15°

29°

MILANO

Coppia "diabolica" dell'acido: chiesti 15 anni per Martina e Alexander

Coppia "diabolica" dell'acido: chiesti 15 anni per Martina e Alexander
Ricevi gratis le news
0

Il pm di Milano, Marcello Musso, ha chiesto la condanna a 15 anni di carcere per Alexander Boettcher e per Martina Levato, la cosiddetta 'coppia diabolicà imputata nel processo con rito abbreviato per l’aggressione con l’acido al 22enne Pietro Barbini, avvenuta lo scorso 28 dicembre.

 Il pm, nel chiedere una condanna a 15 anni per entrambi gli imputati, ha spiegato che alla coppia non devono essere concesse le attenuanti generiche. Il broker Boettcher e la bocconiana Levato sono accusati di lesioni gravissime aggravate dalla crudeltà, dalla premeditazione e dai motivi abietti e futili. 

Stando alla ricostruzione dell’accusa, quella sera del 28 dicembre scorso, Martina avrebbe lanciato l’acido contro il volto di Barbini (la ragazza ha confessato), mentre Alexander lo avrebbe inseguito cercando di colpirlo con un martello. Il broker si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere. I due giovani, tra l’altro, sono imputati anche nel processo con rito immediato, fissato per il prossimo 6 luglio, per una serie di altre aggressioni con l’acido, assieme al presunto complice Andrea Magnani.
La difesa di Boettcher ha già preannunciato che non chiederà il rito abbreviato in questo procedimento, mentre le altre due stanno ancora facendo valutazioni. 

Il legale di Pietro Barbini, il 22enne sfigurato con l’acido lo scorso 28 dicembre a Milano, ha chiesto un risarcimento da 2,8 milioni di euro a carico di Alexander Boettcher e Martina Levato, imputati per quell'aggressione.
Il difensore di parte civile, l’avvocato Paolo Tosoni, inoltre, ha chiesto, sempre a carico dei due giovani, una provvisionale di risarcimento immediatamente esecutiva di 1,2 milioni di euro per i danni fisici riportati dal ragazzo che ha già subito 14 interventi chirurgici al volto e altri ne dovrà subire.
Dopo l’intervento del pm, che ha chiesto condanne a 15 anni, e della parte civile, i giudici della nona sezione penale di Milano hanno aggiornato l’udienza al 9 giugno per le arringhe delle difese e per la sentenza. 

«E' una richiesta di pena al limite di quanto mi aspettassi, e comunque adeguata, anche se si poteva arrivare a chiedere una pena anche maggiore». Così l’avvocato Paolo Tosoni, legale di parte civile di Pietro Barbini, sfigurato con l’acido il 28 dicembre scorso, ha commentato con i cronisti la richiesta di condanna a 15 anni di carcere per Alexander Boettcher e Martina Levato.
«Io ho sempre detto che avrei ritenuto adeguata una richiesta di condanna a non meno di 15 anni - ha chiarito il legale - e oggi è arrivata una richiesta comunque adeguata alla gravità dei fatti». Il legale ha ricordato che nei confronti del 22enne Barbini la coppia ha messo in atto «un’azione gravissima e devastante anche per il suo futuro», tanto che il ragazzo ha già subito 14 interventi chirurgici.

Alexander Boettcher e Martina Levato aggredendo con l’acido il 22enne Pietro Barbini hanno agito spinti da «ragioni di rivalsa, di spirito punitivo, di morboso desiderio di 'purificarè o 'lavare" la coppia da precedenti rapporti amorosi».
Lo si legge nelle 45 pagine di note scritte depositate dal pm di Milano Marcello Musso che oggi ha chiesto 15 anni di carcere per la cosiddetta 'coppia diabolicà nel primo dei due processi che li vede imputati.
Il pm nella requisitoria scritta, che è servita da canovaccio per l’intervento in aula, dopo aver evidenziato la «manifestata espressione da parte degli imputati di malvagità umana», ha spiegato che i motivi che hanno spinto i due sono anche "espressione di un sentimento spregevole». E ciò che hanno messo in atto è stata una «azione criminosa che appare ancor più riprovevole se si considera che la vittima è un compagno di scuola ed un amico della Levato, con il quale la stessa ha pure intrattenuto un rapporto sessuale, oltre che una lunga corrispondenza: dunque vi è il voltafaccia sull'amicizia - scrive il pm - sentimento fondamentale della vita sociale».
Nulla, secondo il pm, nemmeno il fatto che Barbini minacciasse, a detta della ragazza, di «'rovinarè l’immagine pubblica» della bocconiana diffondendo «aspetti non solo riservati, ma intimi» dei loro rapporti, può giustificare "l'aggressione da lui patita». Nessuna attenuante, quindi, nè per il broker nè per la bocconiana, i quali, pur avendo avuto ruoli diversi nell’aggressione con l’acido, per la Procura meritano la stessa pena: oltre 22 anni di reclusione, ridotti a 15 anni per lo sconto di un terzo sulla pena previsto dal rito abbreviato.

Martina Levato ha una personalità "borderline» che le ha «causato una incapacità di intendere e di volere» al momento delle aggressioni con l’acido. E’ quanto ha spiegato ai cronisti il legale della bocconiana, l’avvocato Daniele Barelli, facendo riferimento ad alcuni passaggi della relazione degli psichiatri-consulenti della difesa, depositata agli atti del processo per il 'blitz' contro Pietro Barbini.
La perizia psichiatrica disposta dal Tribunale, invece, ha accertato la piena capacità di intendere e di volere di Martina e del suo amante Alexander Boettcher. Secondo il difensore, però, i consulenti di parte hanno stabilito che il disturbo borderline di cui soffre la ragazza potrebbe aver influito, in modo parziale o totale, sulla sua capacità di intendere e di volere. Elemento questo che verrà ripreso, come ha chiarito il legale, nell’intervento della difesa nella prossima udienza.

«Fra qualche mese nascerà un bimbo, che, come tutti i bambini, è sacro e senza alcuna colpa, e per questo vi chiedo rispetto e vi prego di essere sensibili». Così la madre di Alexander Boettcher, accusato insieme all’amante Martina Levato di una serie di aggressioni con l’acido, si è rivolta ai cronisti, in una pausa dell’udienza del processo che vede imputata la coppia per aver sfigurato il 22enne Pietro Barbini lo scorso 28 dicembre.
La bocconiana Martina Levato, infatti, è incinta di 6 mesi e si trova in carcere dallo scorso dicembre. La madre di Alexander, Patrizia Ravasi, ha chiesto quindi alla stampa di essere «sensibile» perchè tra qualche mese nascerà il figlio della coppia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Il caffè? Lo pago con la carta

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

CALCIO

D'Aversa si racconta

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

OSPEDALE

Il Maggiore: «Sostituiremo al più presto le sonde rubate»

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti