con "voemose ben" ? Continuiamo a pitturar mutande ?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    17 Aprile @ 12.26

    E' INUTILE CHE CONTINUIAMO A PITTURARE LE MUTANDE SUGLI AFFRESCHI DELLA CAPPELLA SISTINA ! SONO 1500 ANNI , MILLECINQUECENTO ANNI , CHE I MUSSULMANI ATTACCANO L' EUROPA CRISTIANA PER TERRA E PER MARE ! I pirati saraceni hanno terrorizzato il Mar Mediterraneo per secoli , saccheggiando le nostre navi e sbarcando sulle nostre coste. I loro eserciti sono arrivati fino alle porte di Vienna , contrastati dai Serbi che si sono fatti ammazzare tutti per difendere il nostro Continente , e che noi abbiamo ringraziato bombardandoli . Vasti Territori della Sicilia e della Spagna sono stati sotto dominio islamico. Non parliamo poi di Albania , Bosnia , Montenegro......... CON L' INVASIONE DEI BARCONI STANNO CERCANDO DI IMPOSSESSARSI DEL CUORE DELL' EUROPA , come non erano riusciti a fare nei secoli passati. Poi , se vogliamo continuare a pitturare le mutande , pitturiamo le mutande !

    Rispondi

  • corra

    17 Aprile @ 07.05

    siamo giunti ad un livello di demenza inaudita e noi accogliamo con tutti mezzi di sostentamento possibile questi criminali e ci dimentichiamo dei nostri cittadini che versano in condizioni economiche disastrose,stiamo dando prova di essere il popolo più cretino che la storie ricordi.

    Rispondi

  • jumbler

    16 Aprile @ 17.20

    La colpa deve essere sicuramente dei cristiani, i musulmani saranno stati provocati. Senza ombra di dubbio.

    Rispondi

    • Biffo

      17 Aprile @ 09.53

      Ho letto, infatti, commenti, dei soliti sinistri sinistroidi, che affermano che, quando ci si trova in moti, troppi, in uno spazio ristretto, è facile che scoppino delle risse, come in questo caso. Ma certo! Quindi, se sapremo, prossimamente che, su un treno di pendolari o sul metrò di Milano o Roma , è scoppiata una lite ed alcun i passeggeri sono stati, giustamente, scaraventati sui binari, non scandalizziamoci, ecchediàmine, può succedere!

      Rispondi

  • Caliburnus

    16 Aprile @ 17.08

    Cioè gettano in mare credenti cristiani per approdare in un paese con fede cristiana?

    Rispondi

    • Oberto

      17 Aprile @ 10.15

      Osservazione interessante! In effetti è il tipico modo di fare degli extracomunitari che arrivano in Italia, io sento degli ucraini per cui l'Italia è sterco, è sterco, non funziona nulla, da loro invece certe cose non accadono etc. etc. e allora cosa venite a fare?

      Rispondi

    • Biffo

      16 Aprile @ 19.14

      Può darsi, sapendo che razza di coglioni buonisti e calabrachisti siamo noi italiani; le nostre imbarcazioni della Guardia Costiera si fanno sparare contro da quattro criminali di scafisti, senza reagire, per non venir poi accusati di razzismo e xenofobia. Ma ormai ci cacano in testa persino i colibrì!

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

2commenti

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

ALLUVIONE

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

PARMA

I torrini del Battistero danneggiati: arrivano le impalcature Foto

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

PARMA

Accordo fra Tep e sindacati: oggi niente sciopero, autobus regolari

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

5commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

polizia

Via Pelizzi, i ladri narcotizzano il cane e minacciano con le mazze il padrone di casa

Tre furti compiuti, uno tentato e due cassaforti sparite in un solo pomeriggio

2commenti

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

AUTOSTRADE

Scontro fra due camion: mattinata di disagi attorno a Bologna

SPAZIO

E' atterrata la Soyuz: l'astronauta Paolo Nespoli è tornato sulla Terra

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

RUGBY

Carlo Orlandi (Zebre): "Cerchiamo di migliorare il possesso palla" Video

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS