monopoly

Vicolo Stretto compie 80 anni ed è una icona pop

5-11-1935 prima scatola Italia. Infinite edizioni: ora Star Wars

Monopoly, Vicolo Stretto compie 80 anni ed e' icona pop
Ricevi gratis le news
0

Tablet, smartphone, videogiochi, app, non c'è ricerca che non testimoni ormai la nostra dipendenza dai device per ogni attività, prima di tutte l’intrattenimento. Per i giovani poi non esiste altro, tant'è vero che anche il cinema, la musica e la tv passano lì dentro in pochi centrimetri quadrati. Ma qualcosa sfugge all’ingranaggio, magari con aria vintage come il calcio balilla o polverosa come la scatola del Monopoly. Ecco così che ci ritroviamo a festeggiare un anniversario tondo, 80 anni - il 5 novembre 1935 la prima scatola italiana, pochi mesi dopo (era il 19 marzo, stesso anno) quella americana - del gioco in scatola più famoso e amato e soprattutto ancora in sella, con nuove edizioni e nuovi abiti cuciti da Hasbro, come gli ultimissimi Giro del Mondo e l’ancora inedito Star Wars.
Parco della Vittoria, Vicolo Stretto... ciascuno ha i suoi ricordi e le sue tattiche: compro tante abitazioni da poco prezzo o punto subito ai Parioli? Strategie finanziarie da imprenditori in erba, di quando avevamo pochi anni e per soldi i foglietti di carta del gioco, con i dollaroni stampati e si estraeva a sorte per scegliere il segnalino. Battaglie tra fratelli o con tutta la famiglia o in maratona notturna come tra amici all’università: uno dei segreti del successo è certamente la condivisione, magari solo un’ora ed è subito casa. E oggi ancora giocare di nuovo quasi non fosse cambiato nulla. Accade con poche cose, due mani a briscola, una partita a scacchi. Un lusso incredibile quando accade e una grande soddisfazione vedere i giovani di oggi giocare ancora con Imprevisti, Probabilità, Andare in prigione senza passare dal via.
I numeri sono incredibili: più di 1 miliardo di giocatori in 114 paesi nel mondo, in 47 lingue, e oltre 350 milioni di scatole vendute. Dalla prima partita al Monopoly sono state costruite oltre 6 miliardi di casette verdi e più di 2 miliardi di alberghi rossi. E si stampano, leggenda vuole, più soldi del Monopoly che dollari veri.

Le curiosità infinite, come la versione più preziosa al mondo, quella del 1998 creata dal gioielliere Sidney Mobell: un Monopoly tutto d’oro e pietre preziose dal valore di 2 milioni di euro. O il viaggio nello spazio a bordo dello Space Shuttle Atlantis (nel 2007), persino un documentario dedicato e premiato con l’Emmy (2010), The Monopoly Story.
Tutto comincia da Charles Darrow, il creatore del Monopoly che basò il gioco sulla 'planimetrià della sua città Atlantic City. Era il 1933 e ne fece un prototipo con oggetti che aveva in casa. Provò a vederlo alla Parker Brothers che lo rifiutò sostenendo che c'erano 52 errori, prima di tutti la complessità. Darrow non si diede per vinto, depositò il copyright e lo commercializzò in un grande magazzino della sua città. Vedendo che le vendite andavano benone, la Parker Brothers riconsiderò l'affare - questo sì che è fiuto - e ne acquistò i diritti. Il successo, correva l’anno 1935, fu immediato in America: già 35 mila scatole il primo anno per appena 2 euro ciascuna.
Hasbro, già un colosso, acquistò direttamente la Parker e fu così che già nel '35 il boom fu mondiale, anche per la distribuzione in Europa, tramite la Waddington inglese che adattò le strade alle meglio conosciute vie di Londra.
E in Italia? L’edizione venne localizzata e commercializzata a partire dal 1935 da Emilio Ceretti. Essendo in pieno regime fascista, le leggi dell’epoca proibivano l’utilizzo di nomi inglesi, così venne deciso di italianizzare il nome mantenendo al contempo la pronuncia all’inglese. I nomi delle vie erano quelli della Milano dell’epoca, con l’eccezione di Vicolo Corto e Vicolo Stretto, ma dopo la caduta di Mussolini alcuni nomi, come Via del Fascio, vennero sostituiti con altri più neutrali. Il resto è storia, quella di un’icona pop, un simbolo lifestyle che ha resistito ad ogni videogame.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

In manette la banda delle spaccate: 2 giovani arrestati dai carabinieri

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

Emergenza

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

7commenti

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

INTERVISTA

Il prefetto: "Migranti, a Parma numeri destinati a calare" Video

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

DIPENDENZA

Droga: il racconto di chi ne è uscito 

Una sera con i Narcotici Anonimi

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

7commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

INSERTO

Speciale Sposi: guida al giorno del «sì»

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Conto da 1.100 euro: i turisti giapponesi denunciano alla Finanza

MILANO

Tassista abusivo violenta due giovani passeggere

SPORT

manifestazione

Bimbi e tifosi abbracciano il Felino (contro tutte le mafie) Gallery

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

SOCIETA'

GIOCATTOLI

I mitici mattoncini Lego compiono 60 anni Video

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova